Archivio: marzo 2009

Videoteca: Yossi & Jagger

Pubblicato il


"Yossi & Jagger" è un film israeliano diretto da Eytan Fox ed uscito nel 2002. la pellicola ha una durata peculiare: solo 65 minuti, ma di certo la brevità della storia non influenza per nulla la sua intensità.
E' la storia di Yossi (Ohad Knoller) e Jagger (Yehuda Levi), due militari israeliani impegnati in una base militare ai confini del Libano. I due vivono una storia d'amore ma ognuno di loro ha la sua visione di come impostare tale rapporto: Yossi, militare in carriera, desidera che la storia resti nascosta mentre Jagger, un militare semplice, vorrebbe poterne parlare apertamente e presentare il compagno alla sua famiglia una volta terminato il servizio di leva.
Presso l'accampamento giungono anche due soldatesse, una delle quali innamorata di Jagger ma incapace di trovare il momento giusto per dichiarare il suo amore.
La trama ha una svolta quando reparto verrà incaricato di compiere un'azione notturna...
Nel film viene affrontata per la prima volta il tema dell'omosessualità all'interno dell'esercito Israeliano. Il giudizio espresso dal pubblico e dall'esercito stesso nei confronti del film è stato comunque particolarmente lusinghiero al punto da essere proiettato anche all'interno di numerose caserme.
Una curiosità è il fatto che il film sia stato proiettato per oltre due mesi consecutivi nelle sale di Tel Aviv registrando sempre il tutto esaurito.
Yehuda Levi (Jagger) è considerato il "Tom Cruise d'Israele" ed è molto conosciuto in patria per aver preso parte alla serie televisiva di successo "To Love".

Video: [1]


La storia del cinema gay

Pubblicato il


Sforzando un po' il contesto storico, la prima apparizione dell'omosessualità nel cinema può essere fatta risalire al 1895 quando un film sperimentale della Edison appaiono due uomini che ballano un valzer.
Il cinema muto era ricco di rapide apparizioni di gay, rappresentati da gestualità affettata, truccati o con all'occhiello un garofano verde (simbolo distintivo dello scrittore omosessuale Oscar Wilde). Tali apparizioni avevano come scopo il suscitare le risate del pubblico. E' il caso -ad esempio- di "A Florida Enchantment" (1914) dove una coppia di uomini propone a due donne di ballare: le due si guardano ed incominciano a danzare insieme e i due uomini, rimasti senza compagna, seguono il loro gesto e ballano assieme.
Cattolici e protestanti contestarono tanta libertà nel cinema e le nascenti commissioni di censura iniziarono ad eliminare ogni traccia di rappresentazione dell'omosessualità. In ogno caso i personaggi sessualmente ambigui (che negli anni successivi vennero rappresentati in modo sempre più velato, sottolineando aspetti marginali come, ad esempio, l'attaccamento alla madre) erano quasi sempre personaggi negativi, che di solito pativano con la morte le loro colpe: come, ad esempio, Plato, personaggio velatamente gay in "Gioventù bruciata" (1955).
In "La gatta sul tetto che scotta" (1958), contrariamente all'opera teatrale, l'attrazione tra il protagonista ed un amico è solo accennata. In "Improvvisamente l'estate scorsa" (1960) addirittura non viene mai mostrato per tutto il film il volto del protagonista omosessuale.
Il moralismo di quegli anni andò man mano placandosi. In "Sapore di miele" (1962) una madre sola incontra un gay dolce e sensibile che si offrirà di sposarla anche se, dopo una breve parentesi, i due torneranno single.
Per assurdo, in quegli anni l'Italia è molto più liberale degli Stati Uniti: è da segnalare "La dolce vita" di Federico Fellini, tranquillamente interpretato da alcuni personaggi gay molto noti in Italia all'epoca come Giò Stajano e Dominot.
Negli anni Settanta, Vittorio Caprioli gira uno tra i film a tematica gay tra i più famosi della produzione italiana: "Splendori e miserie di Madame Royale" con un Ugo Tognazzi che interpreta un gay effeminato che al termine del film viene ucciso e il suo cadavere travestito ripescato nelle acque di un lago.
Sempre in quegli anni vengono prodotti film come "Morte a Venezia" (1970), "Festa per il compleanno del caro amico Harold" (1970), "Domenica maledetta domenica" (1971), "Je t'aime moi non plus" (1975), "Sebastiane" (1976) ed "Ernesto" (1979).
Dagli anni novanta vi è stato un vero e proprio proliferare di nuove produzioni indipendenti a tematica LGBT, grazie alla creatività di nuovi cineasti.


Edilson Nascimento e Adam Phebus per N2N

Pubblicato il


E' uscita la nuova, audace, collezione di costumi da bagno ed intimo firmati N2N. Per la campagna sono stati scelti due modelli di tutto rispetto: Edilson Nascimento e Adam Phebus. In alcune foto, i due indossano modelli particolarmente provocanti che ben poco lasciano all'immaginazione e ben mettono in mostra alcune loro doti "nascoste".

La carriera di Edílson Nascimento, nato il 1° aprile 1986 in Brasile, iniziò a soli 16 anni (nonostante una pausa dopo la sua prima apparizione in occasione della settimana della moda di Paraíba). Nel 2007 partecipò a Mr. Brasile, anche se non conquistò la vittoria. Il suo successo fu in parte dovuto ad alcune fotografie sexy pubblicate sul sito "Uva e Banana" che ben presto fecero il giro del mondo attraverso Internet.
Adam Phebus, invece, iniziò a posare nel 2005, sopo essersi trasferito dal Michigan a Los Angeles. Attraverso il suo lavoro da modello, Adam dichiara di voler far soldi e di voler associare un nome alla sua immagine. In questi anni Adam ha posato anche per Abercrombie and Fitch, Out Magazine, Instinct Magazine e Gianfranco Ruffini.

Edilson Nascimento: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]
Adam Phebus: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]


La verità è che non gli piaci abbastanza

Pubblicato il


Tratto dal bestseller di due sceneggiatori di "Sex and the City", Greg Behrendt e Liz Tuccillo, è uscito negli Stati Uniti il film "La verità è che non gli piaci abbastanza". Il cast è di prim'ordine: si va da Ben Affleck a Jennifer Aniston, da Scarlett Johansson a Drew Barrymore e da Jennifer Connelly a Kris Kristofferson.
La storia ruota attorno a tre donne, colleghe d'ufficio: Gigi (Ginnifer Goodwin) è single e desiderosa di conoscere un uomo; Janine (Jennifer Connelly) è la moglie di Ben (Bradley Cooper), invaghitosi di una formosa insegnante di yoga; Beth (Jennifer Aniston) è una donna in piena crisi del settimo anno che vorrebbe sposarsi con lo storico fidanzato Neil (Ben Affleck) che però pare pià interessato alla sua barca che ad una vita di coppia.
Attorno a loro ruotano vari personaggi, tutti accomunati dalla loro comune ricerca di una storia sentimentale. Fra questi Mary (Drew Barrymore), un'impiegata nella redazione della rivista gay Blade: grazie ad un annuncio piazzato fra le fotografie di maschi seminudi, conosce un agente immobiliare etero che, per colpa del suo abbigliamento per così dire , viene scambiato per omosessuale in occasione di una festa gay.


Marcus Patrick nudo

Pubblicato il


Marcus Patrick nasce a Patrick Marcus Osbourne (Inghilterra) il 5 giugno 1974, ma la sua carriera di attore si è svolta per molti anni negli Stati Uniti.
Ha preso parte a serie come "My Wife & Kids", "CSI:Miami" e "Passions". Nel 2006 è parte dle cast della soap opera "All My Children playing" nel ruolo di Jamal Cudahy. Alcuni diverbi son la produzione lo porteranno ad abbandonare quel ruolo.
Nel 2007 è entrato a far parte del cast di "Days of our Lives" nel ruolo di Jett Carver. Venne però licenziato dopo cinque mesi, a sua stesso dire per colpa di un servizio fotografico di nudo integrale apparso nel numero di novembre 2007 di Playgirl. In modo particolarmente inusuale per un personaggio famoso, Marcus posò con il pene in erezione.
Oltre alla carriera di attore, Marcus è anche un cantante (la sua carriera inizio nella boyband Worlds Apart e proseguì come solista).

