Archivio: aprile 2009

Fabrizio Corona nudo

Pubblicato il


Come si suol dire, chi la fa l'aspetti. Questa volta, infatti, è toccato proprio al re dei parparazzi essere paparazzato.
Fabrizio Corona e la sua ragazza Belen Rodriguez si trovavano in vacanza alle Maldive, in un resort sull'Isola di Reethi Rah. Qui i due avrebbero fatto sesso sulla spiaggia, così come testimoniato da alcuni scatti pubblicati da Novella 200 che avrebbero anche mandato su tutte le furie Corona, immortalato con il dito medio alzato in direzione del fotografo (al di là del fatto che si sia trattato davvero di foto scattate a loro insaputa, considerato anche l'attenzione dei media che avrà la coppia al loro ritorno in Italia).
I due, comunque, avrebbero anche rischiato grosso. le leggi delle Maldive, infatti, sono piuttosto severe e vietano di prendere il sole in topless, figuriamoci il fare l'amore nudi in pubblico nel bel mezzo di una spiaggia.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Luke Guldan

Pubblicato il


Luke Guldan è il modello apparso sulla copertina di "Excercise Magazine" lo scorso marzo. Il suo fisico muscoloso e ben definito è il frutto di numerosi esercizi iniziati fin da giovane per partecipare all'annuale concorso di body building organizzato dalla sua scuola superiore (al quale si classificò primo).
Negli anni seguenti conquista un gran numero di altri premi: vince il FHHS, conquista il titolo di Mr. Teen Empire State, si classifica fra i primi cinque al FAME World Championships di Toronto, Vince il titolo di WNBF Pro Card all'Hercules show di New York e conquista il titolo di Mr. Fitness.
Grazie alla sua attività da modello, la sua immagine ha fatto spesso il giro del mondo, all'interno di varie campagne pubblicitarie e riviste di fitness.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Gay help line

Pubblicato il


Si chiama "Gay Help Line" ed è un servizio offerto dal Comune di Roma in collaborazione con la Regione Lazio e la Provincia di Roma, gestito grazie alla collaborazione di numerose associazioni del territorio.
Si tratta di un contact center antiomofobia e antitransfobia per persone gay, lesbiche e transessuali. Chiamando il numero 800.71.37.13 è possibile chiedere consulenza psicologica, legale e medica, informazioni o confronto e sostegno. Tutti i servizi sono offerti gratuitamente e sono disponibili in tutta Italia. Il servizio telefonico è attivo il lunedì, il mercoledì, il giovedì e il sabato dalle ore 16 alle 20, mentre è possibile porre le proprie domande 24 ore su 24 anche attraverso il sito all'indirizzo www.gayhelpline.it.
Secondo le cifre presentate dal presidente dell'Arcigay romana, il sito ha registrato oltre un milione di accessi nel 2008 e anche il numero di telefonate ricevute è stato considerevole.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1]


Marco Carta nudo

Pubblicato il


Era successo a Giusy Ferreri: la vincitrice di "X Factor" vide comparire in reta alcuni scatti in pose osé effettuate prima della sua partecipazione al programma televisivo. Oggi è la volta del vincitore di Sanremo, Marco carta, le cui foto senza veli sono state pubblicate da Gay.tv (anche se presto rimosse).
In realtà sono scatti per lo più goliardici e neppure troppo imbarazzanti: c'è Marco completamente nudo che si copre le parti intime o in pose sexy sul letto e vicino all'armadio.
Stando alla data, gli scatti risalgono al gennaio 2007, quando Marco era ancora un parrucchiere e non aveva ancora iniziato a partecipare al programma "Amici di Maria de Filippi".

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Dave August per DMK

Pubblicato il


Il Dave August ha mostrato il suo fisico atletico e muscoloso in alcuni scatti realizzati per l'azienda di intimo DMK. Alcune foto, realizzate in occasione del giorno di San Patrizio, sono caratterizzate da un tatuaggio a forma di trifoglio visibile in bella mostra sul pettorale sinistro di Dave.
Gli scatti sono stati realizzati dal fotografo Peter Brown.
Oltre ad essere un modello, Dave è anche un attore, apparso di recente nel musical di Broadway dal titolo "Naked Boys Singing".

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Southland

Pubblicato il


E' uscito negli Stati Uniti "Southland", una serie televisiva poliziesca creata dai produttori di ER. Le indiscrezioni sostenevano che fra i personaggi ci sarebbe stato anche un poliziotto gay, indiscrezioni confermate dalla scena finale del primo episodio: John Cooper (Michael Cudlitz) entra in un bar a bere una birra, esattamente come accade spesso nelle americane, ma basta osservare la scena per capire di che bar si tratta (il filmato è proposto in fondo al post).
Sempre stando alle indiscrezioni, nel terzo episodio l'accenno alla sessualità dell'agente dovrebbe essere dichiarata in modo molto più esplicito in una sequenza di ben sette minuti.
Fra i protagonisti della serie c'è anche Ben McKenzie (nella serie Ben Sherman), attore che molti conoscono per aver interpretato il biondo di O.C.
La serie non è ancora uscita in Italia ma si sa già che sarò trasmessa da Sky.

