Archivio: maggio 2009

Usa: In maggionaza i gay passivi

Pubblicato il


Il blog americano The Sword ha pubblicato un curioso studio statistico. L'autore del blog, infatti, ha analizzato gli annunci pubblicati sul sito Craig List (uno tra i popolari siti di annunci gay negli Stati Uniti) e ha provato a calcolare città per città il numero di persone che cercavano un partner attivo e quelli che ne cercavano uno passivo.
Il calcolo ha portato a dati abbastanza significativi: solo in tre città (Atlanta, Washington e New York) il numero di persone che cercava un partner passivo superava quelli che ne cercavano uno attivo. Ci sono poi città come Houston e Miami dove la ricerca partner passivi addirittura non raggiunge neanche la metà di quelli rivolti agli attivi.
Inutile sottolineare come questi dati dimostrino che in alcune città statunitensi la ricerca di un partner sessualmente compatibile possa essere un'impresa alquanto ardua.

Immagini: [1]


Chad Pinther

Pubblicato il


E' buffo come per certi modelli sia così facile trovare online le loro fotografie e così difficile trovare traccia della loro biografia. E' questo il caso i Chad Pinther, un modello che nello scorso anno ha visto le sue foto pubblicate in un numero sempre crescente di blog grazie ad un tam tam mediatico.
Ad ampliare la sua popolarità c'è anche uno spot televisivo realizzato per Zero Grados, dove Chad cammina in una grotta di ghiaccio mettendo ben in evidenza il suo corpo muscoloso.
Chad ha gli occhi verdi, capelli sastani, è alto 188 cm, ha un petto di 99 cm e porta il 45 di scarpe.
Come consuetudine chiudo il post con una galleria di immagini che lo ritraggono.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1]


Tomas Skoloudik

Pubblicato il


Tomas Skoloudik nasce il 24 ottobre 1985 a Praga, Repubblica Ceca.
Di professione modello, è apparso in numerose campagne pubblicitarie e servizi fotografici, anche per clienti prestigiosi come "Gucci" e "The Gap".
Al suo attivo ci sono anche numerose copertine, fra cui quelle di "Men's Health", "Men's Folio", "Style: Men" e "Indigo". La sua popolarità deriva anche grazie a numerose apparizioni in pubblicità televisive e cartacee diffuse in Asia, e più precisamente a Tokyo, Hong Kong, Singapore e Kuala Lumpur.
Quest'anno è il protagonista di una campagna pubblicitaria per International Jock.
Anche se non tutte le biografie lo riportano, prima dell'inizio della sua carriera da modello di fama internazionale, Tomas ha posato nudo per la realizzazione di alcuni video per adulti e scatti fotografici che lo hanno immortalato mentre praticava autoerotismo.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Eyes wide open

Pubblicato il


Qualche tempo fa avevamo parlato del film "I love you Phillip Morris", film presentato al festival di Cannes che racconta la storia di un uomo che si innamora del compagno di cella e, dopo la scarcerazione di quest'ultimo, cerca un modo di evadere per poterlo raggiungere.
Questo, però, non è l'unico film a tematica gay presentato in questi giorni al festival. In concorso c'è anche il film israeliano "Eyes wide open" di Haim Tabakman.
Il film osa molto: lo sfondo della storia, infatti, sono ambienti di ebrei ultraortodossi, studenti della Torah e membri di drappelli di difesa e del rispetto delle sacre scritture.
E' la storia di un macellaio che -proprio grazie allo studio della Torah- incontra un giovane studente. La loro conoscenza diventa più profonda quando quest'ultimo si ritrova senza lavoro: nasce un rapporto appassionato che si scontrerò ben presto con il bigottismo della gente.


Colin Farrell sarà il testimone al matrimonio del fratello gay

Pubblicato il


Secondo alcune indiscrezioni, quest'estate Colin Farrell sarò il testimone di nozze del fratello gay, Eamon.
Eamon è fidanzato da tempo con il compagno Steven Mannion e fra pochi mesi i due convoglieranno a nozze in Europa, anche se ancora non si sa con precisione in quale Nazione. In un suo sfogo, infatti, ha dichiarato: "E' assolutamente tremendo doversi sposare all'estero. Ci tocca andare dove sposarci è legale".
Colin ha altri due fratelli e durante la sua carriera ha avuto più volte modo di cimentarsi anche in ruoli gay (in "Alexander" è il bisex Alessandro III di Macedonia mentre in "Una casa alla fine del mondo" il suo personaggio bacia l'attore Dallas Roberts). Questa volta lo vedremo nuovamente in un qualche modo coinvolto nella causa lgbt e, questa volta, non solo su celluloide.


Marco Mazzanti ed Alessandro Cecchi Paone

Pubblicato il


Alcuni giornali scandalistici hanno parlato di una curiosa amicizia che ci sarebbe fra Marco Mazzanti (concorrente del Grande Fratello) ed Alessandro Cecchi Paone. Stando a quanto riportato, i due si vedrebbero camminare spesso assieme di sera nelle vie milanesi vicine all'abitazione del conduttore televisivo.
Anzi, Cecchi Paone avrebbe anche osato di più dichiarandosi attraverso le pagine di Novella 2000: "Marco è il mio uomo ideale, bello, sensibile. E' civile, colto, studia. Incarna in pieno l'ideale greco della bellezza esteriore cui corrisponde quella interiore". Da parte sua Marco è stato al gioco, replicando: "Non escludo nulla. Sono sempre stato etero, ma ho anche sempre pensato che in una persona in cui convivano serenamente sia la virilità sia la sensibilità femminile ci possa essere una fase in cui uno degli aspetti prenda il sopravvento. Sono cresciuto in mezzo a molte donne… Il mio lato femminile è molto sviluppato".
Sarà, ma dichiarazioni così aperte e servizi fotografici ad-hoc realizzati per Novella 2000 (foto in apertura) mi fanno un po' insospettire e al di là di amicizie o meno, non so quanto credito dare ad illazioni che mi sembrano molto di più un gioco a due di botte e risposte finalizzate all'alimentazione del gossip.

