Archivio: dicembre 2009

Celebrato il primo matrimonio gay in Argentina

Pubblicato il


Alejandro Freyre e Josè Maria Di Bello sono due ragazzi argentini e da poco sono anche legalmente sposati.
Il matrimonio, a dire il vero, si sarebbe dovuto celebrare lo scorso 1° dicembre dopo l'approvazione da parte del giudice di Buenos Aires, Gabriela Seijas. Il governatore della capitale argentina, Mauricio Macri, riuscì però ad intervenire e a far saltare le nozze in attesa del pronunciamento da parte del Tribunal Supremo.
I due non si sono persi d'animo e si sono spostati di qualche chilometro per poter coronare il loro sogno: giunti nella provincia della Terra del Fuoco (in Patagonia) e pià precisamente nella città di Ushuaia, i due si sono potuti sposare grazie anche all'autorizzazione rilasciata dalla governatrice Fabiana Ríos.
Immediata la protesta dei cattolici che sostengono che quella cerimonia apra di fatto la strada ai matrimoni gay in Argentina. Il fatto, però, che la decisione della governatrice non facesse altro che eseguire una sentenza di un giudice ha fatto sì che gli appigli per bloccare il tutto (come avvenuto a Buenos Aires) fossero davvero pochi.


Mr. Gay UK 2006 arrestato per presunta violenza sessuale

Pubblicato il


Mark Carter è un ragazzo inglese 27enne, eletto Mister Gay UK nel 2006. Di professione poliziotto, fece scalpore per essersi esibito durante il concorso in uno striptease sul palco mentre indossava la sua divisa di lavoro.
Una colta incoronato, iniziò anche a battersi contro l'omofobia anche nel suo ambito di lavoro. Probabilmente è anche per questo che ha fatto scalpore la notizia del suo arresto per presunta violenza sessuale.
Le manette sono scattate attorno ai suoi polsi lo scorso 19 dicembre in un albergo di Leeds nel West Yorkshire (in Inghilterra) dove si trovava con un suo amico col quale aveva passato la serata girando per locali.
Del fatto di cui è stato accusato è stato detto poco o niente. Si sa solo che al momento è stato rilasciato sotto cauzione e che è stato sospeso dal servizio in attesa dell'esito finale delle indagini.
E' da sottolineare, infine, che la legge inglese permette di definire delle persone come "sospetti stupratori" -innocenti o colpevoli che siano- prima di qualsiasi processo o condanna. In attesa di conoscere i capi d'imputazione, gli esiti delle indagini e il verdetto del tribunale è quindi d'obbligo lasciare il beneficio del dubbio.


Mark Feehily ringrazia pubblicamente Stephen Gately per il suo coming out

Pubblicato il


Mark Feehily è cantante dei Westlife ed è anche un omosessuale dichiarato. Proprio su questo tema, ha voluto omaggiare Stephen Gately (venuto a mancare lo scorso 11 ottobre) per avergli dato in coraggio di fare coming out.
Quest'ultimo, infatti, dichiarò la propria omosessualità già nel 1999, quando era ancora un membro dei Boyzone. Fù il primo componente di una boyband ad effettuare un passo simile.
Mark, invece, uscì allo scoperto nel 2005, dopo aver nascosto per sette anni all'opinione pubblica la sua storia con Kevin McDaid, con il quale è ancor oggi felicemente fidanzato.
«Stephen è stato estremamente coraggioso -ha dichiarato Mark- Fu il primo componente di una boyband a fare coming out e, col senno di poi, ha dato la forza a me e probabilmente ad altri gay a comprendere ed accettare la propria sessualità, per poi uscire allo scoperto».
Mark non nasconde, inoltre, che gli anni in cui ha tenuto nascosti i suoi sentimenti non sono stati facili: «Non ne ho parlato subito con i ragazzi, c'è voluto molto tempo prima che mi sentissi pronto a parlarne con qualcuno. Ho semplicemente ignorato i miei sentimenti, li ho messi in pausa, congelati, chiusi a chiave e lasciati lì. Non stavo nascondendo un segreto al pubblico o agli altri, perché semplicemente non avevo una vita sentimentale o sessuale. Questo è il motivo per cui sono stati tempi davvero difficili per me, era come se ci fosse costante il ticchettio di una bomba dentro di me, e adesso mi sento davvero felice».

Via Queerblog


Letteralmente un goal del c**o

Pubblicato il


Francia. Si sta giocando una partita di calcio fra gli A.S. Groville e i F.C. Mufflins quando un giocatore di quest'ultima quadra rimane vittima di uno strano episodio: un giocatore avversario lo afferra per i pantaloncini, abbassandoglieli. Il giocatore, però, incurante del sedere in bella vista continua a correre per il campo fino ad arrivare davanti alla porta. E' qui che con i pantaloncini sempre più abbassati, dà un colpo al pallone con le sua parti basse, facendo goal. Gli avversari, convinti che tale parte del corpo non sia regolamentare, corrono dall'arbitro e protestano abbassandosi a oro volta i pantaloncini per mostrare all'arbitro la parte del corpo utilizzata per far entrare il pallone in rete.
Arrivati a questo punto del racconto, va detto per dovere di cronaca (non me ne vogliano tutti coloro che con queste immagini erano già diventati fan del calcio) che il filmato in questione non è vero, ma solo un falso realizzato da una trasmissione comica francese. Secondo quanto riportato da alcuni siti, pare si possa trattare di una presa in giro del famoso goal di mano di Thierry Henry.

Clicca qui per guardare il video.


Usa Facebook per ricattare i compagni in cambio di sesso

Pubblicato il


Anthony Stancl è un ragazzo diciottenne del Wisconsin (Stati Uniti). Ora rischia 50 anni di carcere dopo che è stato scoperto dalle autorità un ricatto sessuale ai danni dei propri compagni di classe perpetrato via Internet.
Anthony ha creato un account finto su Facebook, dove si spacciava per una ragazza di nome Kayla. Attraverso quella finta identità, contattava i propri compagni di classe, elargendo le sue finte foto di nudo integrale in cambio di foto altrettanto spinte realizzate dagli interlocutori. Una volta entrato in possesso di quelle foto compromettenti, usciva allo scoperto e minacciava i compagni di rendere pubblici gli scatti se loro non si fossero prestati a far sesso con lui.
Sono stati circa 30 i compagni di classe che sono cascati nella sua trappola. Il giovane, con evidenti problemi di relazione sociale, aveva anche il vizio di documentare i suoi incontri per avere ulteriore materiale da mettere sul piatto della bilancia e poter ricattare ulteriormente i compagni.
Il tutto ha avuto fine quando un suo compagno, che aveva già ricevuto ben ben quattro volte gli abusi del giovane, non è stato disposto ad accettare un'ulteriore richiesta: le foto del fratello nudo in cambio della riservatezza sulle foto in suo possesso. E' quindi partita una denuncia che ha portato la polizia a far piena luce sugli eventi.
Il giovane rischia ora il massimo della pena (50 anni di carcere) anche se molti dei ragazzi ricattati non se l'è sentita di presenziare durante il processo.


Il calendario Chicos Cosmo 2010

Pubblicato il


La Cosmopolitan TV spagnola ha realizzato per il 2010 un calendario dal titolo "Chicos Cosmo". I modelli protagonisti degli scatti -tutti al maschile- sono: Ivan Padilla Agudo, Jorge Ocampo, Javier Luis Delgado, Marcos Villa, Jordi Hernandez, Javier Luis, Jorge Zebenzui, Armando Manuel, Pablo Aranda, Valdenor Ribeiro, Hugo Reyes, Jorge Rodriguez, Oscar Soteras e Pedro Torres.
La peculiarità è che tutte le immagini sono state pubblicate sul loro sito internet, dal quale è anche possibile scaricare la versione digitale ed integrale del calendario (basta cliccare sul link "Descargar calendario chicos cosmo 2010 completo en formato PDF" nella pagina dedicata).