Video: [1]


Fracesco Arca veste i panni di un gay

Pubblicato il


Francesco Arca è stato uno dei tronisti del programma televisivo "Uomini e donne" e molti se lo ricorderanno anche per un calendario pubblicato nel 2005.
Dal 5 maggio prossimo, Francesco vestirà i panni di un gay nell'opera "Bum bum liberi tutti", tratta da "Festa di compleanno per il caro amico Harold" (in scena, per l'appunto dal 5 maggio, al Cometa off di Roma).
Al centro dell'opera il racconto del mondo gay degli anni settanta. In un'intervista, dichiara di non aver avuto alcun problema ad interpretare quel ruolo: «In fondo i gay sono stati i primi ad apprezzarmi. Ricordo che Gay TV mi dedicò un servizio quando ero agli inizi. Mai avuto problemi, anzi. A commedia è un omaggio alla libertà, una critica all’ipocrisia. Che c’è dappertutto non solo in tv, sta dietro le quinte».


Dr. Gay

Pubblicato il


Online dal luglio del 1999, Dr.Gay è un sito a curato dall'Aiuto Aids svizzero nell'ambito del programma MSM ("men having sex with men": uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini).
Il sito permette di registrarsi gratuitamente ed anonimamente e di porre domande non solo relative all'HIV/Aids, ma anche ai temi legati all'omosessualità, come coming-out, amore, sesso, rapporti interpersonali...
Le risposte verranno fornite da un team di redattori specializzati ed esperti di diversa formazione (assistenti sociali, terapeuti, psicologi, medici...) che sono in grado di fornire assistenza in lingua italiana, tedesca o francese.
Il sito è aperto non solo a chi è direttamente coinvolto ma anche ad amici o parenti di persone sieropositive, gay, lesbiche, bisessuali o transessuali.

Per visitare il sito vai all'indirizzo www.drgay.ch/i.


Brock Harris per Tetu

Pubblicato il


Nel 2008 il magazine gay francese Tetu dedicò la foto di copertina al modello Brock Harris. Oggi, a distanza di alcuni mesi, ha pubblicato nella sua versione online alcune foto realizzate durante quel servizio e ai tempi scartate.
21enne originario dell'Oklahoma, Brock ha come obiettivo di diventare attore ma attualmente, in attesa di coronare il suo sogno, lavora anche come modello. I suoi capelli biondi, gli occhi azzurri e il fisico atletico non sono di certo passati inosservati, facendolo conoscere in modo abbastanza rapido anche al grande pubblico.
Il lavoro, però, non è la sua occupazione primaria: Brock è infatti uno studente di teatro musicale presso la the Hartt School of music di Hartford (USA).

Immagini: [1] [2] [3] [3]


Pride at 40

Pubblicato il


Il 2009 è l'anno in cui si celebrano i 40 anni del movimento LGBT americano, per l'appunto nato nel 1969 con i Moti di Stonewall (Stonewall era un bar frequentato da gay e transgender da cui nacque una vera e propria ribellione in seguito all'irruzione nel locale della polizia il 28 giugno 1969).
Jon Gilbert Leavitt ha pensato di celebrare questo anniversario scrivendo la canzone "Pride 2009" che -attraverso il suo video- riassume in soli 5 minuti la storia del movimento omosessuale. Il video si conclude mostrando provocatoriamente alcuni titoli di giornale con date del futuro e notizie che tutti noi speriamo di poter leggere.
Per chi volesse approfondire, potete trovare informazioni su alcuni spezzoni proposti nel videoclip all'interno del post "La storia del cinema gay" pubblicato lo scorso marzo.
Sul sito di Jon Gilbert, nella pagina dedicata è disponibile un file PDF con il testo della canzone.

Clicca qui per guardare il video.