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Lo spot della Renault Clio

Pubblicato il


Un automobilista e un poliziotto sono i due protagonisti del nuovo spot della Renault Clio. Il poliziotto si avvicina a sirene spiegate e blocca una macchina, il terrore si scorge negli occhi del ragazzo mentre il poliziotto scrive un blocchetto quella che sembra a tutti gli effetti una multa e poi il divertente epilogo (che per chi non avesse ancora visto lo spot non vi sveliamo per non rovinare la sorpresa).

Clicca qui per guardare lo spot.


Sean Lamont nudo

Pubblicato il


Dopo il successo riscontrato dal post dedicato a Steve Tabary, rugbista che è stato ripreso in un nudo integrale durante il backstage per la realizzazione del calendario "Dieux Du Stade", vi proponiamo un altro sportivo apparso senza veli sempre nel backstage di quel calendario.
Si tratta di Sean Lamont, giocatore di rugby scozzese, che dopo essersi mostrato senza veli nel filmato del backstage, fece così scalpore da venir citato anche dalla stampa tradizionale non tanto per meriti sportivi (come consuetudine) ma per commenti alle dimensioni del suo pene.
Anche in questo caso la notizia non è di primo pelo (anzi, è datata di due anni!) ma in fondo un pretesto per rifarsi un po' gli occhi non gusta quasi mai...

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1]


Valerio Scanu arriva secondo

Pubblicato il


Alessandra Amoroso vince la finale di "Amici 8", il reality show condotto da maria de Filippi. Valerio Scanu, invece, si aggiudica il secondo posto. Senza nulla voler togliere ad Alessandra, dedichiamo questo posto al più alto in classifica fra gli uomini che hanno partecipato a questa edizione del programma.
Valerio ha 18 anni ed è di origini sarde. Fin dall'inizio dell'anno, in molti l'hanno paragonato a Marco Carta (il vincitore della scorsa edizione di Amici e vincitore del Festival di san Remo di quest'anno), non solo per le origini, ma anche per il comune maestro di canto, Luca Jurman.
La prima apparizione in televisione di Valerio risale al 2002, quando partecipò a "Bravo Bravissimo" interpretando un brano di Alex Baroni.
A 17 anni, in seguito alle pressioni della zia, và in Francia per partecipare al casting della versione francese di "American Idol" ma viene scartato perché ritenuto troppo giovane. Partecipa anche a quello per "X-factor", ma ancora una volta viene scartato per la sua giovane età. L'anno successivo entra nella scuola di Amici arrivando in finale.


Berlino contro l'omofobia

Pubblicato il


Si tratta di una campagna pubblicitaria presentata qualche giorno fa dal sindaco di di Berlino, Klaus Wovereit. Realizzata dall'associazione Lsvd con lo scopo di contrastare l'omofobia, la campagna prevede l'affissione nelle stazioni della metropolitana cittadini di tre diversi cartelli: uno con l'immagine di un bacio fra due donne, uno con un bacio fra due uomini e uno con un bacio etero. Su tutti e tre i manifesti campeggia la scritta "L'amore merita rispetto" scritta in tedesco in arabo e in turco. Inutile sottolineare che quella frasi indici come l'amore, indipendentemente dalle sue forme, sia un sentimento da rispettare.

Immagini: [1] [2] [3]


La bellezza maschile nella storia

Pubblicato il


Da sempre l'uomo ha cercato di definire dei canoni di bellezza. Lo scultore greco Policleto di Argo (V secolo a.C.) fu il primo -almeno in base ai dati che abbiamo a disposizione- a definire con chiarezza e rigore scientifico quale dovesse essere il canone di bellezza maschile. Prese le misure di diverse parti del corpo ad un certo numero di uomini, calcolò la misura media di ciascuna parte e le impose tali misure come ideale di bellezza.
Durante il Medioeveo, il corpo maschile non venne valorizzato come in età classica: gli uomini erano soliti coprire il proprio corpo con abbondanti strati di abiti. Gli unici soggetti nudi raffigurati in quest'epoca furono il Cristo in croce e Adamo ed Eva.
Durante il Rinascimento ci fu una riscoperta del corpo, anche se l'arte si concentrò principalmente sulla figura femminile mentre l'uomo venne per lo più rappresentato in maniera realistica.
Attualmente il canone predominante pare essere l'uomo con spalle larghe e fianchi stretti. Alcune culture, però, basano i loro canoni di bellezza sulle dimensioni del pene. Tribù come i Sirionò o gli Husa pensano che i loro genitali debbano essere il più grande possibile. E' curioso il paragone con l'età classica, quando i greci predilivano peni piccoli, considerando quelli grossi una caratteristica degli omosessuali passivi.

Sempre in tema di dimensioni, propongo due curiosi passi di alcuni scritti antichi. Il Kama Sutra suggerisce un metodo per ingrossare il pene (metodi che vi sconsiglio vivamente di non provare!). Il pene va strofinato con peli di determinati insetti che vivono sugli alberi e poi cosparso da unguento fino a quando non si manifesta un gonfiore. A questo punto l'uomo deve sdraiarsi supino e rimanere a letto per dieci giorni facendo pendere il pene da un buco.
L'Annangga Rangga (manuale erotico indù successivo al Kama Sutra) pare sostenere la tesi inversa: sta scritto, infatti, che "l'uomo con il lingga (pene) lungo sarà poverissimo, quello col lingga grosso sarà fortunato, quello con il lingga corto sarà un rajà".


Andy Roddick nudo per beneficienza

Pubblicato il


Andy Roddick (nato il 30 agosto 1982) è un giocatore di tennis professionista americano. Nel 2003 ha vinto gli U.S. Open e negli ultimi sette anni si è sempre qualificato fra i migliori 10 agli ATP. Nel 2007 ha fatto parte del team americano alla Davis Cup, conquistando la vittoria.
Carino e fisicato, ha permesso di ammirare il suo fisico mostrandosi spesso a torso nudo. negli ultimi mesi, però, è tornato a far parlare di sé per aver deciso di mostrare qualcosa di più... In occasione del 16° Annual Advanta World Team Tennis Smash organizzato da Elton John per la raccolta di fondi a favore della ricerca sull'AIDS, Andy ha messo all'asta una lezione di tennis da un'ora che, però, avrebbe condotto completamente nudo.
Ad aggiudicarsi la lezione a "luci rosse" è stata una sua fan che è arrivata ad offrire ben 15.000 dollari. Se l'investimento non le sarà bastato a migliorare il suo stile di gioco, è probabile presupporre che le sia servito almeno per rifarsi gli occhi...

Immagini: [1] [2] [3] [4]


David Chokachi in Witchblade

Pubblicato il


Come dimenticarsi di David Chokachi, l'attore che interpretava Cody Madison nella serie Baywatch. In quegli anni, l'attore ha mostrato il meglio di sé, interpretando numerose scene con un costume attillato e movimenti che facevano risaltare la sua muscolatura.
Di tempo ne è passato, ma la bellezza dell'attore pare essersi fermata a quegli anni e, recentemente, in una scena del telefilm "Witchblade" pare farci rivivere quei momenti, grazie ad una scena dove appare completamente nudo (anche se copre con un oggetto le sue parti basse). La telecamera, però, ci propone anche un primo piano dei glutei di David, regalandoci un'inquadratura che forse ai tempi di Baywatch avevamo solo potuto immaginare.
In fondo al post alcune immagini tratte dall'episodio e il video della scena in questione. Buona visione!

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] - Video: [1]


Live! Ascolti record al primo colpo

Pubblicato il


Qual è il limite di un reality? E' questa la domanda che ha ispirato il nuovo thriller di Bill Guttentag, "Live! Ascolti record al primo colpo".
Nel film viene ipotizzato un reality estremo, dove sei concorrenti si giocano un montepremi da cinque milioni di dollari alla rulette russa. Un tamburo, un solo proiettile e la possibilità di morire in diretta TV.
Il voluto da una dirigente del canale televisivo, Katy Courbet, che è ossessionata e pronta a tutto per far salire gli indici d'ascolto.
Costruito come un mockumentary, ossia un finto documentario in soggettiva sullo stile di RTV, il film ha una trama un po' carente, perlomeno secondo alcuni critici cinematografici, ma offre importanti spunti di riflessione anche in considerazione del fatto che nel mondo reale si sta osando sempre di più nella creazione di nuovi format per reality volti solo ad alzare l'indice di ascolto sulle disgrazie e sulle storie altrui.
Fra i protagonisti giunti in finale anche un gay, Pablo Rodriguez, un giovane portoricano povero e particolarmente legato alla madre.