Immagini: [1] [2]


Riccardo Scamarcio nudo in Verso l'Eden

Pubblicato il


Riccardo Scamarcio è il protagonista dell'ultimo film di Constantin Costa-Gavras, "Verso l'Eden". E' la storia di Elias, un giovane clandestino che si getta a mare poco prima che una motovedetta della guardia costiera greca arrivi al barcone che lo trasportava. Arriva così a nuovo all'Eden, una spiaggia nudista per turisti ricchi.
Qui riesce a vestirsi e farsi credere un inserviente e, come tale, riceve richieste di prestazioni lavorative ma anche sessuali. Fugge per non essere arrestato e decide di partire alla volta di Parigi, dove lavora un prestigiatore con il quale aveva collaborato in uno spettacolo per gli ospiti.
Ed è proprio nella drammatica e toccante scena dello sbarco (avvenuta nei pressi du una spiaggia nudista) che Scamarcio recita nudo. Un'occasione quindi per ammirare l'attore e per gustarsi una scena ricca di significato di buon cinema.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Intervista a Lorenzo Ridolfi

Pubblicato il


Lorenzo Ridolfi è un artista romano che dipinge, fra gli altri soggetti, anche soggetti omoerotici che sempre più di frequente stanno circolando per la rete.
I suoi tratti sono molto particolari e il suo stile originale è facilmente distinguibile. Ecco come si racconta ai lettori di Gayburg:

Puoi raccontarci qualcosa di te?
Ho 42 anni vivo a Roma mi piace disegnare e dipingere, ho fatto l'istituto d'arte ma nella sezione per oreficeria e sono da sempre interessato il mondo delle arti visive, dell'architettura e dell'arredamento.

La tua popolarità è legata principalmente a disegni erotici, ma la tua arte non si ferma a quelli. Quali altri soggetti sei solito rappresentare?
Ho rappresentato i più svariati soggetti dalle forme astratte, all'architettura, la natura, lo spazio, il mio ultimo soggetto di ricerca però è il nudo specialmente maschile.

Com'è nato il tuo interesse per l'arte erotica?
Tempo fa vidi in libreria un libro di Tom of Finland e ho scoperto questa forma d'arte poi attraverso internet sono venuto a conoscenza di molti altri artisti che la praticavano sia in passato che oggi giorno, poi uno dei fattori determinanti è sicuramente il fatto che sia gay in quanto non credo che un artista possa fare un buon lavoro con un soggetto che non lo coinvolga anche emotivamente.

I tuoi disegni hanno uno stile particolare: linee nere e ben marcate, occhi privi di pupilla, ambientazioni spesso storiche... Puoi raccontarci perché hai scelto di usare questo stile?
Non avendo fatto studi accademici trovo a volte difficile disegnare una figura umana dal vero cosi come è, quindi ho cercato di trovare una sintesi della figura e perfezionandomi man mano, poi con il tempo questa sintesi è diventato uno stile proprio come un graffito su di un muro e il fatto di disegnare solo le cose essenziali da ai disegni un certo gusto senza tempo. In genere disegno dei nudi, le ambientazioni storiche fanno parte di una serie di disegni che rappresentano il "sesso tra maschi nella storia" che sto facendo per il blog bisex-gay.blogspot.com.

Qual è per te la differenza fra pornografia ed erotismo?
La pornografia chiede a chi la guarda solo l'eccitazione del corpo l'erotismo anche una certa preparazione culturale.

Ho letto dei tuoi interventi in numerosi blog: qual è il tuo rapporto con internet e con i blog?
Internet lo uso per ricercare, per trovare ispirazione per miei disegni, mi piace commentare i post dei blog che mi interessano e ho stretto amicizia con alcuni blogger, poi mi serve per conoscere il lavoro di altri artisti sia nel campo dell'arte omoerotica e non.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


A 9 anni organizza una manifestazione per la difesa dei diritti gay

Pubblicato il


Probabilmente è il più giovane attivista gay del mondo: ha solo 9 anni ma è praticamente già diventato un eroe per tutto il movimento lgbt americano.
Si chiama Ethan ed è uno studente di terza elementare alla Montclair Elementary School di Denver. Il tutto ha avuto inizio quando alle sue orecchie è giunta la notizia che le due mamme di un suo amico non potevano sposarsi perché dello stesso sesso. La notizia non dev'essergli piaciuta e, nonostante la sua giovane età, Ethan ha deciso di non restare a guardare: con l'auto dei genitori e dell'insegnante ha infatti pensato di organizzare una manifestazione a favore dei diritti delle persone omosessuali.
La notizia si è sparsa velocemente e alla "sua" manifestazione (che si è svolta il 16 maggio scorso) hanno partecipato circa duecento persone (numeri che possono facilmente essere paragonati con quelli di manifestazioni organizzate da alcune associazioni).


Roma. Finisce la stagione al Muccassassina

Pubblicato il


Venerdì 29 maggio il Muccassassina di Roma andrà in vacanza. Per l'occasione è stata organizzata una serata all'insegna dell'oro e degli eccessi.
Per chi non lo sapesse, il Muccassassina è un locale che organizza uno dei più longevi party gay-lesbico-trans della città (proprio quest'anno si sono celebrati i 18 anni di attività) ideato e promosso dal Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli.
Superguest della serata saranno la vocalist sandra Love e i Gaydar boys.
La serata verrà animata dai dj Ivan Pica e Pagano (top djs); Andrea Tie Innocenzo, Tamashi, Flavia Lazzarini (residents), Gianluca Pacini e Fabio Lanzone (commerciale). Sul palco ruoteranno le drag queen Alba, Fuxia, Tsunami e Tiffany e i dancer Alba, Fuxia, Tsunami, TiffanyAngelo, Roberto, Daniele, Alex e Giuseppe. La console della sala back, infine, verrà assegnata a Djatrim e Easysquerrzy.