Al via il 24° Torino GLBT Film Festival

Pubblicato il


Giovedì prossimo a Torino apriranno i battenti della 24° edizione del GLBT Filmfestival, "Da Sodoma a Hollywood".
Oltre ai consueti tre concorsi internazionali, il programma dell'edizione 2009 propone la retrospettiva dedicata a Giuseppe Patroni Griffi (scrittore e regista di teatro e di cinema), la Carta Bianca a Ferzan Ozpetek con ospite Franca Valeri, un omaggio a Filippo Timi, figura unica nel panorama italiano impegnato tra cinema, teatro e letteratura; altri omaggi a Adorfo Arrieta, cineasta e pittore che era tra i pionieri del cinema GLBT europeo, a Guy Gilles, sperimentatore di un cinema poetico, a Shu-Lea Cheang, interessante cineasta sperimentale taiwanese "radical&sex&punk", e alla scrittrice australiana Dorothy Porter, e per l'occasione Valeria Solarino legge alcuni brani dal romanzo in versi La maschera di scimmia. Ci sarà una finestra sui programmi televisivi cult "Society" e "Sugar Rush", rispettivamente due serial con focus lesbico dal Sudafrica e dall'Inghilterra. Due eventi per ricordare i vent'anni della caduta del muro di Berlino e i quaranta dagli scontri di Stonewall a New York.
I temi trasversali di molti film e documentari sono ancora una volta la lotta contro l'AIDS e la discussione attorno alle difficoltà vissute dalle persone GLBT nei Paesi in cui l'omosessualità è tuttora un tabù. Non mancano tuttavia commedie leggere dagli Usa e dalla Spagna, o riflessioni sulla storia politico-culturale più recente.
Il festival si concluderà il 30 aprile. Maggiori informazioni sulle singole iniziative possono essere trovate sul sito dell'iniziativa all'indirizzo www.tglff.com.


Sensualità a corte

Pubblicato il


Gli amanti della Gialappa's Band non potranno non conoscerla: si tratta di "Sensualità a corte", una sit-com diretta da Marcello Cesena (con episodi da 4 minuti circa l'uno) ormai arrivata alla quinta stagione proposto all'interno di vari programmi del trio comico. Si tratta di una parodia surreale di fiction ambientata nella Parigi del 1794.
Protagonista indiscusso è Jean Claude, un baronetto venticinquenne della nobiltà francese gay, che in ogni puntata trova il modo di entrare in conflitto con la madre.
Ogni serie è stata caratterizzata dalla ricerca da parte di Jean Claude di un idolo: nella prima è Batman (nella serie chiamato Renato), nella seconda Darth Fener (che Jean Claude chiama Stefano), nella terza Diabolik (detto Armando), nella quarta Robin Hood (chiamato Titti) e nell'ultima Wonder Woman, (soprannominata Diana).
Nonostante la trama giochi molto sull'effeminatezza aristocratica del protagonista, non sfocia mai in pregiudizi o generalizzazioni offensive per il mondo gay. Anche se non mancano stereotipi come la madre che vorrebbe vedere il figlio ammogliato con una donna o il classico attaccamento alla madre da parte degli uomini gay.
In fondo al post i primi sei episodi della sesta serie che tutt'ora va in onda martedì sera su Italia Uno all'interno del programma "Mai dire Grande Fratello". Buon divertimento!

Video: [1] [2] [3] [4]


Matt Loewen

Pubblicato il


Matt Loewen nasce nel 1986 a Vancouver (Canada). Studia presso la Pinetree Scholl, diplomandosi nel 2003.
Iniziata la carriera da modello, posa per prestigiose marche come, ad esempio, Undergear, Papi, Calvin Klein e Dolce Gabbana.
Fra le sue passioni c'è la musica: Matt ascolta tutto ciò che fa muovere il suo corpo. Fra i suoi artisti preferiti ci sono Armand Van Helden, Daft Punk, Red Hot Chilli Peppers, Ras Kass, White Stripes, Krafty Kutz, Benny Bennasssi e Basement Jaxx.
Un'altra sua passione è il cinema. Il suo film preferito è "Le strane coincidenze della vita" (un film del 2004 di David Russell), seguito a ruota da "Spanglish. Quando in famiglia sono in troppi a parlare", "Se mi lasci ti cancello", "Magnolia", "Le ali della libertà", "Pulp Fiction", "Sin City", "The Truman Show", "Anchorman" e "Impiegati male".
Degna di nota la sua filosofia di vita, secondo la quale per trovare la felicità è necessario aiutare gli altri a trovarla.

Immagini: [1] [2] [3]


Fra gare e passerelle

Pubblicato il


Settimana scorsa è ripreso il MotoGP. Fra i protagonisti anche Andrea Dovizioso (nato a Forlì il 23 marzo 1986). Alto 164 cm per 56 kg di peso, venne scoperto nel 2000 dall'Aprilia che lo fece gareggiare nella 125 cc. Nel 2002 Andrea decide di cambiare scuderia: passa così alla Honda, diventando poi pilota ufficiale. Nel 2005 decide invece di cambiare categoria e inizia a gareggiare nella 250 cc. Il 2008, infine, è l'anno che lo vede al suo debutto nella MotoGP.
Quest'anno, però, Andrea ha deciso di affiancare una nuova attività a quella di pilota: ha infatti iniziato a lavorare come stilista firmando alcuni abiti realizzati per la GAS. Qualche giorno fa ha addirittura una sua collezione di jeans, chiamata "Gas4Dovizioso".

