Matthew Mitcham si racconta



Matthew Mitcham è un ragazzo 20enne australiano. Alle olimpiadi di Pechino era l'unico atleta maschio dichiaratamente gay su quasi 11 mila partecipanti.
Alla finale di tuffi, però, è riuscito a battere nella finale dei tuffi dai 10 metri l'agguerrita nazionale cinese, aggiudicandosi la medaglia d'oro con un punteggio di 112.10, il più alto mai assegnato per un tuffo olimpico.
In un'intervista che verrà pubblicata nel numero di marzo della rivista "The Advocate" si racconta.
"Non voglio essere solo la magia di un minuto -afferma- voglio continuare ad essere il migliore, cosicché quando la gente guarderà indietro, non ci saranno dubbi in loro sul fatto che Matthew Mitcham sia stato il miglior tuffatore del suo tempo. Non voglio che la gente pensi che vincere la medaglia d'oro a Pechino sia stata solo fortuna".
Matthew, però, affronta anche temi meno felici come, ad esempio, il fatto di non avere ancora trovato uno sponsor nonostante i risultati ottenuti nella sua carriera sportiva. Dietro a questo c'è il sospetto che il suo coming out lo abbia penalizzato: in un ambiente come quello sportivo dove l'omosessualità viene spesso negata, la sua visibilità potrebbe portare molte aziende a decidere di non investire sulla sua immagine. Il tuffatore Alex Croak, amico di Matthew e compagno di allenamento, nutre gli stessi dubbi: "Uscire allo scoperto potrebbe non essere stato saggio da parte sua. Non sono un esperto di marketing e non so cosa cerchino le compagnie, ma probabilmente questo lo danneggia dal momento che per le società sarebbe un rischio".

Immagini: [1] [2] [3] - Video: [1] [2]
2 commenti