Immagini: [1] [2] [3] [4] - Video: [1]


Sospetta che il figlio sia gay e lo costringe a far sesso con una prostituta

Pubblicato il


A Queensland, in Australia, un padre è in attesa di processo per aver costretto il figlio a far sesso con una prostituta per timore che fosse gay. Il tutto ha avuto inizio nel 2007 quando l'uomo ha voluto verificare i suoi timori circa i gusti sessuali del figlio dandogli appuntamento al figlio presso un motel in occasione di un barbecue di famiglia. Qui ad attenderlo c'era anche una prostituta ingaggiata proprio dal padre: l'uomo lo ha costretto ad avere un rapporto sessuale con la ragazza mentre lo attendeva all'esterno in attesa che gli venisse consegnato un profilattico usato come prova dell'avvenuto amplesso.
Il fatto è stato scoperto dalla autorità nel maggio del 2008, quando il padre ha telefonato alla "Child Protection Investigation" per dire che aveva dei timori sul fatto che il figlio potesse abusare del fratello minore. Ma, sempre nel corso della telefonata, l'uomo ha anche raccontato di come lo avesse spinto ad avere un rapporto con una prostituta per il timore che il figlio potesse essere gay.
Ciò è bastato agli investigatori per avviare le indagini e, dopo la conferma del fatto data anche dalla madre del ragazzo, è stato ipotizzato il reato di violenza sessuale. L'uomo verrà quindi processato per quanto accaduto nel corso del 2010.


Robert Gonzalez

Pubblicato il


Robert Gonzalez ha 34 anni e vive a Chicago, in Illinois (Stati Uniti). Alto 172 centimetri per 90 chili, Robert si è sempre interessato al bodybuilding e al fitness, oltre che alle scienze legate alla nutrizione.
E' quasi superfluo sottolineare che il suo impegno per plasmare i suoi musoli è stato premiato da un risultato senz'ombra di dubbio notevole.
Di professione modello, ha collaborato per Thomas Synnamon, Mike Ruiz, Carlos Arias, Gabriel Goldberg, Aaron Callies, John Gress, Jeff Palmer, SGSquared ed altri.
Non essendo particolarmente facile reperire altre informazioni sul suo conto, concludo il post con quello che maggiormente è possibile reperire in rete: le foto di Robert e del suo fisico muscoloso.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Chi Chi LaRue a favore del sesso sicuro (anche sui set)

Pubblicato il


Col termine "bareback" si intendono gli atti sessuali non protetti, ossia consumati senza l'uso di preservativo. E' una pratica rischiosa che può portare aconseguenze per la salute, ma è anche una pratica che purtroppo sta prendendo sempre più piede nei film porno.
La "AIDS Healthcare Foundation" è un'associazione principalmente rivolta ai gay per la lotta all'Aids che ha intenzione di raccogliere firme per vietare la realizzazione di film porno senza uso di preservativi. Al di là del messaggio lanciato agli spettatori, esiste anche un motivo molto più pratico: gli attori porno sono persone e, come tale, hanno diritto a veder tutelata la propria saluta. Lo scorso anno l'associazione ha raccolto le lamentele di diversi attori che lamentavano di come venisse richiesto di far sesso senza precauzioni davanti alle telecamere e pare anche che si sta anche registrando una vera e propria epidemia di sessualmente trasmissibili fra gli attori porno della California.
Anche Chi Chi La Rue, la famosa regista di film porno gay, è scesa in campo per difendere gli attori: «Quando ho visto che circolavano i primi titoli bareback -ha dichiarato- ero molto contrariata. Il fatto è che era abbastanza scontato per tutti che si trattava di modelli HIV+ che facevano sesso con altri modelli HIV+. Adesso assistiamo ad un altro fenomeno. Si parla di diciottenni che girano scene di gang bang senza preservativo. Ci sono ventenni in Inghilterra che riferiscono di avere contratto l'HIV dopo il loro primo film porno».
Chi Chi attacca anche le case di produzione che si difendono sostenendo di sottoporre i loro attori a continui test, sostenendo che non via un modo di proteggere gli attori al 100 per cento in quanto il virus non è immediatamente intercettabile.
Da qui il suo domandarsi quale sia il senso di mettere a rischio delle persone reali solo per soddisfare le fantasie degli spettatori? Il porno è un business, e come tale chi vi partecipa ha il diritto alla salvaguardia delle propria salute come avviene in tutti gli altri business economici.

Video: [1]


Buon Natale

Pubblicato il


Oggi è il 25 dicembre, dal IV secolo in poi è la festa cristiana del Natale di Gesù, ma prima ancora la festa pagana del Sole. Nel 275 l'imperatore Aureliano volle per l'appunto fissare la festa della nascita del sole al 25 dicembre, ossia quattro giorni dopo il solstizio d'inverno che cade il 21 dicembre. Dopo quella data, le giornate iniziano ad allungarsi fino al 21 giugno, il giorno più lungo dell'anno: la festa voleva proprio celebrare questo passaggio dalle tenebre alla luce.
Sulla data storica della nascita di Gesù, invece, non esistono dati storici. Alcuni studiosi ritengono che questa data venne scelta dalla Chiesa proprio in contrapposizione alla festa pagana del Sole, molto radicata nella tradizione popolare.
E' così, indipendentemente dall'origine della data, anche quest'anno è giunto il momento di augurare a tutti i lettori un buon Natale (e magari anche buone vacanze per i più fortunati che potranno stare a casa dal lavoro per qualche giorno).

Immagini: [1] [2] [3] [4] - Video: [1] [2]


Un nuovo social network italiano dedicato ai gay

Pubblicato il


Si chiama Retegay ed è un nuovo social network che ha aperto i battenti nella giornata di ieri. La struttura è molto simile a quella di Facebook ma, come il nome stesso suggerisce, si rivolge ad utenti gay.
Si possono caricare e condividere video, immagini, messaggi e link, si possono creare gruppi o partecipare a discussioni. Il tutto, a detta dei suoi creatori, senza le alcuna censura sui contenuti (salvo quelle legati ad eventuali contenuti illegali, ovviamente) grazie anche al fatto che il sito sia aperto ai soli maggiorenni.
Secondo gli sviluppatori, la struttura del sito è tale da garantire una spinta verso la condivisione di opinioni, immagini e video, senza che si corra troppo il rischio che il tempo lo porti a trasformarsi in un classico sito di incontri.
A voler ben guardare, l'idea non è propriamente nuova. Altri cloni di Facebook e MySpace rivolti alla comunità gay sono già online: è l'esempio dell'americano DList o dell'italiano Gaybook (di cui ci eravamo già occupati qualche tempo fa).

Nota: il sito non risulta più attivo e il post viene mantenuto solo per motivi storici.


Il gioco dei sosia

Pubblicato il


Qualche tempo fa abbiamo parlato della storia di Levi Johnston, il modello alaskaniano di 19 anni apparso senza veli sulle pagine di Playgirl.
Lo scandalo che ha coinvolto il giovane durante le presidenziali Usa, quando si scoprì che aveva messo incinta una delle figlie della ex candidata repubblicana alla vicepresidenza statunitense Sarah Palin, aveva aumentato di molto le attese dei lettori. Attese però un po' disilluse da un servizio fotografico che lasciava un po' troppo all'immaginazione e un po' troppo poco alla prova fotografica (con nudi frontali sempre coperti da guantoni o da inquadrature troppo strette).
La Jet Set, una società di produzione di film per adulti, ha pensato di provare a proporre ciò che quegli scatti non avevano mostrato: ha così trovato un attore pornografico che fosse il sosia di Levi Johnston e con lui hanno realizzato un film (il cui titolo probabilmente sarà "Getting Levi's Johnson") in cui l'attore si mostrerà senza veli e senza censure. Trattandosi di una casa di produzione gay, il film proporrà inoltre una versione omosessuale di Levi.