Immagini: [1] [2] [3]


Philip Fusco

Pubblicato il


Philip Fusco nasce nel 1988 a New York City (Stati Uniti). Inizia a lavorare come modello già dall'età di 14 anni, ma la sua carriera vera e propria inizia a 17 anni. In poco tempo colleziona un gran numero di servizi importanti, fra cui anche alcuni lavori per Score Underwear, Vista Video e John Falocco. Conquista anche l'ambita copertina della rivista maschile Exercise Magazine.
Philip ama andare in palestra e qui passa tutto il suo tempo quando non è al lavoro o in viaggio: nel suo blog dichiara di avere come obiettivo di andare in palestra almeno 3-4 volte a settimana, cercando di allenare ogni singolo muscolo del suo corpo. Non tralascia neppure un rimprovero a chi è solito trovare scuse per non andarci: secondo lui non c'è umore o stanchezza che tengano, quello è un appuntamento da rispettare e che probabilmente farà uscire sentendosi meglio.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [1] [2]


Anthony Gallo

Pubblicato il


Anthony Gallo nasce il 3 maggio 1981 a New York City (Stati Uniti). Di professione modello, ha discendenze italiane ed africane.
La sua carriera da modello ha inizio nel 2007, quando firma con la "Ford Models" e la "Next". I suoi primi incarichi sono servizi fotografici pubblicitari commissionati da aziende del calibro di "Phat Farm" e "Sean John".
La sua immagine acquista ancor più visibilità quando diventa dno dei primo volti afro-americani immortalati dalla "Abercrombie & Fitch", popolarità che lo porta a posare per un'altra campagna a livello nazionale per la "Pepe Jeans".
nel 2008 Anthony appare anche nel video musicale di Rihanna, "Take A Bow".

Immagini: [1] [2] [3] - Video: [1] [2]


Intervista ad Adam Champ

Pubblicato il


Adam Champ è un attore pornografico che lavora per la Colt Studio. Alto 1,78 m per 99 chili di peso, Adam nasce a Buenos Aires, dove studia per laurearsi in fisiologia dello sport. Nel 2006 ricieve la sua prima offerta per entrare a far parte dell'industria pornografica: dopo il primo rifiuto so farà convincere dall'insistenza dei reclutatori. Attualmente vive a Roma insieme al compagno Carlo Masi.

Puoi raccontarci qualcosa di te?
Sono nato a Buenos Aires 33 anni fa. Dieci anni fa, finita l'università, ho conseguito una laurea in fisiologia dello sport e mi sono trasferito a Miami; da quel momento non ho più smesso di viaggiare.
Ho vissuto a New York City, San Francisco, i Caraibi e Città del Messico. Alla fine mi sono stabilito a Roma.

Perché hai scelto di entrare nel settore della pornografia?
In realtà non ho scelto. Credo sia stato il settore a scegliere me. Ero molto distante dall'industria del porno e per dir la verità non ero per nulla coinvolto dalla pornografia. La Colt Studio mi ha avvicinato sei anni fa e allora ho respinto con decisione la proposta. Il reclutatore della Colt, però, ha continuato ad insistere e alal fine mi ha convinto.

Cosa ti ricordi della tua prima volta davanti ad una macchina da presa?
E' stata una situazione divertente. A quei tempi vevevo a Città del Messico. Credevo che saremmo stati io, l'altro modello, il regista e il cameramen. ma non è stato così. Sul set c'erano circa venti persone attorno a me e all'altro modello e per di più il cameraman era una donna!
Sono rimasto un po' scioccato ma poi tutto è accaduto in modo molto naturale.

Qual è il tup film preverito a cui hai preso parte?
Lo sto ancora aspennando. LOL. Credo sia "Naked muscles": la scena in cui recitavo con Carlo Masi nei panni di un motociclista.

Se tu fossi il regista di un film, che scena scriveresti per te stesso?
Penso che scriverei una scena dove sono solo o una scena in cui mi esercito in palestra o sono sotto ad una doccia. Sarei solo. Amo le scene solitarie.
Amo anche le scene prive di sesso dove seduco altri uomini ma senza fare sesso.

Che cosa ti piace e che cosa non ti piace del tuo corpo?
Mmm. Sono molto soddisfatto del mio corpo. Mi piacciono i miei occhi azzurri. Una patrimonio della mia famiglia libanese: nella mia famiglia tutti i maschi hanno gli occhi azzurri.
Mi piacerebbe essere un po' più alto, ma credo che 1.78 sia abbastanza alto. Credo che vada bene, no?