Gethin Jones

Pubblicato il


A vederlo in queste immagini non si direbbe, ma il suo successo è legato principalmente alla conduzione di un programma per bambini. E' Gethin Jones che qui vediamo immortalato in un servizio fotografico per la rivista Attitude.
Gethin nasce il 12 febbraio 1978 a Cardiff, Wales (UK). Durante l'infanzia impara a suonare il pianoforte e il violino. Si iscrive ala facoltà di geografia e economica e inizia a giocare a Rugby nella squadra universitaria. Nel rugby ottiene ottimi risultati, al punto che gli viene offerta la possibilità di giocare in maniera professionistica: alcune difficoltà economiche non gli permetteno di proseguire quella carriera.
Gethin inizia a lavora come impiegato in banca e assistente telefonico, ma la sua carriera televisiva ha inizio qualche tempo dopo con conduzione del programma per bambini "Popty" trasmesso dall'emittente gallese S4C.
Nel 2005 approda sui canali nazionali, divenendo il 31° conduttore della trasmissione per ragazzi "Blue Peter" della BBC (la trasmissione per bambini più longeva del Regno Unito), conduzione durata fino al giugno del 2008.
Dal 2008 co-conduce "E24", una trasmissione di informazione trasmessa da BBC News.

Immagini: [1] [2] [3]


In cucina con Johnny Hazzard

Pubblicato il


La TV utile va sempre più di moda: nel corso degli anni si sono moltiplicati i programmi che si occupano di proporre idee e suggerimenti per compiere normali azioni quotidiane. Fra queste non mancano di certo trasmissioni dedicate alla cucina.
Il web non si è stato a guardare e anche i siti che propongono videoricette ed altri consigli sulla vita quotidiana hanno popolato la rete.
Johnny Hazzard, nato il 21 settembre 1977 a Cleveland (Ohio, Stati Uniti), ha la passione della cucina e non ha voluto far mancare il suo contributo. Munito di telecamera, ha registrato alcuni episodi che mostrano come cucinare alcuni piatti. nel primo episodio spiega come preparare i fichi secchi, nel secondo come cucinare il pollo in salamoia.
Come dicevamo, per Johnny Hazzard la cucina è solo un hobby. La sua occupazione pincipale, infatti, è il lavoro di attore porno. Ecco, quindi, che non c'è nulla da stupirsi se Johnny ha il bizzarro vizio di cucinare nudo...

Video: [1] [2]


Intervista ad Alex Baresi

Pubblicato il


Alex Baresi nasce a Genova il 5 febbraio 1979. Studia economia e commercio e si laurea con una tesi in economia internazionale. Inizia quindi a lavorare per un gruppo assicurativo, ma come lui stesso ci spiegherà, lascerò quel lavoro per entrare a far parte del mondo della pornografia.
Recatosi a San Francisco, gira tre film per la Raging Stallion Studios sotto lo pseudonimo di Alex Corsi. Dopo un altro film realizzato a Londra, nel 2006 firma un contratto di esclusiva con la Titan Media. Cambiato il suo nome d'arte in Alex Baresi, prende parte a film come "Folsom Filth", "Breathless", "Folsom Leather" e "Fear".
Nel 2007 si è aggiudicato il titolo di "International Gay Porn Star for 2007". Sempre in quell'anno inizia una nuova esperienza professionale aprendo a Monaco di Bavira un negozio online di oggettistica erotica.

Come mai dopo esserti laureato in economia e commercio hai deciso di iniziare a lavorare nel mondo della pornografia?
Devo dire che è successo tutto un po' per caso. All'epoca, lavoravo per una società di assicurazioni, e un giorno, aprendo il mio profilo su Gaydar, trovai un messaggio da una persona che conoscevo, che mi chiedeva se volevo girare una scena con lui, per un nuovo film. Tuttavia sapevo che si trattava di una casa cinematografica che produceva solo film bareback, e dissi no. Intendiamoci, fare bareback o no, è una scelta personale, e come tutte le scelte personali e private, va rispettata, si tratta pur sempre di uomini adulti e maggiorenni. Semplicemente non fa per me.
Dissi di no.
Ma in quel periodo, data anche l'insoddisfazione del lavoro, l'idea di provare a fare un film porno, girava per la mia testa, allora compilai un modulo on line per alcuni studi, tra i miei preferiti, e dopo pochi giorni, nella mia mailbox, c'era un biglietto aereo per San Francisco.
Così, per caso, è iniziata la mia carriera.

Quali ricordi hai della tua prima esibizione davanti alla macchina da presa?
La mia prima scena, del mio primo film è stata, come dire, particolare. Chiunque, quando guarda un film porno, dedica la sua fantasia, i suoi desideri a ciò che vede.
Ma si da il caso che ciò che vede, non è ciò che è in realtà.
Nel mio primo film ovviamente ero imbarazzato, due bei ragazzi, e cameramen, truccatori, registi. Bisogna farci l'abitudine

Hai praticamente sempre lavorato all'estero. E' un caso o l'Italia non offre le stesse opportunità di altri stati esteri nel settore?
No, non è un caso, negli Stati Uniti, l'industria del porno, viene considerata alla pari di tanti altri business, l'unica differenza consiste nell'ottenimento di prestiti, solo una banca di L.A. concede prestiti alle aziende operanti nel settore.
A parte questo ci sono premiazioni, oscar, tappeti rossi, e tutto ciò che possiamo vedere nella serata dei golden globe o degli oscar.
Sono imprese che producono ricchezza, e come tali, vengono premiate, non importa se gay, etero o lesbo.

In alcuni film hai preso parte a scene di sesso molto spinto con anche sessioni di piss e fist. Sono pratiche che rispecchiano i tuoi gusti sessuali personali?
Sinceramente si, tutto fa parte del mio "carrello" personale. Niente viene imposto, tutto viene domandato. Se ti va si fa, altrimenti no

Queste tue fantasie sono compatibili con la campagna per il sesso sicuro che hai portato avanti per anni?
Allora, siamo chiari una volta per tutte fare sesso sicuro o no, è una scelta privata. Io promuovo il sesso sicuro, e lo pratico, ma se due, o più, uomini maggiorenni, decidono, in scienza e coscienza, di fare altre pratiche, questo sta alla loro individualità e alle loro scelte private, e chi siamo noi per giudicare?

Se tu fossi lo sceneggiatore di un film e avessi carta bianca, che scena che ti veda coinvolto scriveresti? Che attori sceglieresti per le altre parti?
Questa è una domanda che mi hanno posto molte volte. Sicuramente non andrei a scegliere nella categoria degli attori, ma sicuramente in quella dei miei amici (e non sono moltissimi). Loro sanno esattamente cosa piace a me, cosa non piace, cosa faccio e cosa non faccio, e si prendono veramente cura di me.
Purtroppo i veri amici non sono poi così tanti. Conosco moltissime persone, alcune veramente molto altolocate, ma se si parla di amici, è un'altra cosa.
Comunque la scena sarebbe una mega orgia…

Cosa ti piace e cosa non ti piace del tuo corpo?
Mi piacciono molto i pettorali, che crescono molto velocemente, mentre non mi piacciono molto le gambe, anche se le ho sempre avute enormi. E' semplicemente un fattore psicologico.
Non riesco esattamente a capire e comprendere la mia forma fisica , guardandomi nello specchio. Se non sbaglio è un disturbo che si chiama vigoressia.

Cosa guardi in un uomo?
Lo sguardo

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Sicuramente far crescere la mia società di shopping on line, www.alexbaresi-shop.eu. Il feed back che stiamo ottenendo è veramente ottimo, speriamo solo che vada avanti così, anche in questo periodo di recessione; poi sicuramente qualche nuovo film, nuovi parties che organizzerò in Europa o di cui sarò sponsor... eehh ragazzi... divertiamoci...