Immagini: [1] [2] [3]


Chad White

Pubblicato il


Chad White nasce nel 1985 a Portland, in Oregon (Stati Uniti). Durante l'infanzia pratica molti sport, cosa che lo porterà a sviluppare il corpo armonioso che ha oggi. Negli hanno del college gioca a baseball, ottenendo risultati che gli hanno fatto giungere la proposta di giocare nella Major League. Dovrò però rifiutare la proposta dopo essersi ferito ad una mano.
A giugno del 2006 apparso sulla rivista "L'Uomo Vogue" comparendo in tutto l'editoriale grazie agli scatti realizzati dal fotografo Steven Klein. Inutile dire che essere scelti da "L'Uomo Vogue" è senza ombra di dubbio un ottimo lancio per la carriera di un modello.
Chad ha iniziato quindi a viaggiare per il mondo e a posare per numerose case di moda come, ad esempio, Versace, D&G e Dsquared2.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14]


A Napoli il Gay Pride nazionale del 2010

Pubblicato il


Sabato scorso numerose associazioni e rappresentanti del mondo lgbt italiano si sono riuniti a Roma per decidere quale sarà la sede del prossimo Gay Pride nazionale.
La città scelta è Napoli e la manifestazione si terrà indicativamente nel mese di giugno. Il capoluogo campano ha ospitato per l'ultima volta un Gay Pride nazionale nel 1996 (nonostante, ovviamente, in altri anni si sia svolto un pride locale).
Le associazioni campane hanno anche espresso l'intenzione di trovare un accordo "tandem" con il pride locale di Roma e di cercare di gettare le basi per l'EuroPride di Roma che si terrà nel 2011.
Le associazioni napoletane inizieranno ad organizzare l'evento già dal prossimo febbraio e sono già stati presi accordi con Roma perché il loro pride locale si tenga dopo la data decisa per quello nazionale, in modo che la vicinanza geografica e un'eventuale manifestazione antecedente possano pregiudicare in un qualche modo la riuscita dell'evento.


Zeb Atlas

Pubblicato il


Zeb Atlas nasce il 15 ottobre 1970 a Portland, in Oregon (Stati Uniti). È un bodybuilder, un cubista, un personal trainer, un modello e un attore porno.
Il suo vero nome è Andy Bick e frequanta la Oregon State University laureandosi in scienza della salute e sport nel giugno del 1993. Inizia quindi a posare per alcune riviste di magazines dopo essere stato notato d uno spettacolo di bodybuilding.
Dopo i primi lavori, incontra Ron Lloyd, un fotografi erotico, che gli propone di posare per alcuni scatti. Zeb accetta e inizia anche ad apparire in alcuni video della serie "Body Solo", sulla copertina del libro di fotografie "Built!".
Nel 2003 e nel 2006 viene nominato "uomo dell'anno" dalla rivista Man magzine. Nel frattempo Zeb inizia anche a lavorare come cubista per alcune dicoteche gay in giro per gli Stati Uniti.
Nel orso della carriera, è apparso in oltre trenta film, molti dei quali recitati con una performance solitaria. Nl maggio del 2008 Zeb ha inizato anche a realizzare dei video hard insieme alla fidanzata e porn star Devon Michaels.
Non mancano anche apparizioni in film gay, come la fellatio realizzata in un video per JakeCruise. Avrebbe dovuto anche realizzare una scena di sesso anale con Matthew Rush nel film "Best Men", ma a causa di un'infezione intestinale venne rimpiazzato dall'attore Adam Killian nella scena finale.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1] [2]


Gareth Thomas fa coming out

Pubblicato il


Gareth Thomas ha 35 anni ed è una vera e propria leggenda del rugby gallese. E' stato il primo giocatore a raggiungere la quota di cento presenze con la maglia del Galles, quattordici delle quali con la maglia di capitano.
Oggi ha deciso di fare coming out e di dichiarare pubblicamente la propria omosessualità. «E' molto difficile per me essere il primo giocatore di rugby ha rompere questo tabù», ha dichiarato non senza parlare anche dei suoi tomori su come l'opinione pubblica possa reagire: «Non voglio essere visto come un giocatore di rugby omosessuale. Io sono prima di tutto un giocatore di rugby».
Gareth ha motivato la sua decisione di rendere pubblico il proprio orientamento sessuale a causa di un suo profondo malessere interiore: «Ero convinto che non sarei mai stato accettato e che non avrei potuto fare una carriera così. Ero diventato un maestro nell'arte del sotterfugio ma rinunciare per così tanto tempo ad essere ciò che si vuole porta ad un sentimento di vergogna e solitudine».
Con il suo gesto, inoltre, spera di poter essere d'aiuto ai giovani omosessuali che intendono intraprendere una carriera sportiva, nella speranza che non debbano passare ciò che ha passato lui per paura del giudizio della gente. Gareth ha scoperto di essere omosessuale all'età di 17 anni, ma nel 2002 è arrivato anche a sposarsi per tenere nascosta la cosa.


Ryan Lebar

Pubblicato il


Ryan Lebar è un modello ed attore canadese. Nato nella piccola cittadina di Nipigon (Ontario, Canada), si trasferisce a Thunder Bay dopo la separazione dei suoi genitori. A 18 anni va a vivere ad Ottawa, dove resta per un anno prima di trasferirsi a Toronto.
L'adolescenza non è fra le più tranquille: Ryan soffre per l'assenza del padre (che aveva abbandonato lui, la sorella e la madre) e inizia a far uso di droghe. Lui stesso sostiene che se non avesse iniziato ad allenarsi in palestra e non avesse deciso di abbandonare quella strada, ora probabilmente sarebbe morto o in carcere.
Ora Ryan è intenzionato a realizzare i suoi sogni, sia da modello che da attore. Sostiene, infatti, di non accontentarsi che qualcuno noti la sua bellezza fisica, ma desidera che la carriera lo porti ad essere apprezzato per il suo talento. nel contempo, attualmente è impegnato anche con il suo lavoro di personal trainer.
Ryan ha iniziato a posare quando aveva solo 4 anni. Nel corso degli anni ha vinto numerosi titoli come, ad esempio, The Hottest Guy in Canada, Mr. Hawaiian Tropic e Mr. Redd Hott International in Jamaica. ha inoltre posato come modello per la collezione primaverile di Alfred Sung, il calendario di Zebra Studios Calendars, Redken, X-treme Razors, Caffery Van Horne International Hair Show e Marc Anthony Hair Show.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] - Video: [1]