Che cosa guardi in un uomo?
Ogni cosa! Mi piace osservare le persone da ogni lato. Mi piacciono gli uomini che mi fanno ridere, ma non sono alla ricerca di clown. Mi riferisco agli uomini che prendono la vita in un modo molto semplice e sono e sempre sorridenti.
Per quanto riguarda l'aspetto fisico, ho un'attenzione particolare per il sedere. Muoio dietro ai sederi tondi e muscolosi.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
In questo momento sono legato al mio lavoro con la Colt Studio. Ho firmato un contratto pluriannuale quest'anno. Inoltre sono impegnato anche a fare apparizioni live in Europa, Stati Uniti d'America e Messico.
Vorrei ringraziare a tutti i miei fans italiani, che sempre mi ha trattato in un modo molto bello, quando mi hanno riconosciuto per strada o in palestra.
Inoltre, vorrei invitarvi a visitare i miei siti www.adamchamp.com e www.adam-champ.blogspot.com.

Traduzioni: [en] - Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Videoteca: Piume di struzzo

Pubblicato il


"Piume di struzzo" (1996) è un film commedia diretto da Mike Nichols, tratto dall'opera teatrale "La Cage Aux Folles di Jean Poiret", è il remake del celebre film "Il vizietto" (1978) di Edouard Molinaro.
Armand (Robin Williams) ed Albert (Nathan Lane) sono una coppia omosessuale che gestisce un locale in Florida. Un giorno arriva da loro Val (Dan Futterman), figlio di Armand e frutto di una sua vecchia relazione eterosessuale, che li informa di aver deciso di sposarsi.
La sua ragazza, Barbara (Calista Flockhart), è la figlia di un importante senatore repubblicano particolarmente conservatore e, quindi, per ottenere il consenso al matrimonio da parte del padre decide di raccontargli che il padre del suo ragazzo è un importante diplomatico che lavora in Grecia.
L'incontro tra le due famiglie ha luogo a casa di Armand e Albert, con quest'ultimo travestito da donna per fingersi la madre naturale di Val...


David Gandy

Pubblicato il


David Gandy nasce Billericay, Inghilterra, il 18 febbraio 1980. Nel 2001 partecipa ad una selezione di modelli presso un'agenzia londinese: inizia così la sua carriera da modello. Nel 2006 il suo successo viene decretato grazie all'uso della sua immagine in una pubblicità per un profumo di Dolce & Gabbana.
Nel frattempo continua a posare per la Select Model Managementm una delle principali agenzie del regno unito, comparendo in numerosi cataloghi, riviste e campagne pubblicitarie (come Zara e 50ft.).
Oltre agli scatti, David ha partecipato anche ad alcune produzioni e programmi televisivi. In Italia la sua popolarità è legata soprattutto ad uno spot televisivo per la Dolce & Gabbana, popolarità che lo ha portato ad essere ospite della scorsa edizione del Festival di Sanremo.
Degna di nota anche una campagna pubblicitaria stampata (sempre della D&G) che ha visto la fotografia di David in mutante affissa in giro per l'Italia.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Anton Antipov

Pubblicato il


Anton Antipov nasce il 6 maggio 1983 a Bobruisk, Belarus. All'età di 13 anni si trasferisce a New York con la sua famiglia. Mentre frequenta il college e lavora per la A|X, gli vengono numerosi alcuni lavori come modello. Inizia a mandare in giro le sue foto e, alla fine, decide di firmare un contratto con la Boss models.
La sua carriera è in rapida ascesa, ed è in questo periodo che fa visita all'Italia posando per una campagna pubblicitaria per la Pomellato gioielli.
Compare anche in un libro realizzato dal fotografo Kal Yee e su siti come Allamericanguys e Sixpacknow.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1]


Arcobaleni fra le nuvole

Pubblicato il


Per la prima volta in Italia sono state esposte ad una fiera del fumetto alcune tavole di storie gay. E' accaduto il 4 e il 5 aprile scorso presso il Genova Comics all'interno di una manifestazione chiamata "Arcobaleni fra le nuvole".
Purtroppo l'Italia è un po' il fanalino di coda nella creazione di fumetti gay e molti degli artisti che hanno esposto i loro lavori collaborano con editori stranieri per la pubblicazione delle loro opere (all'estero tali tavole sono a volte addirittura esposte in prestigiose gallerie d'arte).
Alcuni degli artisti che hanno esposto i loro lavori sono: Max Basili, Andrea Madalena, Zel, Wally Rainbow, Jacopo Camagni, Mauro Padovani, Le Peruggine e Giuseppe Fadda, Dany e Dany e Marco Albiero.
La manifestazione è stata organizzata dal Comitato Genova Pride e Kolosseo Bologna.