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Come dare il primo bacio

Pubblicato il


Il bacio è l'anticamera dell'amore. E' il primo passo nel rapporto e permette di capire il feeling che intercorre fra due persone. Basta fare qualche ricerca su Internet per vedere che sono numerose le persone che chiedono consigli e cercano informazioni su come dare il primo bacio. L'ampia richiesta di informazioni, però, non ha come controparte un'altrettanta ampia gamma di informazioni, così come ci si potrebbe aspettare. Senza avere la presunzione di avere "LA" risposta, provo a raccogliere e a presentare in modo omogeneo un po' delle informazioni che Internet propone.
Il primo passo, ovviamente, è avere un partner con cui scambiare il bacio. Può sembrare una cosa banale ma non lo è. E' importante non cercare di precorrere i tempi: dare un bacio non significa partecipare ad una sfida a tempo e un bacio dato alla persona giusta ci ripagherà in termini di emozioni piuttosto che un bacio dato al primo che passa solo per la fretta di compiere un gesto.
L'impedimento maggiore è dado dalla mente: spesso è la paura di non sapere come fare o di sbagliare qualcosa nel farlo che ci bloccano. Non dimentichiamo, però, che il bacio è un gesto spontaneo, quasi fosse scritto nel nostro DNA: mettete da parte ansia e paura e lasciatevi guidare dall'istinto primordiale.
Le fasi preliminari sono alquanto scontate: una buona pulizia orale e un alito fresco (evitiamo dunque di dare un bacio dopo aver mangiato pasta aglio, olio e peperoncino!), le labbra devono essere morbide (in caso di labbra screpolate un po' di burro cacao può aiutare) e un po' di buon vecchia igiene personale.
Quando sarete davanti a lui non avventatevi sulla sua bocca: prendetevi tutto il tempo che serve e magari iniziate a baciare leggermente il viso attorno alle labbra. Sfiorate le labbra dell'altro ancora una volta senza affrettare le cose: quando anche l'altro dischiuderà le labbra sarà il momento giusto.
E' importante ricordare che il bacio non è qualcosa che ha delle regole fisse e non esiste un solo modo di baciare. Non pensate solo a voi stessi ma studiate l'altro cercando di capire cosa gli piace e cosa non gli piace, in modo che il piacere sia da ambo le parti. Baciare ad occhi chiusi può aiutare a non lasciarsi distrarre da ciò che ci sta attorno e a concentrarsi sulle emozioni del momento.
Quando le vostre labbra saranno ben salde, potrete iniziare anche giocare con la lingua. Le vostre due lingue potranno toccarsi, intrecciarsi, aggrovigliarsi. Evitate, però, rapidi movimenti del tipo "dentro-fuori" (non siete un lama!) ed evitate di raggiungere la bocca dell'altro con la lingua fuori (non siete neppure una lucertola!). Evitate anche di rovistare con la lingua nella bocca dell'altro come se doveste cercare qualcosa: se l'altro ricambierà il gesto, la sua lingua sarà già lì dove vi aspettate che sia senza bisogno di cercarla in fondo alle tonsille.
Una altro punto importante è la gestione degli inconvenienti: ancora una volta l'importante è non lasciarsi prendere dal panico e non farne un dramma. Ad esempio se i denti dovessero scontrarsi, un sorriso e il riprendere da dove si era arrivati come se nulla fosse successo è spesso la soluzione migliore.
Quindi, ricapitolando, la tecnica è il minore dei male: non abbiate fretta, scegliete bene con chi vivere quel momento e vivetelo come vi sentite in modo da poterlo gustare appieno.


Inconvenienti mattutini

Pubblicato il


Sarà capitato a tutti di svegliarsi con quello che in gergo volgare viene chiamato "alzabandiera mattutino". Certo è che quando capita all'interno di un reality show davanti a telecamere che mandano in onda le immagini, il fatto può essere imbarazzante.
E' quanto accaduto a Brian, un concorrente della trasmissione televisiva olandese "De Gouden Kooi" (la gabbia d'oro). Le regole del gioco non sono molto dissimili da quelle del Grande Fratello: un gruppo di ragazzi viene riunito in una villa per condurre una vita da nababbi, serviti e riveriti. Come controparte, le solite telecamere indiscrete che filmano e rendono pubblico tutto ciò che accade fra le mure della casa.


I love you Phillip Morris arriverà al cinema?

Pubblicato il


"I love you Phillip Morris" forse non arriverà mail al cinema. La notizia ha quasi dell'incredibile, soprattutto se si considera che il film ha due interpreti di prim'ordine come Jim Carrey ed Ewan McGregor.
La pellicola racconta la storia di vera di Steven Russell (Jim Carrey), un padre di famiglia specializzato in truffe. Dopo essere stato arrestato, Steven si innamora del suo compagno di cella -Phillip Morris (Ewan McGregor)- e, dopo la scarcerazione di quest'ultimo, inizia a cercare modi fantasiosi per evadere e poterlo raggiungere.
Presentato al Sundance Film Festival, il film ha riscosso i plausi della critica ma, a quanto pare, ancora non ha trovato un compratore. Il motivo è presto detto: secondo le maggiori case di distribuzione, non è ancora stato individuato l'audience giusto per la pellicola e il rischio della sua distribuzione sarebbe troppo alto.
Pare anche che il film rischi un riadattamento in modo che la trama venga modificata e che la pellicola diventi più appetibile anche per le famiglie.
Forse, quindi, non vedremo mai il tanto atteso bacio fra Ewan McGregor e Jim Carrey (quest'ultimo, in una conferenza a Roma, ha anche dichiarato che "Ewan McGregor bacia da dio!"... ma forse non vedremo mai le prove :).


Steve Tabary nudo

Pubblicato il


L'attore pornografico Brent Everett ha pubblicato sul suo blog personale alcune immagini del rugbista Steve Tabary tratte dal backstage del servizio fotografico per il noto calendario Dieux Du Stade (nella fattispecie, per l'edizione 2007).
In queste immagini è possibile ammirare lo sportivo come mamma l'ha fatto, senza palloni o asciugamani che gli coprano le parti intime.
le foto non suono nuovissime (hanno iniziato a circolare in rete già due anni fa), ma l'occasione è buona per riparlarne e rifarsi un po' gli occhi.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] - Video: [1]


Intervista a Vinnie D'Angelo

Pubblicato il


Vinnie D'Angelo nasce il 10 dicembre 1977 a Lansing, Michigan (Stati Uniti). Di professione porno attore, ha come hobby la computergrafica, l'illustratzione, la programmazione e la spiaggia. Ha due gatti e ha gisti musicali molto vari: i suoi artisti preferiti sono i Depeche Mode, Whitney Houston, Everything But The Girl, Motorhead, Madonna, Nirvana, Nelly Furtado, Garbage e Gwen Stephanie.

Puoi raccontarci qualcosa su di te?
Sono un italo-americano lontano dall'Italia da tre generazioni.

Cosa ricordi della tua prima volta davanti ad una macchina da presa in un film per adulti?
Ero molto nervoso... ma ancora in erezione (voglioso some solo gli italiani sanno essere) e quando è venuta l'azione ho fatto sesso anale duro con il mio partner di quella scena e quando hanno visto come faccio sesso è stato un successo immediato.

Se tu fossi il regista di un film, che scena scriveresti per te stesso?
Vorrei scrivere una scena con il maggior numero possibile di italiani (molto dotati)... forse con una sessione di glory hole (sesso orale attraverso un buco nella parete o in una superficie, n.d.r)... in pratica una grande sessione di gruppo.

Che cosa ti piace fare nel tuo tempo libero?
Sono molto romantico... mi piace andare al cinema e flirtare con il mio uomo. Le spiagge e l'aqua sono una fonte di ispirazione per me... specialmente quelle nudiste :)

Ho letto che ti piace l'Europa. Puoi spiegarci perché?
La gente in America cresce senza rendersi conto che in questo Paese tutto ruota attorno al fare soldi e al sopraffare gli altri per fare soldi. Il mio primo viaggio in Europa mi ha aperto gli occhi. Le persone sono state molto amichevoli e non c'era alcuna gara per ottenere di più degli altri, esattamente così come dovrebbe essere. Questo è il motivo per cui mi piace l'Europa.... oltre al fatto che è la radice di tutte le genti e di tuttte le culture...

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Ce ne sono troppi per poterli dire. Molti film, numerose manifestazioni in giro per il mondo, ecc.


Traduzioni: [en] - Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Diverso da chi?