Josh Hartnett

Pubblicato il


Josh Hartnett nasce a San Francisco il 21 luglio 1978. Cresce con il padre e la sua compagna nel Minnesota, mentre la madre si trasferì a San Francisco dopo il divorzio dal marito.
Nel 1996 termina gli studi ed inizia a recitare con la Youth Performance Company di Minneapolis. Ben presto, però, si trasferisce in California alla ricerca di maggiori opportunità professionali.
Due anni più tardi inizia a prendere parte alcuni episodi della serie televisiva "Cracker" ed anche ad alcuni spot televisivi.
Nel 1998 entra nel cast del suo primo film, "Halloween 20 anni dopo", accanto a Jamie Lee Curtis. da quel momento la sua carriera si può considerare avviata, nonostante Josh continui ad alternare partecipazioni in gradi successi hollywoodiani a piccole produzioni.
Nel 1998 diventa popolare fra i teenager grazie al film "The Faculty", nel 1999 prende parte a "Il giardino delle vergini suicide", nel 2001 è la volta di "Pearl Harbor" e di "O come Otello". Seguono "Black Hawk Down" nel 2001, "Hollywood Homicide" nel 2003, "Black Dahlia" nel 2006 e "30 giorni di buio" nel 2007.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Pubblicità omofoba su Facebook: «I gay non sono ammessi»

Pubblicato il


L'attenzione di molti è capitata oggi su un'inserzione che ha fatto il suo esordio su Facebook. Si tratta della pubblicità della rivista "Da Uomo" che ha pensato bene di titolare la propria inserzione con un "I gay non sono ammessi" che ben si accoppia con il testo sottostante che precisa che si tratta di una rivista "solo per uomini veri".
Alcuni blog e forum, sia etero che gay, hanno reagito commentando tale affermazione. Si va da chi parla di cattivo gusto, chi ha segnalato l'annuncio a Facebook, chi ha sottolineato i numerosi errori ortografici nelle pagine del sito e così via.
In un articolo apparso sul sito in questione (presumibilmente dopo le prime reazioni, anche se non ci è dato di saperlo), il direttore della "rivista" ha pensato bene di pubblicare un articolo dove spiega il perché del suo desiderio di non avere gay fra i suoi lettori (peraltro corredata da un simpatico disegnino con due omini in mutande che secondo loro rappresenterebbero i gay on una bella barra rossa sopra): «Essendo una community, per soli uomini, preferiremmo evitare che individui gay, omosessuali, partecipassero alla vita della nostra rivista, perché molto probabilmente non sarebbero in grado di comprendere il senso di ciò che viene presentato quotidianamente sul nostro sito».
Curioso come i gay siano definiti "individui" e non "persone" e come vi siano i soliti errori grammaticali (dal "perché" scritto con l'accento grave e un uso alquanto curioso delle virgole)... ma andiamo oltre.


Leggi tutto il post »

Giorgio Ronchini ha vinto il titolo di Mr. Tetris 2009

Pubblicato il


In questi giorni sta facendo il giro delle rete una notizia che riguarda Giorgio Ronchini, uno dei concorrenti del Grande Fratello.
Nei giorni scorsi le ipotesi sul suo orientamento sessuale si erano già sprecate a causa del suo feeling particolare con Maicol (concorrente dichiaratamente gay) ma ora le voci si sono fatte più insistenti dopo che si è sparsa la voce che nel 2009 ha vinto il titolo di Mister Tetris in un concorso di bellezza organizzata dal Flexo nell'aprile scorso.
Il Fexo è uno dei locali gay più conosciuto del Triveneto: è un discoclub che opera anche come cruising e l'accesso è consentito solo ai tesserati Arcigay. Motivo, quest'ultimo, che fa supporre che Giorgio fosse titolare di una tessera in quanto non avrebbe potuto partecipare se non tesserato.
Il fatto di per sé non significa nulla: come sappiamo non è necessario essere gay per avere una tessera Arcigay e l'orientamento sessuale non era uno dei criteri di selezione del concorso in questione. Non è quindi da scartare a priori l'ipotesi fatta da uno degli organizzatori, secondo il quale Giorgio era lì perché un suo amico gay -frequentatore del locale- lo aveva convinto a prendere parte all'evento.


Ben McAvinew

Pubblicato il


Alle volte capita: baste inserire un nome di un modello per trovare decine e decine di sue fotografie, ma il reperimento di informazioni sul suo conto è un'impresa assai ardua.
Ben McAvinew è proprio uno di questi. Di lui si sa che è nato il 27 dicembre 1982 a Clinton (Ohio, Stati Uniti) e che è un lottatore di wrestling. Attività alla quale ha affiancato anche quella di modello.
Le altre informazioni sul suo conto sono quelle deducibili dalle immagini (ma forse sottolineare quanto sia muscoloso o come abbia lo sguardo penetrante sarebbe un po' superfluo) e tracce della sua carriera sportiva (ma senza conferme si rischierebbe di prendere eventuali casi di omonimia per dati reali).
Quindi non resta che lasciarvi gustare le immagini pubblicate come di consueto in fondo al post.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Perù: il Tribunale Costituzionale elimina la discriminazione verso i gay nelle istituzioni

Pubblicato il


Tutto ha avuto inizio nel 2003: un giovane venne sorpreso ad avere una relazione omosessuale con un compagno dalla Scuola Tecnica Superiore della Polizia Nazionale di Puente Piedra (Perù) venendo espulso. L'evento scatenò un lungo dibattito e la decisione di allora è stata completamente ribaltata oggi grazie ad una decisione del Tribunale Costituzionale del Perù.
La sentenza ha deciso per il reintegro dell'alunno espulso ma anche sancito un concetto più generale: la condizione di omosessuale non impedisce ad una persona di «La condizione di omosessuale di una persona -recita la sentenza- non significa né deve essere vista come una diminuzione delle sue qualità morali, professionali, mentali o fisiche«.
I giudici, inoltre, hanno contestare l'esame medico anale e la prova psicologica a cui era stato sottoposto il giovane, definiti come «un maltrattamento che viola l'integrità personale [...] un atteggiamento degradante e che non dimostra nulla».
Anche Alan Garcia, il presidente del Perù, ha commentato la sentenza sostenendo che «tutti godiamo del diritto di avere l'orientamento sessuale che vogliamo. Non deve essere un argomento di scherno o di esclusione, dobbiamo essere un Paese moderno e civile».


Ryan Kwanten

Pubblicato il


Ryan Kwanten nasce a Sydney (Australia) il 28 settembre 1976. Di professione attore, la sua popolarità ha inizio nel 1977 quando interpreta Josh nel telefilm "Spellbinder" e il guardaspiaggia Vinnie Patterson nella soap opera australiana "Home and Away".
La sua permanenza nella soap dura fino al 2002, permettendogli nel frattempo di diventare un sex symbol.
Ryan si trasferisce negli Stati Uniti e qui inizia a vestire i panni di Jay Robertson nella serie televisiva "Summerland", andata in onda nel 2004 e 2005.
Nel 2006 prende parte al film "Flicka - Uno spirito libero" con Maria Bello, Alison Lohman e Tim McGraw. Sempre lo stesso anno lavora in "Dead Silence" con Donnie Wahlberg.
Attualmente è impegnato nella serie televisiva "True Blood", dove interpreta il ruolo di Jason Stackhouse.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5]