Paul Becker

Pubblicato il


Paul Becker è un modello di origine filippina, attualmente residente nel Wisconsin (USA). Diplomatosi come personal trainer, dichiara di essere una persona abbastanza positiva e amante della vita genuina. Fra i suoi hobby c'è il leggere libri e praticare sport.
La sua carriera ha avuto inizio in giovane età. Dichiaratamente bisessuale, dall'aprile 2007 ha lavorato anche come attore pornografico per la Randy Blue sotto il nome di Lucky Daniels.
La sua popolarità è via via andata crescendo e nel tempo ha posato anche per riviste importanti come PlayGirl e Freshmen.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Anche il Vermont riconosce i matrimoni gay

Pubblicato il


Il Vermont è diventato oggi il quarto stato americano (dopo Massachusetts, Connecticut e Iowa) che ha legalizzato le nozze tra persone dello stesso sesso. I senatori e i deputati del parlamento di Montpelier, infatti, sono riusciti a superare il veto imposto dal governatore Jim Douglas, approvando i matrimoni gay con due terzi dei voti a favore.
E' da notare che il Vermont è il primo stato degli Stati Uniti ad aver approvato i matrimoni fra persone dello stesso sesso attraverso la via legislativa (negli altri tre stati, infatti, la decisione è stata una conseguenza delle sentenze di un tribunale).


Tornano legali i matrimoni gay in Iowa

Pubblicato il


La Corte suprema dell'Iowa ha stabilito che il bando dei matrimoni gay viola i diritti costituzionali di gay e lesbiche. I matrimoni gay, infatti, sono stati resi legali in California per un breve periodo, ma la legge fu abrogata in seguito ad un referendum popolare.
L'associazione per i diritti gay "Lambda Legal" fece ricorso nel 2005, portando all'iter legale che è scaturito con la sentenza pronunciata dalla Corte suprema che ha di fatto abolito il veto imposto dallo Stato.
Oggi l'Iowa diventa il terzo stato americano (dopo Massachusetts e Connecticut) e il primo del Midwest a consentire i matrimoni tra coppie dello stesso sesso.


Terremoto in Abruzzo

Pubblicato il


Ore 3:30 del mattino: la terra ha iniziato a tremare. Il sisma, che ha raggiunto i 5,8 gradi della scala Richter, è stato avvertito dalla Romagna a Napoli, con epicentro ad una decina di chilometri dall'Aquila. Oltre a morti e dispersi, ci sono circa 1.500 feriti e si stimano intorno ai 100 mila gli sfollati.

Ero un po' indeciso se scrivere o meno questo post: Gayburg è un blog volutamente "leggero" che per scelta non affronta temi di cronaca spiacevoli. E' per questo che mi sembrava quasi irrispettoso trattare un tema importante e delicato come il terremoto che ha colpito l'Abruzzo nelle scorse ore. D'altra parte, però, mi sembrava ancor meno delicato girare la testa e far finta di nulla, stando qui a parlare di ragazzi mezzi nudi mentre migliaia persone stanno passando ore così difficili.
Questo post, quindi, vuole essere un pensiero per tutti coloro che sono stati colpiti direttamente o indirettamente dalla scossa sismica della scorsa notte. Prendetelo come tale e scusatemi fin d'ora se la fonte da cui lancio il mio pensiero non è fra le più adeguate a trattare temi simili.


Bruno

Pubblicato il


Dopo il successo di "Borat", film che ha incassato oltre 260 milioni di dollari al botteghino, Sacha Baron Cohen porta sul grande schermo il suo nuovo film comico: "Bruno: Delicious Journeys Through America For The Purpose Of Making Heterosexual Males Visibly Uncomfortable In The Presence Of A Gay Foreigner In A Mesh T-Shirt" (Bruno, delizioso viaggio attraverso liAmerica con l'intento di mettere visibilmente a disagio i maschi eterosessuali in presenza di un gay straniero).
Bruno è un giornalista di moda, austriaco e gay, caratterizzato da una forte arroganza ed ignoranza. Il film è ispirato ad alcuni sketch realizzati per Comedy Channel nel 1998.
Da poco è iniziato a circolare per la rete il primo trailer ufficiale (clicca qui per guardare quello italiano).


Lucas Malvacini

Pubblicato il


Terra Boy ha spesso pubblicato per la bellezza dei modelli -principalmente brasiliani- che hanno preso parte ai servizi fotografici pubblicati sulle loro pagine.
Il modello scelto per marzo è Lucas Malvacini, un ragazzo 19enne nato a Juiz de Fora (Brasile) il 20 novembre 1989. Alto 1,84m per 74kg di peso, Lucas sta portando a termine gli studi presso la facoltà di turismo. Il suo piatto preferito sono i maccheroni e vorrebbe visitare la Grecia (tecnicamente per raggiungerla dovrà sorvolare l'Italia, quindi possiamo sempre sperare in una tappa intermedia!).
Nel servizio fotografico ha posato per il fotografo Cristiano Madureira, che in passato ha già realizzato altri servizi per la Terra Boy.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Videoteca: Eating Out

Pubblicato il


"Eating Out" è una divertente commedia uscita nel 2004, scritta e diretta da Allan Brocka.
Dopo essere stato scaricato dalla sua ragazza, Caleb (Scott Lunsford) si commisera durante un party con il suo compagno di stanza gay, Kyle (Jim Verraros), notando però come tutte le ragazze presenti siano attratte dal suo amico proprio per il suo essere gay. Caleb si infatua di Gwen (Emily Stiles) e incontra Marc (Ryan Carnes), una preda di Kyle. Marc, però, è attratto da Caleb, che a sua volta è riuscito ad avvicinarsi a Gwen solo perché lei lo crede gay.
Gwen proverà così ad aiutare Caleb a conoscere Marc, ignorando che lui è eterosessuale e che in realtà si sta fingendo gay solo per starle vicino...
Una commedia realizzata con basso budget, ma sicuramente compensata da una trama robusta e divertente.