Pubblicato il


Verrà presentato domani in anteprima a Roma "Diverso da chi?", film diretto da Umberto Carteni ed interpretato da Luca Argentero, Filippo Nigro, Claudia Gerini e Antonio Catania. Il film verrà poi distribuito in tutta Italia a partire dal 20 marzo prossimo.
E' la storia di Piero, un giovane politico gay dichiarato e fidanzato da anni con Remo. Candidatosi alle elezioni di sindaco in una città del nord-est, viene affiancato da Adele, una collega moderata e tradizionalista.
L'incontro fa Piero e Adele, inizialmente molto conflittuale, muterà nel tempo facendo nascere un vortice di passione fra i due...

Non sono mancate polemiche sulla trama: a molti è parso strano sentire che Piero, omosessuale dichiarato da anni, possa vivere una storia d'amore con la Gerini. Il tutto un po' sullo stile di Povia dove gli omosessuali possono cambiare i loro gusti sessuali dall'oggi al domani e dove l'omosessualità è sempre qualcosa di che può cambiare nell'eterosessualità quasi questa fosse l'unica verità possibile.
E' difficile esprimere un parere su ul film che non si è ancora visto, ma una trama che pare sull'onda della canzone di Povia ("Piero era gay e ora sta con lei (la Gerini)") non sembra fra le più promettenti...

UPDATE 16/0372009: Secondo un articolo pubblicato oggi da Gay.it, i timori nati dalla trama non devono far temere in un "Povia-bis". L'articolo non entra nel dettaglio, ma rassicura gli spettatori sul fatto che la trama non sia così semplicistica come poteva sembrare dai primi riassunti circolati in rete. Non resta, quindi, che guardare il film e verificare di persona se i risvolti psicologici della storia soddisfaranno le aspettative...

Video: [1]


Su "Ciak" una rassegna di film gay

Pubblicato il


Luca Argentero -protagonista insieme a Filippo Nigro del film gay "Diverso da chi?"- è il testimonial della nuova iniziativa lanciata dal mensile di cinema "Ciak".
L'iniziativa è fortemente voluta anche dalla direttrice del giornale, Piera Detassis, prevede l'inclusione di alcuni film gay nelle prossime uscite in edicola (la prima sarà il 27 marzo prossimo).
La rivista non è certo gay e l'intenzione è quella di far conoscere e vivere sentimenti ed emozioni anche ai lettori etero della rivista. Cinema gay non più solo conme una nicchia rivolta ad un gruppo di persone, ma cinema in grado di raccontare a tutti una storia, indipendentemente dai gusti sessuali dei loro protagonisti.
I titoli proposti spazieranno da "I segreti di Brokeback Mountain" ai film di Ferzan Ozpetek, da "Maurice" ad "Another Country".
Un in bocca al lupo per l'iniziativa!


NOH8

Pubblicato il


NOH8 è un gioco di parole e il nome della campagna lanciata dal fotografo Adam Bouska per dire di no alla "Prop8" in discussione in questi giorni negli Stati Uniti. Il fotografo ha immortalato decine di volti silenziosi di persone californiane per dimostrare la sua contrarietà alla proposta.
Il provvedimento, infatti, vuole abolire le nozze fra persone dello stesso sesso in California, e rendere altresì nulle quelle celebrate fino ad oggi.
Inutile dire che la proposta di legge ha sollevato un grosso polverone sia all'interno della comunità gay -che si vede togliere un diritto ottenuto con così tanta difficoltà- sia dai simpatizzanti che sostengono che si diritto di tutti -eterosessuali e non- il voler formare una famiglia. Ed è così che fra i volti fotografati ci sono anche personaggi celebri come Kristin Cavallari, Mams Taylor e Jennifer Gimenez, che nonostante i loro gusti sessuali non condividono le limitazioni che la proposta di legge vorrebbe introdurre.
E' possibile consultare il sito della campagna per maggiori informazioni sulla protesta e per vedere le altre fotografie fino ad oggi scattate.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]


Mormoni e conservatori fra i maggiori consumatori di pornografia

Pubblicato il


Da tempo alcuni affermavano che chi contrastava la vendita della pornografia ne fosse anche il maggior consumatore. Di questo, però, non ve ne erano prove: la possibilità di acquistare materiale pornografico in altre città o in stazioni ferroviarie rendeva quasi impossibile tracciarne un profilo del consumo che avesse una qualche valenza statistica.
Oggi, però, i tempi sono cambiati e in molti preferiscono la pornografia portata a casa da Internet piuttosto che la difficoltà di dover reperire tale materiale in edicole o negozi specializzati. Come controparte, però, ciò rende possibile avere una mappa piuttosto precisa degli utenti.
Proprio sulla base di questa tracciabilità, il "Journal of Economic Prospectives" ha appena pubblicato uno studio condotto analizzando i dati delle carte di credito statunitensi utilizzate dal 2006 al 2008 per l'acquisto di materiale pornografico attraverso Internet. Il risultato è stata la conferma di una diffusa ipocrisia: gli stati più conservatori sono quelli che consumano più pornografia on-line. negli stati che hanno rifiutato un qualsiasi riconoscimento delle unioni civili fra omosessuali, il consumo della pornografia cresce dell'11% in più rispetto agli stati più aperti alle comunità gay.
Lo Utah, infine, è al primo posto sia per il numero di sottoscrizioni a siti hard, sia per la fruizione della pornografia in rapporto alla popolazione. Un dato che non ci si sarebbe aspettato se si considera che lo Utah è stato fondato e tutt'ora principalmente popolato dai religiosissimi mormoni. le loro regole vogliono che il sesso sia consumato dopo il matrimonio solo fra un uomo e una donna e solo per fini procreativi. Ma a quanto pare le loro carte di credito suggeriscono la presenza anche di un altro tipo di approccio al sesso...


Un forum dedicato ai gay

Pubblicato il


Si chiama Gay-forum e, come il nome stesso suggerisce, è una frequentata community gay.
Gli argomenti trattati nel forum sono i più svariati: si va dall'attualità al cinema, dalla musica ai fumetti e dalla scuola alla moda. C'è anche un'intera area dedicata al coming-out: qui gli utenti possono raccontare la loro esperienza o chiedere consigli su come affrontare uno dei momenti più difficili ed importanti nella vita di molti omosessuali.
Chi ha una vena artistica, invece, può inviare le proprie immagini o i propri scritti in un'altra area dedicata alla creatività.
Nel tempo sono stati aperti più di 10.000 topic con un totale di oltre 300.000 post. La community che ci ruota attorno è molto attiva e visibilmente disponibile al dialogo e alla condivisione. Il tutto, ovviamente, in lingua italiana (ed è forse questa che fa la differenza se si prendono come paragone famosi forum stranieri dove le eventuali aree in lingua italiana sono spesso poco frequentate).

Per visitare il sito vai all'indirizzo www.gay-forum.it.


Intervista a Jack Mackenroth

Pubblicato il


Jack Mackenroth si laurea presso l'Università di Berkeley con una doppia laurea in Belle Arti e Sociologia. Trasferitosi a New York, studia moda e design. Apre così a West Village (New York) un negozio aperto un negozio di abiti da uomo chiamato "Jack". Nel 1997 inizia a lavorare per Tommy Hilfiger, seguito dal marchio Slates. Dal 2003 è stato direttore artistico presso la Weatherproof Active Wear.
Jack è anche un nuotatore professionista con riconoscimenti nazionali e nel 2006 ha stabilito il record nazionale nello stile rana 4x50metri. Nel 1990 è stata diagnosticata la sua sieropositività, malattia di cui ha sempre parlato apertamente e per la quale è impegnato in una campagna di sensibilizzazione ed educazione.

Puoi raccontarci qualcosa di te?
Hmmm, questa è una domanda molto aperta. Vediamo... Ho sempre voluto lavorare per l'FBI o per la CIA. Sono single e non per scelta.

Qual è stato il tuo primo lavoro?
Quando frequentavo le superiori ero solito pulire i palazzi degli uffici di notte, dopo che tutti i dirigenti erano andati a casa. bei tempi. Lucidare i pavimenti di marmo alle 2 di notte era super-divertente.

Quando hai deciso di iniziare a disegnare abiti da uomo?
L'abbigliamento da uomo è semplicemente arrivato da me. Pensavo fra me e me: «Vorrei indossare questo?». Il design di abiti da donna è molto più complesso come business perché ci è necessario seguire molte tendenze che cambiano in continuazione. La moda uomo è piuttosto statica. L'ho semplicemente scelta.