Orlando Bloom

Pubblicato il


Orlando Bloom nasce a Canterbury (Inghilterra) il 13 gennaio 1977). Figlio illegittimo, perde il padre legale a soli quattro anni. Frequenta la St. Edmunds School di Canterbury ma la sua dislessia non lo facilita negli studi.
Appassionato dalle arti, matura il sogno di diventare attore. Nel 1993 si trasferisce a Londra ed entra nel "National Youth Theatre"e si guadagna una borsa di studio per frequentare la "British American Drama Academy".
Dopo alcuni ruoli televisivi, nel 1997 debutta al cinema con il film "Wilde" diretto da Brian Gilbert.
L'anno successivo ha un incidente: candendo da un tetto si rompe la schiena e i dottori sono molto scettici sulle sue possibilità di recupero. L'operazione, però, ha un buon esito ed Orlando è in grado di uscire presto dall'ospedale, anche se con due placche metalliche e sei bulloni impiantati nella schiena.
Nel 2001 ottiene il suo primo ruolo importante: è Legolas nella versione cinematografica de "Il Signore degli anelli" di Tolkien. Si trasferisce così in Nuova Zelanda, dove si tengono le riprese del film e dove rimarrà per circa due anni, ed inizia a prendere lezioni di tiro con l'arco, scherma ed equitazione.
I tre film della trilogia tolkieniana lo trasformano da un attore sconosciuto ad uno dei personaggi più celebri di Hollywood.
Nel 2003 è la volta di un nuovo successo: Orlando è chiamato per vestire i panni di Will Turner nel film "Pirati dei Caraibi: La maledizione della prima luna" al fiaco di Johnny Depp.
Nel 2004 interpreta Paride nel film "Troy", mentre l'anno successivo è la volta di "Le crociate" di Ridley Scott.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Caio Moreno

Pubblicato il


Caio Moreno è il modello del mese scelto dal sito Terra Boy.
Il 25enne protagonista del servizio fotografico si mantiene in forma praticando canoa e Jiu-Jitsu. Nato a San Paolo (Brasile), è dell'ariete, è alto 1,87m, pesa 76 chili e ha il torace di 99 centimetri. Si definisce molto dedito nel fare le cose, ma al contempo tende ad essere un po' troppo poco tollerante. Amante della natura, il suo film preferito è "Il gladiatore" di Ridley Scott, sogna di visitare l'Africa e il suo libro preferito è "Il Codice Da Vinci" di Dan Brown.
Gli scatti sono stati realizzato dal fotografo Didio.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Edward Speleers

Pubblicato il


Edward Speleers nasce a Chichester (Inghilterra) il 21 dicembre 1987. I suoi genitori sono separati: vive con il padre mentre la madre si trasferisce in Spagna.
Stuadia al college di Eastbourne, dove si diploma con il massimo dei voti nel 2006. Proprio nell'ambito scolastico Edward esordisce su un palcoscenico, venendo molto apprezzato nelle recite scolastiche dove interpreta anche ruoli principali ed impegnativi dell'Amleto e di Riccardo III.
Nel 2004 fa il provino per il ruolo di Peter Pevensie nel film "Le cronache di Narnia: il leone, la strega e l'armadio" ma la parte viene affidata a William Moseley.
Il successo arriva due anni dopo quando esordisce in un lungometraggio cinematografico nel ruolo di protagonista. Si tratta del film "Eragon", tratto dal celebre romanzo di Christopher Paolini e diretto da Stefen Fangmeier. E' grazie a questo ruolo che ottiene fama e popolarità a livello mondiale.
A partire dal 2006 ha vestito i panni di Jimmy Penwarden nella serie televisiva "Echo beach".
Nel tempo libero gioca a calcio e rugby e suona il sassofono.

Immagini: [1] [2] [3]


Il calendario 2010 di John Andresen

Pubblicato il


John Andresen è un fotografo norvegese le cui opere sono molto apprezzate anche da riviste come DNA magazine, Racing magazine, Australian Blue magazine e Ggravid. I suoi scatti sono per lo più erotici, con modelli che mostrano in modo rilassato le forme del loro corpo.
Per il 2010 ha voluto realizzare un calendario dove il modello David viene immortalato in tredici scatti (i dodici mesi più la copertina) in foto di seminudo.
La peculiarità del calendario, però, è che non viene venduto ma può essere scaricato gratuitamente in formato PDF direttamente dal sito del fotografo. Insieme all'edizione 2010 è possibile scaricare anche i calendario del 2008 e 2009.
In conclusione del post, alcuni scatti realizzati da John Andresen (anche se non inclusi nel calendario).

Immagini: [1] [2] [3] [4]


La nuova campagna di sensibilizzazione del WWF Brasile

Pubblicato il


Si chiama "Their extinction is ours as well" ed è la nuova campagna di sensibilizzazione del WWF Brasile sui problemi ambientali.
Sviluppata dall'agenzia Dkp, l'idea è quella di associare gli animali agli esseri umani. E' così che un uomo nudo può prendere il posto di un gorilla o di coccodrillo, in altre parole il futuro dell'uomo è unito a quello degli animali ed così che ci si può permettere di proiettare in loro la razza umana.
Il nudo e la sensualità delle immagini, seppur prive di eccessi, serve anche a catturare l'attenzione e strappare una riflessione .magari anche breve- sull'argomento.
La direzione creativa della campagna è stata curata da Daniel Kahan e Pedro Lazera, mentre gli scatti sono stati realizzate dal fotografo Chico Barros.

Immagini: [1] [2] [3]


Levi Johnston nudo su Playgirl

Pubblicato il


Levi Johnston è un modello alaskaniano di 19 anni, recentemente è fotografato senza veli da Playgirl. Si tratta delle seconda volta che compare sulla pagine della rivista: già un paio di mesi fa era stato il protagonista di un altro servizio fotografico, realizzato in bianco e nero, dove posava sotto ad una doccia.
Ora farà il suo ritorno anche nel numero di gennaio, con un nuovo servizio a colori dove Levi si mostra in tenuta da hokey, senza risparmiarsi di mostrare il suo sedere e un nudo frontale dove si copre con un guantone da hockey le parti intime (peraltro simile a quello dello scorso servizio dove le mani e il vapore della doccia nascondevano i gioielli di famiglia).
L'attenzione che il giovane modello attira su sé stesso non è motivato solo dal suo aspetto fisico, ma anche dal fatto che il giovane è stato al centro di uno scandalo durante le presidenziali Usa, quando si scoprì che aveva messo incinta Bristol, una delle figlie della ex candidata repubblicana alla vicepresidenza statunitense, Sarah Palin.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


I gay più influenti del 2009 per Out Magzine

Pubblicato il


La rivista "Out" ha stilato una classifica del 100 personaggi gay e gay friendly più influenti del 2009. Molti dei nomi in Italia sono poco conosciuti, ma hanno fatto parlare molto di sé negli stati Uniti, Paese sul quale per l'appunto si basa la classifica.
Al primo posto si è classificato Adam Lambert (nella foto), il cantante che ha dato scandalo simulando una fellatio e dando un bacio appassionato ad un altro uomo sul palco degli American Music Awards. Seguono Wanda Sykes, che presto avrà un talk show a lei dedicato, e Rob Marshall, regista del famoso film "Chicago".
nelle prime posizioni seguono Dan Choi (4° posto), Cyndi Lauper (5° posto), Christopher Bailey (6° posto), Neil Patrick Harris (7° posto), Pedro Almodóvar (8° posto), Gavin Creel (9° posto) e Kelly McGillis (10° posto).


Un bacio gay per la Virgin Mobile

Pubblicato il


La sezione canadese della Virgin Mobile, una compagnia telefonica, ha lanciato una nuova campagna pubblicitaria distribuita in due versioni: in una è presente la foto di una ragazza con le ali da angelo, nell'altra c'è una scena inequivocabilmente gay: un ragazzo con ali d'angelo bacia appassionatamente un altro ragazzo in giacca e cravatta, facendolo adagiare sul divano mentre gli regge delicatamente la testa. Il tutto corredato dallo slogan "Hook up fearlessy" (connettersi senza timore).
La campagna, distribuita in tutta la nazione e realizzata dall'agenzia Juniper Park, era in parte stata anticipata durante l scorso gay Pride di Toronto, dove alcuni ragazzi con ali d'angelo e il marchio della compagnia telefonica tatuato sul petto hanno preso parte alla parata.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Condom Mob

Pubblicato il


Con l'appuntamento di ieri a Genova si è conclusa l'iniziativa del "Condom Mob", che già aveva visto una prima tappa a Milano lo scorso 3 dicembre (le foto di apertura ed il video a fine post si riferiscono proprio a quest'ultimo evento).
La onlus Cesvi e l'Università Iulm di Milano hanno organizzato i due eventi per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza dell'uso del preservativo. Attraverso un tam-tam telematico effettuato su Facebook e Cesviamo.org (il social network dell'associazione Cersvi), si era scommesso di riuscire a far entrare almeno un centinaio di persone all'interno di un enorme condom trasparente. Scommessa che è stata ampiamente vinta a Milano, dove più di 200 ragazzi sono entratio nel mega-preservativo per dire di "no" all'Aids/Hiv.