Don't ask, don't tell

Pubblicato il


Nonostante la condanna pubblica di Barack Obama verso quel modo di agire, il Pentagono ha fatto sapere che intente mantenere in essere l'attuale politica nei confronti dei militari gay, ossia la cosiddetta regola del "Barack Obama" (non chiedere, non dire). Il portavoce del Dipartimento della Difesa ha infatti precisato che al momento ci sono stati solo dei primi contatti con la Casa Bianca per discutere di questa spinosa questione. "[I vertici] sanno cosa il presidente vuole fare sulla questione -prosegue- ma non credo che ci sia l'intenzione di uno sviluppo immediato per la cancellazione di questa politica".
L'esercito statunitense, infatti, non ha mai visto di buon occhio i militari gay e la norma attuale è frutto di un compromesso nato sotto la prima amministrazione Clinton: i gay possono rimanere nell'esercito ma qualora dovessero dichiararsi pubblicamente possono essere passibili di espulsione. Sempre secondo quella norma, i superiori dovrebbero inoltre astenersi dall'indagare sulle preferenze sessuali dei soldati anche se nei fatti il sospetto di un comportamento omosessuale è base sufficiente per lanciare un'inchiesta.


Scozia: nominato un parroco gay

Pubblicato il


L'assemblea generale della Chiesa di Scozia si è espressa in favore dell'assegnazione della parrocchia di Queen's Cross Church di Aberdeen, città sulla costa nordorientale della Scozia, al reverendo Scott Rennie, gay dichiarato.
Alcuni membri più tradizionalisti della chiesa locale avevano firmato un appello contrario alla nomina di Rennie, motivo per cui la vicenda è finita nelle mani dell'Assemblea Generale della Chiesa di Scozia.
La decisione finale è stata la nomina del sacerdote con 326 voti a favore e 267 contrari.
La Chiesa di Scozia conta circa 900 pastori (di cui ben 200 donne, la cui nomina è prevista fin dal 1972) e nessun vescovo, carica non prevista dagli ordinamenti presbiteriani.


Gayburg nello showcase di Browsershots

Pubblicato il


E' con un po' di orgoglio che segnalo che oggi Gayburg è stato selezionato per entrare a far parte dello showcase di Browsershots.
Browsershots è un sito abbastanza famoso nell'ambito degli sviluppatori web che permette di testare la compatibilità delle proprie pagine web su svariati browser e sistemi operativi.
Recentemente ha aperto una sezione chiamata "showcase" dove vengono raccolti gli screenshot dei siti che, secondo la loro selezione, hanno dei design degli di nota che possa dare ispirazione e spunti per la creazione dell'interfaccia utente di nuovi siti.
Clicca qui per vedere la pagina dedicata a Gayburg (dove è anche possibile votare la nostra interfaccia grafica).


Babilonia chiude?

Pubblicato il


Il mensile gay "Babilonia" sta rischiando la chiusura. E' quanto si apprende da una mail inviata a varie testate dal direttore del giornale Lucia Contin. Stando alle sue parole, le uscite della rivista cartacea sono state momentaneamente sospese per motivi economici: "In tutti questi -dice il comunicato- anni c'è sempre stata la speranza di riuscire ad ottenere qualche segnale positivo da parte degli inserzionisti. senza i quali, purtroppo, il giornale non può avere una sua indipendenza economica. Dopo oltre quattro anni di autofinanziamento l'editore ha posto un fermo. [...] Cercheremo, fin dove ne avremo la possibilità, di ritornare in edicola. Pensiamo di uscire prima di fine anno con un numero speciale che raccolga un anno di attività. Questo è quanto. Ci spiace moltissimo ma non abbiamo altra scelta".
"Babilonia" è stato fondato nel lontano 1982. La novità era una distribuzione capillare in edicola e non solo in negozi specializzati come avveniva ai tempi.
Nel 1999 la rivista entrò in crisi: l'uscita di riviste gratuite gay come "Guide", "Pride", "Lui", "Clubbing" ed altre presero via via quote di mercato portando la rivista, fino ad allora quasi monopolista, ad una fetta di mercato molto inferiore alla precedente.
Cinque anni più tardi si aggiunse anche una crisi economica: quando la chiusura pareva ormai inevitabile, la testata viene rilevata da un nuovo editore. In quell'occasione, però, quasi tutte le ultime firme storiche del giornale lasciano la testata alla volta delle riviste gratuite concorrenti. Il giornale, inoltre, prese una piega molto più "generalista" inquadrando i lettori come consumatori e abbandonando del tutto la lotta politica legata alla causa omosessuale. Si arriva quasi al paradosso per cui in Italia -contrariamente a tutto il resto d'Europa- sono i mensili gratuiti ad occuparsi di politica ed attualità mentre quello a pagamento si occupa di costume, tendenze e prodotti.
Nel 2005 si cercò di invertire questa tendenza tornando ad occuparsi di tematiche gay: i risultati non furono quelli sperati e nell'anno successivo si tentò di correggere il tiro tornando ad occuparsi anche di costume e di moda.
Oggi la rivista è entrata in una nuova crisi economica e non ci resta che attendere per conoscere le sue sorti.