Perché hai scelto il quartiere di West Village come sede del tuo negozio di abbigliamento maschile?
Beh, quando ho avuto il negozio nei primi anni '90 la strada era molto tranquilla e pittoresca. Volevo un posto carino e qualcosa mi permette di affermare che non è stata una follia. Ora Bleecker Street è piena di negozi di Marc Jacobs, Ralph Lauren, Kate Spade e Tommy Hifiger.

Puoi darci qualche suggerimento su come vestirci? Ad esempio come ci si potrebbe vestire per un primo appuntamento e per una cena romantica con il proprio ragazzo?
E' bene essere sempre un po' più vestiti per una situazione tipo quella dell'intervista. E' meglio essere più vestiti che svestiti. Bisogna assicurarsi un abito adatto; un tailor potrebbe essere il vostro investimento migliore.
Per un appuntamento semplicemente siate voi stessi. In un modo o nell'altro il vostro stile personale verrà fuori, così non conviene provare ad essere qualcuno che non si è.
Un bel vestito da concerto con un diadema funziona sempre.

Ho letto che sei anche un nuotatore professionista... Che cosa puoi raccontarci a tal proposito?
Ho partecipato a competizioni di nuoto da quando avevo sei anni. Mi teneva sano ed organizzato. Inoltre potevo mangiare quello che volevo se mi allenavo molto. Attualmente mi sto allenando gli Outgames di Copenhagen per l'estate prossima. Sono molto competitivo e mi piace vincere. :)

Perché hai scelti di a parlare pubblicamente della tua sieropositività?
Perché no? Questo è il punto. Non dovrebbe esistere un giudizio morale che va di pari passo con l'essere HIV+. E' solo una malattia. Sto lavorando su una straordinaria campagna di educazione chiamata "Living Positive by Design" che mira a combattere lo stigma associato con l'HIV in modo da permettere di vivere e parlare apertamente della malattia e delle opzioni sui trattamenti. (Livingpositivebydesign.com)

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Beh adesso mi trovo a Los Angeles per lanciare una linea di disegni realizzata con Kevin Christiana (dalla mia stagione di Proj Run) e stiamo lavorando con il nuovo network di Style e Oprahs, OWN. Speriamo che verranno accolti. Sto seguendo molti di altri progetti di design e Kit, Kevin Sweet P ed io stiamo pianificando una sfilata di moda a Miami nel mese di maggio. Inoltre "Living Positive by Design" mi tiene molto impegnato perché sono in viaggio in tutto gli Stati Uniti per conferenze.

Vista Jackmackenroth.com e Livingpositivebydesign.com per maggiori informazioni!

Traduzioni: [en] - Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Intervista ad Erik Grant

Pubblicato il


Puoi raccontarci qualcosa di te?
Da un lato sono spaventato a morte dall'acqua. Mi terrorizza e scatena l'inferno attorno a me. Che diavolo posso dire ancora? Shhh... Sono un biondo naturale. Ma non vi preoccupate, i tappeti sono coordinati con i drappeggi. Anche se ogni tanto ho i pavimenti il legno duro ;-)

Perché hai scelto di entrare nel settore della pornografia?
Sono entrato ovviamente per via del denaro ma ancor di più perché credo che questa cosa dia fama. Tutti i vantaggi che ne derivano, i party VIP, le eventuali escursioni. E' divertente.
Hai anche l'occasione di incontrare tanta gente: Ru Paul, Bruce Villache, Kevin Aviance sono solo alcune delle persone che non avrei conosciuto se non fossi entrato in questo business.

Che cosa ricordi della tua prima volta davanti ad una macchina da presa?
Ero nervoso come l'inferno. Questo è tutto ciò che riesco a ricordare sull'argomento.

Se tu fossi il regista di un film , che scena scriveresti per te stesso?
Hmmmm ... mi vengono in mente tante cose. Vorrei decisamente essere versatile con un ragazzo eccitante e muscoloso, con due braccia che ti verrebbe solamente voglia di leccare. Bhe, da leccare tutto: dai piedi al sedere e dal pene a più in su... Caspita! Mi è diventato duro. Ha! Tanta leccate al sedere e tanto sesso anale. Questo è tutto ciò che ho da dire.

Tre parole per descriverti...
Pazzo, fiducioso, caldo.

Boxer o slip?
Nessuno dei due a dire il vero. Ma credo boxer. A meno che non stia cercando di essere sexy, un boxer bello squadrato che accentui il mio grosso pene ;)

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Avevo dato le mie dimissioni dal settore dopo la pubblicazione di "Ultimate Starz" di Owen Keehnan. Poi ho pensato perché non avrei dovuto puntare più in altto sia in modo figurato e che letterale. Uhhh... ora mi trovo ad avere colloqui con la Falcon Entertainments e la Raging Stallion Studios, entrambi di San Francisco. Avrò notizie in merito settimana prossima o la successiva.


Traduzioni: [en] - Immagini: [1] [2] [3] [4]


Million Gay

Pubblicato il


Gip è un inviato del programma televisivo "Le Iene". Quest'anno ha pensato di lanciare una sfida particolare: guadagnare un milione di euro in un anno. Per farlo ha intenzione di creare prodotti, progetti ed idee che -stando a quanto dichiarato in trasmissione- oltre ad avere un valore economico hanno anche un valore morale.
Qualche giorno fa è stata presentata l'idea di "Million Gay", un software che installato sul telefonino può segnalare la presenza di un altro gay nel raggio di dieci metri. Il funzionamento è presto detto: periodicamente il telefono fa una scansione dei telefoni presenti nell'area e individua quelli su cui è stato installato lo stesso software. A quel punto invia un messaggio ad entrambi i telefoni, indicando la distanza a cui è stato rilevato il software: basterà quindi alzare lo sguardo per vedere chi sta compiendo lo stesso gesto e sapere con certezza i suoi gusti sessuali.
Per dimostrarne l'efficacia, Gip propone anche un divertente esperimento dove si prova a rimorchiare un uomo in un locale gay e in un locale etero.
Bufala o non bufala, c'è da dire che un software del genere permetterebbe di mettere in soffitta il buon vecchio gayradar.


Maxwell Zagorski

Pubblicato il


Maxwell Zagorski nasce a New Port Richey e si trasferisce a Sarasota all'età di 12 anni. Tra anni dopo la sua famiglia si trasferisce a East Manatee, dove Maxwell frequenta la Lakewood Ranch High entrando a far parte della squadra di basket della scuola.
Qui, inoltre, fa piccoli lavori da modello per negozi di abbigliamento della zona. Nel 2005 un'agenzia di Tampa lo invita a posare per un servizio fotografico a Miami. le foto vennero spedite alla Abercrombie & Fitch: una settimana dopo il suo telefono suonò. Era la Abercrombie & Fitch che lo invitavano a posare per loro alle Hawaii.
Inutile dire che le sue fotografie pubblicate sul catalogo A&F hanno riscontrato un grande successo e hanno fatto il giro del mondo, facendo conoscere in breve tempo il nome di Maxwell.
Negli anni successivi ha posato per la Levi's denim, la Lacoste e la Geddes and Gilmore. Ultimamente il suo nome è tornato ancora a far parlare di sé: si sarebbe infatti fidanzato con Cheryl Burke, una concorrente del "Ballando con le stelle" americano.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] - Video: [1]