Immagini: [1] [2] [3] [4] - Video: [1] [2]


David Charvet

Pubblicato il


David Charvet nasce a Lione, in Francia, il 15 maggio 1972. La sua famiglia si trasferì negli Stati Uniti nel 1981. Abbandona presto gli studi e inizia a fre i lavori più disparati. Fra questi anche delle apparizioni per la Guez jeans e la Coca-Cola: qui venne notato da alcuni produttori di Malibù.
Inizia a lavorare al fianco di David Hasselhoff e Pamela Anderson nella serie televisiva "Baywatch" (con il personaggio di Matt Brody dal 1992 al 2995) e, successivamente, in "Melrose Place" (come Craig Field dal 1996 al 1998).
Nel 1997 fa ritorno in Francia per dar vita ad un suo sogno: incide la canzone "Should I Leave". da quel momento il suo lavoro di attore diventa per lui marginale (con apparizioni sulla TV francese) e inizia a dedicarsi quasi completamente alla musica. Negli anni successivi farà uscire quattro album.
Nel 2006 torna a recitare in un film diretto da Roger Christian, "Prisoners of the Sun" la cui uscita nelle sale è prevista nel 2009. E' prevista la sua apparizione nel film "Green Flash and Nephilim".

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1] [2]


Intervista a Carlo Masi

Pubblicato il


Carlo Masi nasce a Roma il 6 ottobre 1976. Poco più che quattordicenne, inizia a frequentare le palestre e a praticare assiduamente il bodybuilding. Laureatosi in ingegneria informatica ed inizia a praticare il lavori più disparati: dal rappresentante all'insegnante di matematica e dal personal trainer al modello. Nel 1994 partecipa al concorso Mister Gay Italia, aggiudicandosi il titolo di Mister Alibi. Nel 2004, in un modo singolare che lui stesso ci racconterà, entra nel mondo della pornografia all'interno degli studios americani della Colt.

Ho letto che prima di diventare attore hai fatto numerosi lavori, compreso l'insegnante. Cosa puoi raccontarci di questo periodo?
A dire la verità la mia principale occupazione prima di diventare COLT Man era quella di studiare. Appena mi sono laureato in Ingegneria Informatica sono stato contattato dalla COLTstudio – dopodiché, a parte un periodo iniziale in cui facevo sia il porno attore che il sistemista in un società, ho sempre e solo fatto “Carlo Masi”.
Come qualunque altro studente che non proviene da una famiglia agiata ho dovuto lavorare per contribuire a pagare i miei studi, ho vinto diverse borse di studio ma non erano certo sufficienti a mantenermi. Così ho provato a fare diversi lavori, per lo più insoddisfacenti.

Perché hai deciso di entrare nel settore del cinema hard?
Io sono sempre stato un grande fan della compagnia per la quale lavoro, la COLTstudio. In special modo per le sue fotografie e per la bellezza dei ragazzi che venivano contrattati. Devo essere onesto, per il mio primo film ho chiesto di poter fare una scena soft-core (no sesso). Pensavo che essere nudo davanti le telecamere, con tutte quelle persone con aspettative molto alte mi avrebbe messo in enorme difficoltà, invece ho scoperto che per me era la cosa più naturale del mondo.

Come sei stato contattato dalla Colt studio?
La storia è divertente, come ho detto ero laureato da pochi giorni e andavo spesso all'internet caffè sotto casa per mandare dei resumè a ditte varie e cercare lavoro. Anche se in quel momento della mia vita ero veramente senza un soldo trovavo sempre il modo di comprare i calendari e le riviste COLT, ero così innamorato di quei bellissimi ragazzi!
Un giorno ricevo un email da una persona che dice di aver visto il mio profilo su un sito gay, di essere il rappresentante della COLTstudio e che vorrebbe propormi di lavorare con loro. Sulle prime penso a qualche scemo che gioca scherzi del genere per avere qualche foto in più dei ragazzi che gli piacciono in internet. Io non sono mai stato avaro di foto quindi per un po di tempo sto al gioco. Fino a che le mie aspettative cominciano a crescere e un poco spaventato che in effetti possa essere tutto uno scherzo contatto la COLTstudio tramite il loro sito personale. Il presidente in persona mi risponde divertito e mi dice che posso avere piena fiducia della persona con la quale sono in contatto perché è il loro miglior talent scout. Da li a pochi mesi ero a San Francisco e proprio durante le riprese del mio primo film il presidente della COLT mi ha offerto il mio primo contratto in esclusiva.