Chris Pine

Pubblicato il


La sua popolarità è legata in Italia al film Star Trek di J.J. Abrams ma la storia professionale di Chris Pine è ben più lunga ed articolata.
Da giovane studia all'università di Berkeley, ma la sua vera passione è la recitazione. Presso la scuola inizia a recitare in teatro e con alcune compagnie inizia a girare per la California. Nel 2003 prende parte ad una puntata del telefilm "ER-Medici in prima linea" e in "CSI:Miami".
L'anno successivo arriva un ruolo più importante dei precedenti all'interno della commedia cinematografica "Principe azzurro cercasi" di Garry Marshall. Seguono interpretazioni in "Appuntamento al buio" (2006) e "Baciati dalla sfortuna" (2006). Nel 2006 Chris ha preso parte anche alla serie televisiva "Surrender Dorothy" nei panni di Shawn, un giovane ragazzo gay.
Gli anni successivi lo vedono coinvolto in film di genere diverso: da "Smokin' Aces" (2007) a "Carriers" (2007) e "Bottle Shock" (2008). Nel 2009, infine, è il capitano James T. Kirk nel film "Star Trek" di J.J. Abrams.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Tutta roba già vista

Pubblicato il


Torno per l'ennesima volta a parlare di Marco carta, vincitore nel 2008 di Amici e vincitore della scorsa edizione di Sanremo.
Le foto che lo ritraevano mezzo nudo continuano ad essere fra le pagine più cliccate del nostro sito, ma in fondo continuo a pensare che in quelle foto non ci fosse proprio nulla di male.
Per avvalorare la mia tesi ho pensato di pubblicare qualche sua nuova fotografie, non troppo dissimile dalle precedenti, dove si vede Marco ancora una volta con pochi indumenti addosso. Se vi state fregando le mani pensando a qualche nuovo scoop, mi spiace deludervi: queste foto -infatti- sono state prese nientemeno che da Canale 5. Marco, infatti, per prepararsi alla finale era stato inviato in una beauty farm e le telecamere lo hanno seguito tutto il suo iter.
Ammetto che in queste immagini manchi quel pizzico di goliardia dell'aver realizzato certi scatti fra le mura domestiche presumibilmente per un qualche uso personale, ma alla fine non si discostano così tanto nel soggetto dalle altre, se non forse per l'impossibilità di poterci spettegolare un po' sopra (sperando che il pettegolezzo non si trasformi in giudizio). Insomma, gustiamocelo senza troppi moralismi :)

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Mister gay Toscana 2009

Pubblicato il


Si è tenuta venerdì scorso presso il Mammamia di Torre del Lago Puccini la finale per l'elezione di Mister gay Toscana 2009. A fine serata la Cesira e Angel Devid hanno proclamato il vincitore che parteciperà alle finali per Mister Gay Italia 2009. Si tratta di Roberto Caccamo, un 20enne nato a Catania ma residente a Prato. Di professione è visual in un noto negozio del centro di Firenze.
Segnaliamo anche che è dal 2004 che il Mammamia, celebre locale gay della Versilia, non ospita un'elezione regionale di Mr. Gay. L'occasione per riappropriarsi della manifestazione è giunto quest'anno in concomitanza con al celebrazione del decennale di vita del locale.

Immagini: [1]


Dionisio Heiderscheid

Pubblicato il


La carriera di Dionisio Heiderscheid ha inizio nel campo della moda con numerose sfilate da modello, servizi fotografici, pubblicità e anche qualche apparizione in programmi televisivi.
Nel 2007 decide di cambiare radicalmente vita: abbandona le passerelle di moda e inizia una nuova carriera nel mondo della pornografia. Sul suo blog dichiara che era al corrente dei rischi della sua decisione e del fatto che alcune persone non l'avrebbero condivisa ma sostiene anche di aver vinto più di quanto ha perso.
Nella sua nuova veste ha partecipato ad importanti progetti editoriali come, ad esempio, "The different sides of do", un libro fotografico realizzato da oltre venti fotografi provenienti da Russia, Brasile, Stati Uniti, Argentina e Canada (i proventi dalla pubblicazione del volume sono stati devoluti a fondazione per la lotta all'Aids).
Dionisio ha anche firmato un contratto in esclusiva con la Black Scorpion Entertainment, una casa di produzione per film gay per adulti che in soli 2 anni di vita ha collezionato 18 nomination ai GAYVN awards.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


La guida TV di questa settimana

Pubblicato il


Con l'arrivo del digitale terrestre sono arrivati nuovi canali che -fra le altre offerte- propongono anche alcuni film di interesse gay.
Due sono le proposte di questa settimana offerte sui canali free: mercoledì 20 maggio alle ore 21 Iris trasmetterà il film "L'altra metà dell'amore" di Léa Pool. E' la storia della quindicenne Mary Bradford che, dopo la morte della madre, viene mandata a studiare in un collegio dove divide la stanza con due compagne più gradi: Pauline Oster e Victoria Moller. Durante la sua prima notte in collegio, Mary vede dalla finestra le due compagne baciarsi: la sua ingenuità la porterà dapprima a pensare che stessero facendo pratica per baciare i ragazzi, ma ben presto scoprirà che le due condividono una storia d'amore. Da qui l'evolversi della storia.
L'altro appuntamento è per giovedì 21 alle 14 su Rai 4 dove sarà trasmesso il film commedia "Giovani, carini e disoccupati". E' la storia di quattro amici post-adolescenti: Lelaina (un'aspirante filmaker), Troy (un lavoratore precario con passione per la musica), Sammy (un omosessuale introverso e timoroso di essere scoperto) e Vicky (una commessa in un negozio di abbigliamento delusa dalla sua vita amorosa).