I feed, questi sconosciuti

Pubblicato il


Quasi tutti i blog, comparso Gayburg, offrono un servizio di feed (che magari vi sarà capitato di sentir chiamare anche RSS o Atom feed). Ma cosa sono esattamente e come possono tornarci utili?
Gli RSS vennero creati dalla Netscape nel lontano marzo 1999: erano dei semplici file di testo che premettevano a vari siti di fornire i loro sommari in un formato comune per la pubblicazione sul portale My.Netscape. La loro diffusione non fu immediata, ma qualche anno dopo il loro potenziale venne intuito e la loro integrazione con programmi e siti crebbe esponenzialmente nel tempo. La novità, infatti, è nel fatto che questi semplici file permettono di invertire il flusso di fruizione di Internet stesso. Se prima era necessario visitare un sito per vedere se vi erano aggiornamenti o meno, gli RSS permettono di "iscriversi" ad un sito e di ricevere la notifica degli aggiornamenti.
Poniamo il caso che vogliate seguire gli aggiornamenti di Gayburg attraverso il suo feed. Innanzi tutto sarà necessario procurarsi uno di quelli che vengono generalmente chiamati "aggregatori", ossia dei programmi o dei siti che leggono i file di testo che il sito mette loro a disposizione e li mostrano all'utente in maniera più piacevole e leggibile, provvedendo anche a sottolineare quali post si sono già letti e quali no. Alcuni fra i più popolari sono siti come Google Reader o Bloglines, ma anche programmi di posta elettronica come Outlook o Mozilla Thunderbird. A questo punto ds dovrà sottoscrivere un feed inserendo negli appositi campi del sito o del programma un indirizzo internet che rimanda al famoso file di testo RSS o Atom (due sono sigle che indicano due diversi formati di dati, generalmente letti indifferentemente dai vari software). Nel caso di Gayburg andremo quindi ad inserire il seguente indirizzo:

http://feeds.feedburner.com/gayburg

Lo stesso può essere fatto cliccando sul link "Feed (Atom)" presente in fondo a tutte le pagine del sito: i più moderni browser provvederanno a mostrare dei link per poter aggiungere il feed su alcuni aggregatori. Da quel momento gli aggiornamenti di Gayburg vi verranno notificati automaticamente dall'aggregatore prescelto.
Qui vedremo i vari testi pubblicati e generalmente basterà cliccare sul titolo del post visualizzato nell'aggregatore per poter navigare la pagina originale direttamente sul blog e poter così accedere a servizi aggiuntivi (nel caso di Gayburg la preview delle immagini e dei video correlati al post, la navigazione dinamica fra gli oggetti multimediali e la possibilità di inserire commenti al post).

Per maggiori informazioni, guarda questo video creato dalla CommonCraft e doppiato in italiano che prova a spiegare in modo semplice ed immediato il funzionamento dei feed e il loro inserimento in un feed (l'indirizzo proposto e metà post è quello che nel filmato viene copiato dalla barra degli indirizzi del browser dopo aver cliccato sull'icona ancione dei feed).


Intervista a David Dakota

Pubblicato il


David Dakota è un attore pornografico gay che ha iniziato relativamente da poco la sua carriera. Dopo alcune prime esperienze professionali nel settore, è oggi un attore esclusivo della Jet Set Man. Recentemente ha ricevuto anche una candidatura come "Best Newcomer" agli GayVN Awards 2009.

Puoi raccontarci qualcosa di te?
Sono stato fortunato con una fantastica vita. Alcuni sono sorpresi di sentire che la pornografia è solo un hobby per me. Ho una grande, ma impegnativa, carriera al di fuori del porno. Le persone sono sorprese anche nel sentire che ho un ragazzo. Il mio ragazzo è il migliore! Lui preferirebbe che non recitassi in film pornografici ma tollera il fatto che io lo faccia. Ho anche provato a coinvolgerlo nella scena di un film, ma è troppo timido.

Perché hai deciso di recitare in film porno?
Sono sempre stato incuriosito dalla pornografia. E' una cosa che ho sempre voluto provare a fare fin da quando ho visto il mio primo film porno. Non lo faccio per la fama o per i soldi. Lo faccio semplicemente perché mi piace farlo! Non c'è nulla di meglio che essere pagato per viaggiare e per fare sesso con dei ragazzi particolarmente belli. Spero che i fans si divertano a vedere le scene dei film così come io mi sono divertito a girarle.

Che cosa ricordi della tua prima volta davanti ad una macchina da presa?
Ero molto nervoso. Non riuscivo ad avere un'erezione e a mantenerla, cosa che era inusuale per me. Di solito ho un'erezione per tutto il tempo. Ho impiegato oltre quattro ore per girare la scena che prevedeva una mia performance solitaria. Quando abbiamo finito, mi è venuto un blister sul glande per l'eiaculazione. Doloroso!

Qual è la tua scena preferita a cui hai preso parte in un film?
Mi sono divertito davvero molto a girare il film "Splish Splash". Il mio co-attore Jonathan Lowe e io eravamo molto presi l'uno per l'altro. Non riuscivamo ad attendere l'inizio della scena! In quella scena ci siamo capovolti i ruoli da attivo e da passivo come ho sempre desiderato.

Se tu fossi il regista di un film, che scena scriveresti per te stesso?
Sono stato fortunato perché la Jet Set Men ha già riarrangoato molte delle scene che avrei voluto girare (spogliatoi, palestra, piscina tropicale) con molti dei ragazzi con cui avrei voluto lavorare.
Nel futuro vorrei girare una scena a tre con altri due ragazzi muscolosi. Non c'è nulla di meglio che essere al centro di un sandwich dove faccio l'attivo e il passivo allo stesso tempo. Vorrei girare la scena sulla cima di un grattacielo a New York al tramonto con le luci dello skyline della città sullo sfondo.

Che cosa guardi in un uomo?
La prima cosa che cattura la mia attenzione è un viso carino (specialmente sui biondi). Secondariamente mi piacciono i fisici tonici e muscolosi. Se arrivano, un bel pene e un bel sedere sono sempre ben accetti. Inoltre deve essere intelligente e con una forte personalità in modo che ci possa essere una potenziale relazione.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Ho appena finito di girare un grande film intitolato "Big Dick Society 2" che uscirà in aprile. E' ambientato in un sex club e ha molte scene di sesso orale di gruppo e di eiaculazioni, insieme a scene di sesso. Il cast del film era molto dotato ed è stato divertente lavorare con loro! Ho fatto il passivo con uno dei peni più grandi che abbia mai visto.


Traduzioni: [en] - Immagini: [1] [2] [3] [4]


David Beckham resta al Milan

Pubblicato il


La notizia non è ancora ufficiale, ma pare che il club statunitense dei Los Angeles Galaxy ed il calciatore inglese hanno raggiunto un accordo per il proseguo fino a giugno del prestito di Beckham al Milan.
A quanto pare la suadra rossonera ha offerto cinque milioni di euro, integrati con altri soldi che il calciatore avrebbe messo di tasca propria. Il caciatore dovrà comunque tornare negli Stati Uniti in estate, ma potrebbe far ritorno nel capoluogo lombardo già nel 2010, quando scadrà il contratto con il Los Angeles Galaxy.
L'avventura italiana del centrocampista ha avuto inizio lo scorso dicembre quando il giocatore venne prestato alla squadra milanese per non perdere la condizione atletica a causa della conclusione del campionato statunitense di calcio. E' da anni considerato un'icona gay e in più occasioni David ha dichiarato di sentirsi orgoglioso di essere considerato tale.

Immagini: [1] [2] [3]


The naked mile

Pubblicato il


"Nudi alla meta" ("The naked mile" in inglese) è il quinto episodio della serie cinematografica di "American Pie", diretto da Joe Nussbaum su sceneggiatura di Eric Lindsay.
Nel film, Erik arriva vergine all'ultimo anno delle superiori perché la sua ragazza preferisce aspettare e subisce anche l'eredità di essere uno Stifler. La sua ragazza gli concede un po' di libertà in occasione di week-end presso l'università frequentata da un suo cugino Dwight, dove si tiene la corsa annuale del "miglio nudo". In questa manifestazione i ragazzi, dopo lo stress da esami, corrono tutti nudi per un miglio intero. Tracy ci ripensa ma alla fine permette di dare fiducia al fidanzato.
C'è chi ha voluto rivivere questa scena del film e ha pensato di mettere online i video delle proprie gesta. Al termine del post è proposto un video registrato da un ragazzo slovacco che ha percorso, correndo nudo, un intero miglio nei pressi della città di Beluša.

Clicca qui per guardare il video.


Ostriche afrodisiache? Meglio il cioccolato!

Pubblicato il


Secondo la tradizione, Casanova era solito mangiare fino a 50 ostriche ogni mattina per aumentare la sua potenza sessuale.
basta quindi mangiare ostriche per avere prestazioni degne di Rocco Siffredi? Stando alla scienza, no. Non esistono infatti prove certe dell'esistenza di cibi afrodisiaci e alcuni ipotizzano che in certi casi si tratti più che altro di simboli: l'ostrica è molto simile alla vulva femminile, così come gli asparagi hanno una forma fallica.
Gli unici cibi su cui il mondo scientifico ha riscontrato effetti benefici nel sesso sono il cioccolato e il peperoncino: alimenti in grado di migliorare il flusso sanguineo con conseguenze benefiche sugli uomini che è facile immaginare.
Dal puro punto di vista scientifico, quindi, una bella tavoletta di cioccolato è meglio di cento ostriche, anche se l'effetto non è così significativo come si potrebbe sperare (in altre parole il cioccolato non è il nuovo Viagra).
L'afrodisiaco più potente, comunque, resta sempre e comunque il nostro cervello. Ed ecco, quindi, che il nostro casanova torna ad insegnarci come corteggiare il nostro partner. la leggenda, infatti, narra di come fosse solito consumare i pasti in dolce compagnia, passando le ostriche dalla sua bocca a quella delle sue amanti: gesto quest'ultimo che di certo è in grado di risvegliare la mente e di agire come potente afrodisiaco.