Video: [1]


Bruno a torso nudo a Domenica 5

Pubblicato il


Bruno Cabrerizo è il valletto di Barbara d'Urso nel programma Domenica 5.
Sono in molti a ritenere che abbia un fisico incredibile e un sorriso ammaliante, e probabilmente è proprio per questo che la sua bellezza sembrava sprecata per le sue sporadiche apparizioni nella trasmissione.
Domenica scorsa, però, il suo fascino è stato valorizzato grazie ad un balletto in coppia con Camilla (concorrente, ormai eliminato, del Grande Fratello 10)sulle note di "Viva la vida loca". Scalzo e a torso nudo, Bruno si è finalmente lasciato ammirare in tutta la sua bellezza.
Alla domanda rivoltagli da Barbara D'urso: «Che cosa ci fai nudo?» ha replicato con un «Mi hanno spogliato». Come dire... finalmente una buona idea degli autori del programma (che speriamo in molti vorranno ripetere la loro intuizione).


Giorgio Ronchini nudo

Pubblicato il


Giorgio Ronchini, è uno dei concorrenti della decima edizione del Grande Fratello. Sensibile e schivo all'interno della casa, pare molto più disinibito (forse non a caso è stato uno dei primi concorrenti della casa fra i primi a mostrarsi in mutante sotto la doccia).
Sul web sono già state pubblicate molte foto dell'epoca in cui lavorava come modello, ma in questi giorni la rivista "Top" ha pubblicato alcuni scatti dove il bel Giorgio è nudo sul bordo di una piscina in compagnia di alcuni amici.
Per il futuro è facile immaginare che Giorgio si mostrerà ancor di più, perlomeno da un'immagine d'anteprima di un calendario per il quale ha posato prima di entrare nella casa: qui le sue parti basse sono coperte da una scala che lascia comunque intravedere un po' del suo pelo pubico... chissà se in altri scatti sarà stato ancor più generoso.
In conclusione del post, alcuni scatti vecchi e nuovi di Giorgio Ronchini.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [6]


Una coppia gay nella terza stagione di "True Blood"

Pubblicato il


"True Blood" è una serie televisiva statunitense creata da Alan Ball (già creatore di "Six Feet Under") incentrata sul racconto di una futura co-esistenza tra vampiri ed umani a Bon Temps, una piccola cittadina della Louisiana. La convivenza è stata resa possibile dall'invenzione del Tru:Blood, un sangue sintetico in grado di soddisfare i bisogni dei vampiri). La serie è ambientata a due anni di distanza dall'inizio della convinza, anche se non mancano contrasti e personaggi pittoreschi come, ad esempio, una cameriera che ha il dono di leggere i pensieri della gente. o un vampiro di 173 anni.
Nel corso della terza stagione delle stagione verranno introdotti due nuovi personaggi gay: Talbot, un bellissimo vampiro con la passione della cucina (interpretato da Theo Alexander), e il suo compagno Russel, il re dei vampiri del Mississipp (interpretato da Denis O'Hare).
La terza stagione andrà in onda negli Stati Uniti nel 2010, mentre le prime due sono state mandate in onda in Italia da Fox.


E' un insegnante il nuovo Mr. Gay Cile 2009

Pubblicato il


Si chiama Pablo Salvador, ha trent'anni, ed è uno studioso di comunicazione e pedagogia, nonché insegnante di storia in un liceo di Santiago. Ora, dopo l'incoronazione, è anche il nuovo Mr. Gay Chile.
Nel corso della finale del concorso, gli è stato chiesto che osa avrebbe risposto ad un membro dell'Opus Dei che avesse avuto da ridire sul fatto che fosse un insegnante gay. Pablo ha risposto: «Sinceramente non cercherei di convincere un membro dell'Opus Dei che non esiste incompatibilità tra l'essere gay e l'insegnare. Gli direi semplicemente che se gli dà fastidio che suo figlio abbia come professore un omosessuale, la cosa migliore sarebbe che lo iscrivesse in una scuola che sposa le sue idee».

Via Queerblog - Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Il servizio che rivela ad altri se hai visitato siti porno

Pubblicato il


Chi di voi ha mai visto un sito perno? Molti potrebbero negare, ma ora è arrivato un sito che in barba alla vostra privacy rischia di rilevare se le vostre parole sono reali o meno.
Si chiama "Did You Watch Porn?" e permette a chiunque di scoprire se avete visitato o meno alcuni siti per soli adulti presenti nel loro datatabase. Il funzionamento è semplice: basta inserire un indirizzo mail per generare un link "anonimo" da inviare ad una persona. Quando (e se) questa vi cliccherà sopra, il sito cercherà di capire se il destinatario della mail abbia visitato o meno alcuni siti. Tale verifica viene effettuata sfruttando il fatto che i link a siti visitati vengono colorati dai browser in modo diverso da quelli non visitati e, pertanto, tramite un semplice javascript il sito guarda il colore dei link per dedurre se sia stato visitato o meno.
Se qualche sito viene riconosciuto, il sito visualizzerà un'immagine per dire al visitatore che ha visitato almeno un sito pornografico, altrimenti mostrerà un tenero conoglietto. Fin qui nulla di grave, se non fosse che l'elenco dei siti riscontrati viene inviato anche a chi vi ha mandato il link (che magari potrebbe essere anche un fidanzato, un genitore o un datore di lavoro).
Quindi se ogni tanto vate visita a siti per adulti e non lo volete far sapere, fate sempre molta attenzione a cancellarne le tracce (come, ad esempio, la cronologia) perché il rischio che qualcuno possa voler violare la vostra privacy è sempre dietro l'angolo...


L'università di Michigan vieta di masturbarsi in doccia

Pubblicato il


Giusto qualche ora fa abbiamo parlato dei presunti effetti benefici della masturbazione, ma evidentemente gli studenti dell'università di Michigan (Stati Uniti) devono aver preso troppo alla lettera il suggerimento.
Senza troppi pudori, gli studenti dell'università pare giocassero un po' troppo frequentemente con le loro parti basse durante le loro docce: la cosa ha infastidito i responsabili delle pulizie che hanno informato la direzione che, a sua volta, ha emesso una policy sulla masturbazione. L'invito rivolto ai ragazzi è semplice: "Lo sperma danneggia i tubi, siete pregati di masturbarvi in camera".
Il tutto, ovviamente, stando ad una notizia pubblicata da Top Culture che sta facendo il giro del mondo, anche se per il momento non è dato sapere se la notizia sia reale o se la fotografia in questione sia semplicemente un falso derivante da uno scherzo goliardico.