Cosa ricordi della tua prima volta davanti ad una macchina da presa?
Ricordo il mio partner, Karim, uno degli uomini più belli e straordinari che abbia mai conosciuto. Io ero veramente nervoso e impacciato, avevo paura di sbagliare e di far arrabbiare qualcuno. Karim era già un veterano e aveva vissuto in Italia per diversi anni, così quando mi vedeva in difficoltà mi parlava e mi rassicurava in Italiano. È stato veramente speciale in America avere una persona che parlava la mia lingua, quasi come avere una lingua segreta.

Perché hai scelto di lavorare negli Stati Uniti? Che differenza c'è fra le produzioni italiane e quelle statunitensi?
A dire il vero la mia non è stata una scelta consapevole, semplicemente non avrei considerato di lavorare per nessun altra compagnia al di fuori della COLTstudio. Ero già un ingegnere e avevo un lavoro stabile, non mi sarebbe mai venuto in mente di accettare un offerta di questo tipo se non fosse venuta dalla compagnia che io veneravo.
Nel tempo ho scoperto che il porno di elite è quello in America, che in Italia le produzioni sono per lo più caserecce. Quello che in America chiamiamo euro-trash.

Se tu fossi il regista di un film, che scena scriveresti per te stesso?
Ce ne sono molte che mi piacerebbe interpretare. È veramente difficile dirlo. Ultimamente ho realizzato uno dei miei feticci sul set, ho girato un intera scena in giacca e cravatta senza togliermele mai. Devo dire che mi ha dato una bella sensazione di potere avere un uomo nudo che si dava da fare per divertirmi mentre io ero per lo più vestito. Il film si chiamerà "Muscle Heads" e verrà messo in commercio tra pochi mesi.

Recentemente è stato messo sul mercato il tuo dildo, diventando il primo porno attore italiano con un dildo commercializzato. Cosa puoi dirci in merito? E, per i più curiosi, puoi raccontarci come viene realizzato un dildo ad immagine e somiglianza dell'originale?
Sono molto fiero di questo ennesimo gadget firmato Carlo Masi, nato grazie alla collaborazione mia, di ColtStudio e Calaexotic. Sono contento che il produttore del dildo è stata la Calaexotic in quanto è la migliore azienda nel campo e produce i giocattoli di migliore qualità.
Realizzarlo è stato divertente, io e il mio ragazzo Adam Champ, siamo andati assieme a Los Angeles a fare i nostri calchi (il Dildo di Adam Champ sarà sul mercato tra pochi mesi). La realizzazione e messa in commercio del dildo ha preso più di un anno ma per fare il calco ci sono voluto solo 5 minuti.
Basta spogliarsi, avere la miglior erezione possibile e infilare il proprio arnese dentro a un tubo di plastica che verrà convenientemente riempito di una pasta simile a quella che usano i dentisti per il calco dei denti. Dopo 4 minuti si estrae e il gioco è fatto. O almeno il gioco è fatto per i modelli, per avere un dildo che si possa commercializzare, quindi eseguire in migliaia di copie sono necessarie molte ore di tedioso lavoro.

Che cosa guardi in un uomo?
Fisicamente i pettorali, ma ti assicuro che serve molto più di quello per avere un secondo appuntamento.

Boxer o slip?
Boxer, li trovo più pratici in palestra.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Di progetti ne ho tanti, probabilmente troppi per realizzarli tutti. Staremo a vedere, per adesso sono in partenza per l'Egitto e la Giordania (vado in aeroporto tra un ora) per 15 giorni e al ritorno il tempo di cambiare le valigie e di nuovo a San Francisco per un film e in Messico per un tour promozionale. Potrete vedere tutte le foto dei miei viaggi, e non solo, sul mio blog www.CarloMasiBLOG.com o sul mio sito www.CarloMasi.com.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Jesse Metcalfe in The Other End of the Line

Pubblicato il


Jesse Metcalfe, che molti si ricorderanno per aver interpretato il giardiniere John Rowland nel telefilm Desperate Housewives, è uno dei protagonisti del film "The Other End of the Line".
Il film, diretto da Granger Woodruff e tratto da una sceneggiatura di Tracey Jackson, racconta le vicende di una ragazza indiana che lavora presso un call center. Dopo essersi innamorato della voce di un ragazzo sentito per telefono, decide di intraprendere un lungo viaggio fino a San Francisco per conoscerlo...
Anche in questo film Jesse Metcalfe ci regala alcune scene in cui mostra il suo fisico e che possono tranquillamente farci ricordare i tempi in cui gironzolava mezzo nudo attorno a Gabrielle Solis (Eva Longoria Parker) in Desperate Housevises.

Immagini: [1] [2] [3] [4] - Video [1]