Dolph Lundgren nudo

Pubblicato il


Dolph Lundgren nasce a Stoccolma il 3 novembre 1957 ed è un attore, regista e artista marziale svedese. È noto al pubblico per aver interpretato Ivan Drago in Rocky IV, ma anche per aver partecipato ad altri film come "I dominatori dell'universo", "I nuovi eroi" e "Johnny Mnemonic".
Gli anni sono passati anche per lui e il fisico muscoloso e atletico ha fatto posto a un po' di pancetta e qualche muscolo flaccido (nonostante non sia messo poi così male per l'età).
Recentemente è andato in vacanza in Messico, ed è proprio su queste spiagge che un paparazzo l'ha immortalato mentre stava per accingersi a legarsi in vita un asciugamano senza indossare biancheria intima.

Immagini: [1] [2] [3]


Good As You

Pubblicato il


Si chiama "G.A.Y. - Good As You" ed è una trasmissione lgbt trasmessa su web. Il programma, ideato e realizzato dal giovane attivista Antonio Eustachio, vuole raccontare l'omosessualità attraverso i volti e le voci di persone che fanno parte della comunità gay.
Ecco come l'autore stesso spiega la sua iniziativa: «La vita di un omosessuale in Italia spesso non è facile, il nostro paese è un'anomalia europea in tante cose. Ma da alcuni anni a questa parte, sui diritti civili GLBT in particolare (Gay Lesbo, Bisex e Transessuali) c'è un vero e proprio osteggiamento da parte di alcune "forze" politico-religiose conservatrici che fanno una vera e propria opposizione attiva, magari perché si vedono sempre più circondati da un'Europa arcobaleno e temono che un cambiamento dello status quo sociale possa in qualche modo influenzare sul loro attuale potere, spesso con veri e propri attacchi gratuiti impediscono ogni forma di avanzamento e riconoscimento socio-legislativo che possa aiutare anche di poco l'emancipazione di questa minoranza. A tutto questo ho deciso di rispondere creando una mini serie documentaristica con lo scopo di mostrare chi sono veramente le persone che costituiscono questa comunità LGBT, le loro vite, i loro progetti, le difficoltà che devono affrontare quotidianamente in un'Italia che non ha perso occasione di reagire con ignoranza e superficialità a un evento di evoluzione sociale che prima o poi ogni democrazia in maturazione si ritrova ad affrontare».
Le puntate possono essere viste sia sull'apposito canale di YouTube.

Video: [1] [2] [3] [4]


Oggi è la V Giornata internazionale contro l'omofobia

Pubblicato il


Ne avevamo già parlato qualche giorno fa: oggi si celebra la V Giornata Internazionale contro l'Omofobia.
Per l'occasione l'Arcigay ha reso pubblico il Report omofobia Italia 2008-2009: qui vengono presi in esame solo i fatti riportati dai media e la fotografia che ne esce non è certo fra le migliori. Da gennaio 2008 a maggio 2009 in Italia ci sono stati 15 omicidi, 71 violenze ed aggressioni, 12 estorsioni, 7 atti di bullismo, 9 atti vandalici tutti a sfondo omofobico.
Anche il segretario generale del Consiglio d'Europa, Terry Davis, ha pronunciato un discorso in occasione di questa giornata. Ecco le sue parole: "Tutti sanno che gli omosessuali sono stati arrestati e inviati in campi di concentramento dai nazisti, ma è meno noto che dopo essere stati liberati dai campi di sterminio, molti omosessuali sono stati costretti a continuare le loro condizioni di detenzione. Questo può sembrare scioccante. Ed è altresì coerente con la discriminazione contro gli omosessuali nei decenni che seguirono. È inaccettabile che alcune persone in posizioni istituzionali o di autorità morale in Europa ancora si comportino come se la Convenzione europea sui diritti umani non si applicasse agli omosessuali. Le persone che discriminano spesso invocano la moralità per giustificare il loro atteggiamento. Essi toccano un punto importante, ma lo fanno in modo sbagliato. Non è che gli omosessuali sono immorali. Lo sono gli omofobi".


Gay Pride a Mosca: 83 gli arrestati

Pubblicato il


Chi segue i giornali e i siti di cronaca avrà sicuramente avuto occasione di sentire le notizie che giungono da Mosca dove, dopo il divieto di celebrare un Gay Pride, alcuni attivisti per la difesa delle minoranze sessuali hanno cercato comunque di manifestare.
Un centinaio di manifestanti e altrettanti giornalisti russi e stranieri si sono radunati in due piazze della capitale russa. Non appena hanno spiegato le loro bandiere arcobaleno e hanno esposto striscioni con scritte come "L'omofobia è una vergogna per la Russia" e "Diritti uguali per tutti", sono entrati in azione gli agenti delle forze speciali antisommossa.
Il bilancio finale è di 83 arrestati fra cui anche l'organizzatore del Slavic gay pride, Nikolaj Alekseev, e il suo assistente, Nikolaj Baev.
Sempre più spesso negli ultimi anni, le autorità russe vietano qualsiasi manifestazione a sostegno dei diritti gay, trovando appoggio anche nella Chiesa ortodossa russa e nei movimenti tradizionalisti dei cosacchi. E'0 da ricordare anche che in Russia l'omosessualità è stata considerata un crimine nel 1993 e fino al 1999 è stata considerata una malattia mentale.


Milano: tornano i raid anti-gay della polizia?