La masturbazione combatte i tumori

Pubblicato il


La masturbazione ridurrebbe il rischio di tumore alla prostata. È quanto affermano alcuni ricercatori australiani secondo i quali una eiaculazione regolare porta alla riduzione di accumuli che possono portare all'insorgenza di tumori.
L'eiaculazione prodotta durante un rapporto di coppia, però, a detta dei ricercatori non porterebbe ad altrettanti effetti benefici: in tal caso, infatti, si incorrerebbe nel rischio di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili che a loro volta potrebbero portare all'insorgenza di tumori.
Dettagli a parte, l'intervista condotta su 2050 uomini ha evidenziato come una frequente eiaculazione fra i 20 e i 50 anni porti ad una minore possibilità di incappare in malattie cancerogene alla prostata.
L'autoerotismo sarebbe particolarmente importante intorno ai 20 anni: chi eiacula più di cinque volte a settimana ha un terzo di possibilità in meno di incorrere in tumori alla prostata nel corso dell'intera vita.
E' da sottolineare che tale teoria è in contrapposizione con alcuni studi precedenti che sostengono che un'elevata attività sessuale possa portare ad un aumento del 40% del rischio. tale contraddizione, però, non deve portare necessariamente a scartare a priori l'attendibilità dello studio ed anche la responsabile inglese del Centro Cancro alla Prostata ha commentato lo studio parlando di una "teoria plausibile".


E' dichiaratamente lesbica il nuovo vescovo di Los Angeles

Pubblicato il


Mary Glasspool, 55 anni, omosessuale dichiarata, è stata nominata vescovo ausiliario dalla diocesi episcopale di Los Angeles.
La decisione deve ancora essere ratificata dalla chiesa nazionale, ma giàà si sospetta che la decisione non mancherà di scatenare nuove polemiche all'interno della chiesa anglicana.
Quando nel 2003 un altro gay dichiarato, Gene Robinson, venne dichiarato vescovo, la decisione portò allo scisma di alcune congregazioni e circa 100 mila fedeli confluirono in una nuova chiesa nordamericana.
Mary Glasspool ha ottenuto 153 voti tra gli esponenti del clero e 203 voti dagli esponenti laici, ottenendo la maggioranza dei suffragi. Veste l'abito talare da 27 anni e da venti ha apertamente una relazione con un'altra donna.
Va segnalato anche che fra i sei candidati vescovo alla diocesi di Los Angeles, che conta 70mila fedeli ed è una delle più grandi degli Stai Uniti, c'era anche un altro sacerdote gay. Los corso luglio, infatti, la chiesa anglicana aveva deciso di seguire il pensiero dell'ala progressista e di revocare la moratoria sulla nomina di vescovi gay.


Il calendario di Mr Gay Europa

Pubblicato il


Sergio Lara è stato nominato Mr. Gay Europa lo scorso agosto. A pochi mesi di distanza è il protagonista di un calendario per il 2010 con scopi benefici.
Il ricavato della vendita del calendario (il costo è di soli 5 euro) andrà a favore dei minori sieropositivi, mentre la relativa campagna sarà incentrata anche sulla sensibilizzazione di giovani all'uso del preservativo e all'importanza di effettuare il test rapido.
L'iniziativa è stata realizzata con l'AEGAL (l'Associazione dei datori di lavoro per gay e lesbiche di Madrid) ed altri sponsor ed è stata presentata lo scorso 3 dicembre in occasione di una tavola rotonda presso la biblioteca Berkana di Madrid.
Maggiori informazioni sul calendario e sull'iniziativa sono disponibili sulla pagina dedicata di Mr. Gay Pride (la pagina è in spagnolo).


Gli uomi dell'Alto Adige

Pubblicato il


Si chiama "Men in the Alps" ed è un calendario giunto ormai alla sua quinta edizione. I modelli che compaiono sulle pagine del calendario sono fotografati in pose erotiche nella cornice di paesaggi altoatesini.
I ricavati della vendita sono devoluti interamente in beneficenza ad istituzioni dell'Alto Adige che si occupano di persone malate, handicappate o socialmente svantaggiate. Persino i modelli ed il team di produzione non ricevono alcun compenso per il loro lavoro, in modo da devolvere in beneficenza quanto più denaro possibile.
Sul sito è stata pubblicata anche una classifica dei modelli più votati dai visitatori, con una distinzione fra le preferenze espresse dagli uomini rispetto a quelle espresse dalle donne (anche se a dire il vero i primi tre classificati delle due classifiche sono gli stessi, seppur con il primo e il terzo posto invertiti fra di loro). Gli uomini hanno "premiato" (in ordine dal più votato al terzo classificato) Fabrizio (32enne, Mr. Novembre), Nebojsa (32enne, Mr. Agosto) e Simon (27enne, Mr Marzo).

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Meredith Baxter: «Ho scoperto di essere lesbica»

Pubblicato il


Meredith Baxter è un'attrice statunitense probabilmente più nota come "la mamma" della serie televisiva degli anni'80 "Kasa Keaton".
Oggi, all'età di 62 anni, ha deciso di dichiarare apertamente di aver scoperto negli ultimi anni di essere lesbica. Alle sue spalle ci sono tre matrimoni falliti e cinque figli, ma ora dichiara di convivere con una donna e di aver finalmente abbandonato l'inquietudine che l'ha accompagnata durante i suoi precedenti rapporti con i mariti.
La decisione di rendere pubblica la sua storia in un'intervista rilasciata a "Today Show" è maturata dal suo desiderio di evitare che fossero dei giornali scandalistici a dare la notizia, magari in malo modo.

Casa Keaton, la sit-com che l'ha resa popolare, è andata in onda sul canale televisivo americano NBC per sette stagioni, dal 1982 al 1989 e più volte in Italia (ai tempi su Italia 1 e Canale 5 e negli anni su altri canali, l'ultima replica risale al 2006 su Boing). la serie racconta le vicessitudini di una famiglia normale: i genitori sono Steven ed Elyse Keaton, (lei architetto e lui occupato presso il network televisivo WKS) e i loro figli sono Alex (un amante della finanza), Mallory (una ragazza alla moda ma un po' superficiale) e Jennifer (la più piccola della famiglia nonché la più tranquilla).

Immagini: [1] [2]


Owen Wilson

Pubblicato il


Owen Wilson nasce a Dallas (stati Uniti) il 18 novembre 1968. Il suo esordio da attore ha luogo nel 2006 e già nel suo primo anno di attività prende parta ad un film diretto da Ben Stiller. Con lui reciterà in ben nove film: "Il rompiscatole" (1996), "Permanent Midnight" (1998), "Ti presento i miei" (2000), "Zoolander" (2001), "I Tenenbaum" (2001), "Starsky & Hutch" (2004), "Mi presenti i tuoi?" (2004), "Una notte al museo" (2006) ed "Una notte al museo 2-La fuga" (2009).
La sua notorietà, però, è legata anche ad alcuni film interpretati al fianco di Jackie Chan come, ad esempio, "pallottole cinesi" (2000), "Due cavalieri a Londra" (2003) e "Il giro del mondo in 80 giorni" (2004).
Wilson, insieme a Ben Stiller, Luke Wilson (suo fratello), Will Ferrell, Vince Vaughn, Jack Black e Steve Carell, è considerato dalla stampa americana come un membro di quello che è stato chiamato Frat Pack, ossia un gruppo di amici ed attori comici che collaborano spesso assieme. A fine 2007 la rivista di cinema "Nocturno" ha addirittura realizzato un intero dossier completo dedicato a questo fenomeno.