Brokeback Mountain in TV il 17 marzo

Pubblicato il


Alcuni si ricorderanno delle polemiche scaturite tre mesi fa quando la RAI aveva mandato in onda una versione censurata di "Brokeback Mountain".
Il direttore di Rai Due aveva immediatamente parlato di un errore nella programmazione e non di una censura volontaria e ha promesso di rimandare in onda a breve la versione integrale del film. A quanto pare il 17 marzo prossimo il film verrà finalmente trasmesso in seconda serata nella sua versione integrale.
Ricordo che lo scorso 8 dicembre il film era stato trasmesso in seconda serata ma privo delle scene in cui i due protagonisti si baciavano e, a detta di molti, la trama del film era diventata quasi incomprensibile. La notizia ha avuto un eco internazionale ed addirittura alcuni telegiornali spagnoli avevano aperto la loro edizione parlando dell'accaduto.

UPDATE 16/03/2009: Apprendo ora che la messa in onda del film è stata anticipata ad oggi (alle 23:40) a causa della sua concomitanza con alcuni reality. Fatto sta che che la notizia non è stata particolarmente enfatizzata e purtroppo stiamo dando la notizia con deciso ritardo. E' facile presumere che in molti rischiano di rimanere delusi quando domani accenderanno la televisione e scopriranno che il film è già andato in onda (magari dopo la delusione di non aver potuto vedere il film in versione integrale lo scorso 8 dicembre: in pratica una beffa che si aggiunge ad un'altra beffa).


Intervista a Tristan Jaxx

Pubblicato il


Originario di Boston, si è trasferito a San Francisco dove ha iniziato la sua carriera da porno attore. Amante della musica house, sta lavorando anche per iniziare una nuova carriera da DJ. E' Tristan Jaxx che si racconta in un'intervista rilasciata a Gayburg.

Puoi raccontarci qualcosa di te?
Bhe, al momento ho un lavoro d'ufficio e lavoro da lunedì a venersì. Di solito resto a casa dopo il lavoro e la palestra a guardare la TV o a giocare con i videogames sulla mia Xbox 360. Ho anche una vita sessuale molto attiva con mio marito, Tristan Phoenix. Ho anche lavorato come Djing per qualche tempo e magari a breve potrebbe essere rilasciato un po' del mio lavoro.

Perché hai deciso di entrare nel settore della pornografia?
Sono entrato perché mi piace il sesso e l'attenzione che la macchina da presa porta. Far eccitare le persone e sapere che provano piacere nel guardarmi far sesso è una cosa che mi dà molta carica. Inoltre non ci si può lamentare nell'essere pagati per far sesso con uomini provocanti.

Che cosa ricordi della tua prima volta davanti ad una macchina da presa?
La mia prima apparizione in un film era all'interno di una scena di "Endless Crush". Ero così nervoso nell'aver promesso che mi sarei attenuto in ogni momento alle linee guida che mi erano state date. Alla fine fu tutto piacevole e tutti sul set erano molto gentili. Tutti videro una mia eiaculazione che apparentemente li scioccò tutti e che schizzo addosso anche ad alcuni membri della troupe.

Qual è la tua scena preferita in cui hai lavorato?
Il mio film preferito dovrebbe essere "To The Last Man" perché nella trama muoio. So che molte persone credono che sia rozzo, ma è stato molto divertente recitare quella parte. Non ho mai avuto occasione di recitare molto nei film e questa è stata una buona occasione. Ho recitato al meglio per morire e quando guarderete il film vedrete quanto sia stata folle.

Se tu fossi un regista, che scena scriveresti per te stesso?
Mi piacerebbe scrivere una scena con più passione. Alle volte i film porno tendono ad andare troppo velocemente all'azione centrale. Si vede un ragazzo e semplicemente gli si chiede di fare sesso, ed è quello che si vede sulla faccia di molto altri attori.
Non voglio dire troppo delle mia idee a proposito perché non si puà mai sapere e magari un giorno sarà il regista di un film :).

Dicevi di essere impegnato anche nel campo musicale. Cosa puoi dirci?
Adoro la musica house e i battiti e l'energia delle discoteche. Lo trovo semplicemente una grande evasione dallo stress e un'occasione per passare piacevolmente del tempo. Attualmente sto lavorando organizzare efficaciemente le cose e magari iniziare presto a fare il djing in una discoteca. Terrò informate le persone su questo progetto attraverso i post della sezione "what happens" del mio profilo su My Space e sul mio blog.

Cosa guardi in un uomo?
Amo i ragazzi con i capelli scuri e gli occhi chiari e con un bel sedere a sfera. Anche qualcuno che sappia farmi ridere, che non si spaventi a fare lo stupido giocando ai videogiochi e con cui passare del tempi piacevole. Fortunatamente ho trovato tutto questo in mio marito.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Ci sono un paio di film che dovrebbero partire a breve. Uno è un progetto con Manual Deboxer e dovrebbe trattasi di una scena molto eccitante. Avrò anche una parte con mio marito che mostrerà un lato diverso di me. Continuate a seguire il mio My Space e il mio blog per saperne gli aggiornamenti sui miei film e su tutto ciò che farò nella mia vita.


Traduzioni: [en] - Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Il fascino della divisa

Pubblicato il


Da che mondo e mondo, gli uomini in uniforme hanno sempre avuto una marcia in più nell'affollare i sogni erotici di molti. Alcuni psicologi hanno provato a dare una spiegazione razionale a questa attrazione del tutto inconscia.
Come si sa, l'uomo non è molto dissimile dagli animali in certi suoi atteggianti: così come un gatto rizza il pelo per sembrare più grosso quando si sente in pericolo, così l'uomo ha una serie di atteggiamenti inconsci nei suoi approcci sentimentali. Pancia in dentro e petto in fuori sono un classico atteggiamento per mostrare all'altro la propria salute fisica, così come la finta disinvoltura degli approcci serve a mostrare che si è in grado di avere la situazione sotto controllo e, in altre parole, si cerca di dare un senso di sicurezza all'altro.
L'uniforme, invece, ha un senso diverso: mostra l'appartenenza del singolo ad un gruppo (qualunque esso sia), il gruppo che ha un fine comune ed è coordinato nelle azioni, un gruppo di riferimento che sta dalla parte di quel singolo. In altre parole avere dalla propria parte non solo il singolo ma l'intero gruppo conferisce un forte senso di sicurezza, spesso superiore a quello accennato precedentemente riguardo che ben si conciliano con all'atteggiamento disinvolto nell'approccio.
Inoltre spesso le uniformi hanno caratteristiche comuni: la giacca che mette in risalto spalle e pettorali, il cappello che copre le sopracciglia mostrando uno sguardo minaccioso e gli stivalo che offrono l'idea di caviglie forti e di cosce robuste. Caratteristiche, queste, da guerriero e che ben rispondono all'inconscio bisogno di alcuni di avere a fianco a sé un uomo in grado di proteggerli.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Matthew Jett Schaefer

Pubblicato il


Matthew Jett Schaefer nasce e cresce in un sobborgo di Pittsburgh, in Pennsylvania. Qui frequenta la scuola pubblica e una scuola di volo. Consegue la licenza di pilota commerciale e diventa anche un istruttore di volo certificato.
Nel 1996 viene scoperto da Gianni Versace mentre era in vacanza nell'area di Miami: il suo primo servizio fotografico è nientemeno che con Cindy Crawford. Si trasferisce a Cicago e inizia a lavoare per un'agenzia di modelli: la sua immagine varrà utilizzata da marchi come Armani, Versace, Calvin Klein e Valentino.
Nel 1999 debutta come attore in un ruolo minore nel film "Swap Meet". negli anni successivi ripete l'esperienza con altri ruoli minori in film come "RE(e)volution", "English as a Second Language", "Idol" e nella serie televisiva "The Man Show".

Immagini: [1] [2] [3] [4]