Pubblicato il


Faccio una breve premessa per chi non è di Milano. Il Mono (nella foto) è un piccolo bar in stile anni sessanta frequentato principalmente da gay. Nulla di eccessivo: solo un bancone, qualche tavolino e musica non troppo alta. Ed è proprio questo a far apparire quasi surreale la notizia che ho letto oggi.
Qualche sera fa, infatti, il locale è stato protagonista di una retata della polizia (tre agenti in uniforme e tre in borghese). Dapprima gli agenti hanno chiesto i documenti agli avventori, ma poi i toni si sono scaldati e -stando alle testimonianze dei presenti- l'ispettore Di Gregorio ha iniziato urlare contro la folla intimando a molti di allontanarsi con modi piuttosto aggressivi.
L'ispettore in questione non è nuovo ad episodi simili: nell'ottobre del 2002 partecipò al terzo raid consecutivo nell'arco di una settimana presso i locali gay della Gay street milanese. In quell'occasione vennero identificati tutti i presenti, venne sequestrato tutto il materiale stampato (volantini e riviste gay) e di fronte a numerosi testimoni il commissario minacciò di "passare d'ora in poi tutte le sere" perché questi locali "non sono legali".
In quell'occasione erano presenti all'interno di uno di quei locali anche l'Onorevole Grillini, Frank Semenzi (editore di Pride), Giovanni Dall'Orto (allora direttore di Pride, Gianni Rossi Barilli (giornalista del Manifesto) e Diego Palazzo (di Radio Popolare).
Le loro proteste fecero sì che l'accaduto divenisse un caso politico e che l'ispettore fosse allontanato ed assegnato per qualche tempo ad un'altra sede ma, a quanto pare, il tempo non è stato così lungo e i raid sono ricominciati come se nulla fosse successo.


Le Iene intervistano Marco Carta

Pubblicato il


Ieri sera le Iene hanno mandato in onda un'intervista a Marco Carta. Contrariamente a quanto qualcuno si sarebbe potuto aspettare, nessuna domanda ha fatto riferimento alle fotografie che lo ritraevano mezzo nudo pubblicate recentemente e alle insinuazioni su una sua presunta omosessualità (in una precedente intervista doppia Le Iene avevano già fatto una domanda diretta alla quale Marco ha risposto dichiarandosi etero).
L'intervista, comunque, offre ai suoi fans qualche informazione in più sulla sua vita e, nello stile delle Iene, qualche sua pecca sulla cultura generale e sull'attualità (di certo non è facile non saper rispondere alla domanda "Chi è il capo del governo italiano?").


Pricasso

Pubblicato il


A rischio di sembrare un po' volgari, potremmo dire di averne visti di artisti che dipingono con il c***. Il bello è, però, che questa volta l'espressione è del tutto legittima e dal significato più che letterale.
Si chiama Tim Patch, in arte Pricasso, ed è un artista australiano di 54 anni che ha effettuato la peculiare scelta di utilizzare il suo corpo per dipingere i suoi quadri e, scendendo più in particolare, utilizza il suo pene e il suo sedere come fossero veri e propri pennelli.
L'artista ha dichiarato che il tutto è iniziato per gioco un Natale di qualche anno fa, e che da allora non ha più smesso.
la sua "arte" ha fatto parlare di lui al punto di permettergli di partecipare anche alla 39° edizione del Sexpo a Brisbane, in Australia.


Benjamin Bradley

Pubblicato il


Benjamin Bradley nasce il 27 febbraio 1982 a Seattle, Washington (USA).
Attualmente frequenta la Western Washington University a Bellingham, Washington per laurearsi in Graphic Design.
Benjamin è anche un attore porno. La sua carriera ha avuto inizio quando Roman Heart, che successivamente diverrà il suo ragazzo, gli chiede di girare con lui una scena all'interno del film "Driver". Da qual momento incominciano ad arrivare le proposte e le offerte di case cinematografiche importanti del settore come, ad esempio, la Falcon Studios. La sua carriera prosegue sotto contratto esclusivo con la Rascal Video fino alla scorsa estate, quando Benjamin decide di abbandonare il mondo della pornografia per iniziare a posare come modello di intimo maschile per la Ginch Gonch. Quest'estate, però, la società dichiarò bancarotta e Benjamin decide di entrare nuovamente nel settore della pornografia posando per un servizio fotografico della Randy Blue (uscito proprio poche settimane fa).

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Posa nudo: la scuola lo sospende per un anno

Pubblicato il


Non è la prima volta che capita. Questa volta il protagonista è John Gechter, un ventiduenne di Philadelphia, studente presso un'università cristiana della Pennsylvania, il Grove City College.
Per lui è arrivata una sospensione di un anno per essere apparso in un film pornografico gay della Randy Blue. A poco sono servite le motivazione di John, che ha affermato di aver utilizzato i soldi provenienti dalla sua interpretazione per pagarsi gli studi e, comunque, ha fatto salvo il buon nome della scuola perché ha usato lo pseudonimo Vincent DeSalvo.
Dal canto suo la scuola vieta di lavorare nel porno ma, al di là di tutto, le modalità dell'accaduto hanno fatto storcere il naso a qualcuno. La denuncia, infatti, è partita da uno altro studente che ha dichiarato di aver visto per caso quel filmato (come se su quei siti si arrivasse per caso): da qui la decisione di sospendere John e di lodare il compagno che -dopo aver guardato il tutto- ha sporto denuncia verso di lui.
Sarà, ma chi fa la spia ai danni di altri difficilmente conquista la mia simpatia, soprattutto quando la denuncia parte da chi fa uso di un certo tipo di materiale esprimendo giudizi verso chi partecipa alla sua realizzazione.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Anthology

Pubblicato il


Per il lancio della fragranza "Anthology", la D&G ha scelto di affidare a Mario Testino un servizio fotografico per immortalare sei top model completamente nudi.
Nei vari scatti, infatti, compaiono tre uomini e tre donne di fama mondiale: Claudia Schiffer, Eva Herzigova, Naomi Campbell, Fernando Fernandes, Noah Mills e Tyson Ballou.
La serie di profumi -che sarà lanciata a settembre- prevede cinque diverse fragranze, ognuna delle quali rappresentata da un modello diverso. L'intento di Dolce e Gabbana è di rappresentare attraverso volti diversi, diverse personalità che rappresentino per l'appunto le diverse fragranze.
Per chi stesse facendo due conti senza riuscire a farli tornare, preciso che ci sono sei modelli per cinque fragranze perché Herzigova e Fernandes compaiono all'interno dello stesso scatto.