Immagini: [1] [2] [3]


Il calendario degli atleti

Pubblicato il


Rick Day è un fotografo di fitness e di moda. Per il 2010 ha realizzato un calendario chiamato "Athletes 2010". Come il nome stesso suggerisce, le immagini ritraggono dei modelli dai fisici scultorei mentre sono dediti allo sport (per così dire, visto che le pose sono sicuramente ricercate e non assomigliano lontanamente ad istantanee scattate in una palestra).
Le foto non sono "originali" ma sono tratte da un libro fotografico chiamato "Players", realizzato proprio da Rick Day e qualche mese fa. nella selezione dei dodici scatti si è anche preferito scegliere scatti sensuali ma privi di nudo, contrariamente all'opera cartacea dove sono contenute anche alcune foto di cui avevamo già parlato, come nel caso di Simon Dexter (immagini 6, 7 e 8 in fondo al post).

Immagini: [1] [2] [3] [4]


In piazza dentro ad un condom gigante

Pubblicato il


Il social network Cesviamo, creato dall'organizzazione umanitaria Cesvi per invitare a mettersi in gioco a sostegno di progetti umanitari, ha deciso di organizzare quello che si hanno definito "il primo condom mob".
Alle 12.30 di oggi a Milano (davanti all'università Iulm) ed il 9 dicembre a Genova, oltre cento persone entreranno in un preservativo gigante. L'invito a partecipare è aperto a tutti e chiunque può decidere di prendere parte all'iniziativa.
Lo scopo dell'iniziativa è abbastanza evidente: a due giorni dalla giornata mondiale per la lotta all'Aids si vuole ricordare in un modo divertente l'importanza di utilizzare il preservativo per difendersi dall'HIV.
In Italia si stima che i sieropositivi siano tra i 130 e i 160 mila (un terzo sono in Lombardia) e che ogni anno siano oltre 4mila i nuovi infetti (il 90% dei casi contraggono il virus attraverso rapporti sessuali). Nonostante ciò, solo il 17% degli adolescenti italiani si protegge utilizzando il preservativo.

Maggiori informazioni sull'iniziativa e le indicazioni per partecipare sono pubblicate sulle pagine Facebook di Cesviamo.


X-Factor: vince Marco Mengoni

Pubblicato il


E' Marco Mengoni il vincitore della terza edizione di X-Factor. Il titolo gli dà il diritto di partecipare alla prossima edizione del festival di san Remo (che avrà luogo fra un paio di mesi) e di siglare un contratto discografico da 300mila con la Sony BMG.
Al secondo posto di è classificato Giuiano, seguito sul gradino più bassi del podio dalle Yavanna.
Marco mengoni è nato il 25 dicembre 1988 a Ronciglione (VT). Da bambino si appassiona alla musica e si fa regalare anche un karaoke che, però, utilizza di nascosto per timidezza. I suoi genitori riescono però a convincerlo ad iscriversi ad una scuola di canto. Qui impara che il canto non è semplice come sembra, ma che è necessario imèparare tecniche e fare molto esercizio. Dapprima si esercita con un quartetto, poi prosegue la sua strada formativa da solista.
In questi giorni, inoltre, Marco ha fatto un mezzo coming-out in un'intervista rilasciata a Vanity Fair. Alla domanda se un outing avrebbe potuto portare alla perdita del pubblico femminile, Marco ha risposto: «Se comprano i miei dischi per portarmi a letto, che non li comprino. Sono molto libero nell'amore, si può amare chiunque. L'importante è che si ami davvero». Poi rispondendo al altre domande, poste quasi come se il suo orientamento sessuale fosse scontato, ha aggiunto: «Non vengo allo scoperto perché ancora non so, non sento questa esigenza [...] Se fossi davvero sicuro non avrei problemi a dirlo».


I calciatori italiani svestiti per beneficienza

Pubblicato il


E' capitanata da Fabio Cannavaro la squadra di tredici calciatori che ha posato per "Freedom 2010 Calendario dei calciatori". Si tratta di un calendario, in edicola in questi giorni con la rivista Max, che ritrae gli atleti mezzi svestiti ed in pose sexy. I proventi della vendita saranno devoluti in beneficenza per realizzare il progetto "Sport a Scampia", volto alla costruzione di alcuni campetti da calcio nel quartiere napoletano, in modo da proporre attraverso lo sport un'alternativa di vita sano ai giovani della zona.
Insieme a Cannavaro (in copertina) hanno posato anche Marco Di Vaio (gennaio), Giampaolo Pazzini (febbraio), Alessandro Diamanti (marzo), Luca Toni (aprile), Alberto Gilardino (maggio), Balzaretti e Cassani (giugno), Sergio Floccari (luglio - agosto), Matteo Ferrari (settembre), Stefano Mauri (ottobre), Marco Materazzi (novembre) ed Alessandro Matri (dicembre).


Milano: gay picchiato da tre giovani in un fast-food

Pubblicato il


Lunedì notte Milano è stata lo scenario di un'ennesima aggressione omofobica. Verso le 23, un 47enne si trovava nella sua auto nei pressi del cimitero di Bruzzano, luogo utilizzato incontri omosessuali. tre ragazzi sui 25 anni, tutti italiani, si sono avvicinati a bordo di una station-wagon gli si è avvicinato e ha cercato di bloccare l'auto accendendo gli abbaglianti. L'uomo si è spaventato e ha deciso di lasciare il luogo, ma la station-wagon ha continuato a seguirlo.
A quel punto si è fermato in un Mc Donald's lungo la statale Milano-Meda, sperando che la presenza di altre persone sarebbe bastata a far desidere gli inseguitori ad andare oltre. Ma così non è stato: due dei tre ragazzi lo hanno seguito fin dentro il fast-food e, davanti a testimoni, hanno iniziato a picchiarlo al grido di: "Sei un gay". Il 47enne si è messo in salvo solo quando è riuscito a rifugiarsi all'interno dell'ufficio del direttore del negozio.
Ora gli agenti della questura stanno indagando sull'accaduto e si spera che le riprese effettuate dal circuito chiuso del fast-food possano permettere l'identificazione dei responsabili dell'aggressione.


Mark Wahlberg

Pubblicato il


Mark Wahlberg nasce a Dorchester (Massachusetts, Stati Uniti) il 5 giugno 1971. E' l'ultimo di nove figli e durante l'infanzia vive la povertà seguita nell'adolescenza da piccoli furti e uso di droghe. A 16 anni finisce in carcere per l'aggressione di due turisti a scopo di furto.
Uscito dal carcere decide di cambiare vita. Contatta il fratello Donnie, nel frattempo diventato membro dei New Kids on the Block, e assunto lo pseudonimo di Marky Mark ottiene un contratto discografico. Nel 1991 fonda i Marky Mark & the Funky Bunch ed esordisce con il brano "Good Vibrations".
La sua carriera musicale prosegue fino a quando non viene notato da Calvin Klein che gli propone di posare al fianco di Kate Moss per la sua nuova campagna pubblicitaria di intimo. Gli scatti di Herb Ritts sono un successo e presto fanno il giro del mondo rendendo Mark un vero e proprio sex symbol.
Alcune sue esternazioni, a dire di alcuni mal interpretate, viene accusato di essere omofobo e razzista. Mark si allontana così dal mondo della musica per dedicarsi alla recitazione.
Debutta come attore nel film di Penny Marshall, "Mezzo professore tra i marines" ma il successo arriva solo con il film "Boogie Nights - L'altra Hollywood" (1997).
Prende successivamente parte a film come "The Yards", "Three Kings", "Ice Cube", "La tempesta perfetta".
Nel 2001 viene chiamato da Tim Burton per il remake di "Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie". Nel 2003 è la volta di un altro remake: "The Italian Job", insieme a Charlize Theron.
Nel 2006 è fra i protagonisti del film di Martin Scorsese "The Departed - Il bene e il male", seguito nel 2007 dal film "Shooter".

Immagini: [1] [2] [3] [4]