Quinta Giornata Internazionale Contro l'Omofobia

Pubblicato il


Si celebrerà il prossimo 17 maggio la Quinta Giornata Internazionale Contro l'Omofobia.
La data non è casuale: nel 1990, proprio in quel giorno, l'OMS ha cancellato l'omosessualità dall’elenco delle malattie.
La manifestazione fu ideata nel 2005 da Louis-Georges Tin, curatore del "Dictionnaire de l'homophobie" (Presses Universitaires de France, 2003) che pensò di dedicare una giornata alla sensibilizzazione intorno al tema dell'omosessualità e al contrasto di ogni violenza e discriminazione contro chi compie una scelta legittima.
A partire dal 2007, l'iniziativa è stata riconosciuta e celebrata dall'Unione Europea come decretato dal sesto emendamento della celebre Risoluzione del Parlamento europeo sull'omofobia in Europa. Risoluzione che -è bene ricordarlo- ha decretato fra le altre cose che l'omofobia deve essere considerata similare a razzismo e antisemitismo.


Arriva il making of Gods of Football

Pubblicato il


Del calendario ne avevamo già parlato qualche mese fa: si tratta di "Gods of Football" che immortala alcuni giocatori della Rugby League australiane e dell'Aussie Rules Football.
Come ormai consuetudine (o quasi), tutti i calendari di successo sono soliti pubblicare anche un making of, ossia un filmato dove si mostri il backstage della realizzazione del servizio fotografico. E' stato presentato in questi giorni il trailer ufficiale del DVD che mostrerà alcune scene della realizzazione del calendario, occasione -inoltre- per gustarci ancora un po' la bellezza e i muscoli dei giocatori immortalati.

Video: [1]


Da tronista a trombista

Pubblicato il


Qualche tempo fa avevo parlato del presunto film hard realizzato dall'ex-tronista della trasmissione Uomini e Donne, Fernando Vitale. L'ipotesi si basava su alcuni spezzoni tratti da un film pornografico in cui si intravedeva il protagonista maschile: alcuni occhi attenti hanno visto una grossa similitudine fra i tatuaggi posizionati sul copro dell'attore e quelli di Fernando, al punto da far nascere il sospetto che fossero la stessa persona.
Ora i sospetti sono diventati certezze: Fernando Vitale è entrato nel mondo della pornografia, prendendo parte ad un film intitolato "Da tronista a trombista".
Come suggerisce il nome stesso, il film è una parodia della trasmissione di Maria de Filippi ma Fernando precisa: «Non me ne voglia Maria De Filippi che stimo, ma il film di Max Bellocchio "Da tronista a trombista" è ispirato proprio alla trasmissione che mi ha reso famoso e che non voglio demolire».


André Reithebuch è Mr. Svizzera 2009

Pubblicato il


Si è svolta a Lugano la finale del concorso di bellezza per l'elezione di Mister Suisse 2009. Il vincitore è André Reithebuch, 22enne carpentiere glaronese, che ha ottenuto il consenso della giuria (presieduta dall'ex calciatore Murati Yakin) e del pubblico.
Il secondo posto è stato conquistato da Delmarque Vilela, seguito sull'ulimo gradino del podio da Giovanni Romeo.
André ha già un passato da modello. Residente a Linthal, è ancora alla ricerca dell'anima gemella (prendere il bigliettino numerato prima di mettersi in fila, grazie!). Fiero delle sue origini alpine, ama mangiare la fondue e gli Älplermakkaroni.
Segnaliamo che i due ticinesi in gara -Umberto Cavallaro di Magliaso e Elia Pallone di Ascona- non sono riusciti ad approdare in finale.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Kerry Degman

Pubblicato il


Kerry Degman nasce nel 1989 a Portland, Oregon (Stati Uniti).
Nel 2007, conclusi gli studi presso la Sunset High School, firma un contratto con la Major Models: solo pochi mesi dopo diventa protagonista di alcune immagini sexy realizzate per conto della Abercrombie & Fitch.
Nel 2008 Kerry diventa il protagonista di un'altra popolare campagna pubblicitaria, questa volta realizzata per la JC Penny's American Living ed apparsa in quarta di copertina del "People Magazine".
Altri servizi fotografici che lo vedevano protagonista sono apparsi nelle pagine di riviste come "Out", "Tetu", "Elle", "M mensuel" e "Vogue".
Quando non è impegnato con il lavoro, Kerry è solito dedicarsi alla sua più grande passione: il baseball.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Il coming out di Kelly McGillis

Pubblicato il


Chi può non ricordare Kelly McGillis, la bionda che fece girare la testa a Tom Criuse nel film cult degli anni ottanta "Top Gun"?
L'attrice, ora cinquantunenne, ha rilasciato un'intervista al sito Shewired, dichiarando «Ormai mi è tutto chiaro, sono lesbica, e il mio prossimo partner sarà senza alcun dubbio una donna. Accettare la mia omosessualità è stato un percorso molto lungo e faticoso. Ma ora sono serena, pronta a cominciare una nuova vita, anche professionale».
Kelly McGillis ha alle spalle due matrimoni e due divorzi, ma dichiara di aver capito di essere lesbica già dall'età di dodici anni.


Benjamin Godfre

Pubblicato il


Benjamin Godfre nasce nel 1988 in Minnesota, Stati Uniti, da discendenza mista irlandese, italiana e inglese. Cresciuto nel Minnesota, si è trasferito in California per proseguire gli studi a Orange County.
Per Benjamin l'idea di posare davanti ad un obiettivo è qualcosa di inconcepibile, al punto da aver rifiutato numerose proposte. Il fotografo Tom Cullis, però, riesce a fargli cambiare idea convincendolo a fare una prova.
Ben presto il suo corpo atletico viene immortalato anche da Timoteo.net, che realizza alcune fotografie di moda. L'esperienza viene ripetuta più e più volte per svariate case di moda, fra cui anche AussieBum che darà ancor più popolarità e visibilità a Benjamin.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]


Bryan Thomas

Pubblicato il


Bryan David Thomas nasce nel 1982 in Pennsylvania. Tutt'ora la sua occupazione primaria è lo studio (frequenta il college per laurearsi in corporate communications) ed è un modello solo part-time.
Questa sua carriera "secondaria" inizia all'età 25 anni, quando posa per il popolare magazine online "All American Guys". Le sue foto non passano certo inosservate e ben presto viene sommerso da nuove richieste. Nel 2008 compare sulla copertine delle riviste "Exercise For Men Only Abdominals", "Genre Magazine", "Exercise for Men cover" e "Baskit Underwear".
Ufficialmente si definisce un "fitness model" ma sulla sua pagina online non esita a dirsi disponibile a posare anche nel campo della moda.
Thomas si autodefinisce un ragazzo molto socievole, purché si faccia attenzione a prenderlo dal verso giusto.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Ha posato nudo: Mr. Panama perde il titolo

Pubblicato il


Il vincitore della scorda edizione del concorso di bellezza per l'elezione di Mr. Panama è stato costretto a restituire il premio dopo che gli organizzatori hanno scoperto alcune foto pornografiche realizzate per un sito web che lo vedevano protagonista.
Ryan Oliver (al centro nella foto di apertura) in passato è stato immortalato dal sito SeanCody (sotto lo psudonimo di Andy) mentre praticava autoerotismo davanti ad un obiettivo fotografico. Evidentemente questi scatti, realizzati molto tempo prima della partecipazione al concorso, non devono essere piaciuti alla commissione che ha deciso di assegnare d'ufficio il titolo di Mr. panama 2009 al secondo classificato (che stando ad alcune voci sarebbe gay).

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Hugh Jackman: «A chi importa se sono gay?»

Pubblicato il


L'attore australiano Hugh Jackman, che è tornato nelle sale cinematografiche lo scorso giovedì con il film "X-Men Le Origini-Wolverine", è stato nominato dal People "L'uomo più sexy del pianeta" e qualche giorno fa è entrato ufficialmente nella storia di nella storia di Hollywood lasciando le impronte di mani e piedi nel cemento davanti al famoso Teatro Cinese di Grauman.
Recentemente ha lanciato una provocazione: ad una domanda riguardante la sua presunta omosessualità ha risposto senza scomporsi con un «Allora ce l'ho fatta, vuol dire che sono famoso. Non si è davvero una star finché qualcuno non dice che sei gay. Siamo franchi. Non mi sembra un argomento così interessante. Non credo sia una notizia come la fanno sembrare. [...] Potrei anche tranquillamente negare, perché non lo sono. Ma negare pubblicamente sarebbe come dire che c'è qualcosa di sbagliato, di vergognoso, nell'esserlo. E non è così. La sessualità è una questione che in America è molto più importante che altrove. Perché qui definisce che tipo di persona sei, e cosa pensi di te stesso e degli altri. Altrove non è così, in Australia non è così».


Fabrizio Corona nudo, le nuove foto

Pubblicato il


Fabrizio Corona e Belen fanno ancora parlare di sé. Dopo le prime immagini che ritraevano i due completamente nudi sulle spiagge delle Maldive, ne sono uscite di nuove dove è possibile vedere ancor più chiaramente gli attributi del re dei paparazzi.
Alle stesso tempo, però, l'autore di quegli scatti -Maurizio Sorge- ha confermato una voce che correva già da qualche tempo: gli scatti sarebbero stati del tutto concordati. Il dito medio alzato, l'ira di Corona e tutto il resto sarebbero stati montati ad hoc per rendere più credibile l'ipotesi di fotografie paparazzate. Questo, almeno, stando a quanto Maurizio Sorge avrebbe dichiarato in un'intervista rilasciata al programma televisivo "La vita in diretta" dove, inoltre, ha precisato che Belen fosse del tutto all'oscuro dell'accordo.

Immagini: [1] [2] [3]


Leonera vince il 24° Torino Glbt Film Festival

Pubblicato il


Si è concluso ieri il 24° Torino Glbt Film Festival "Da Sodoma a Hollywood". Il bilancio è positivo, con oltre 230 titoli (tra lungometraggi, documentari e corti) proiettati in otto giorni di festival.
Il Gran Premio Mai è stato assegnato al film "Leonera" di Pablo Trapero (Argentina, Corea del Sud, Brasile).
Il premio speciale della giuria è invece andato a "Elève libre" del regista belga Joachim Lafosse.
Gli organizzatori stimano una presenza da parte del pubblico in aumento di circa il 5% rispetto alla scorsa apertura, con le serate di apertura e chiusura che hanno registrato il tutto esaurito.


Tiago Vieira

Pubblicato il


Tiago Vieira è il modello scelto da Terra Boys per il mese di aprile. Gli scatti sono stati realizzati dal fotografo Didio, con il quale Tiago aveva già lavorato un'altra volta in passato.
Tiago è nato il 26 novembre 1983 a São Paulo. La pizza è il suo piatto preferito e nel tempo libero ama leggere fumetti. Il suo sorriso, il fisico atletico e l'alta statura (1,84m per 78kg di peso) lo hanno sicuramente aiutato a far conoscere ben presto il suo nome.
Come consuetudine, in fondo al post sono proposte alcune fotografie tratte dal servizio fotografico pubblicato da Terra Boy.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]