Joshua Jackson



In molti si ricorderanno di lui per il telefilm "Dawson's Creek", altri per la nuova serie "Fringe" in onda in questi giorni su Italia 1: stiamo parlando dell'attore canadese Joshua Jackson.
Nato l'11 giugno 1978 a Vancouver, esordisce sul grande schermo già nel 1980 nel film "Changeling" di Peter Medak e nel 1985 appare in qualche episodio del telefilm "MacGyver". Nel 1989, all'età di nove anni, torna sul grande schermo nel film "La mosca 2" di Chris Wallace. Nel 1991 è la volta di "Crooked Hearts", nl 1997 di "Scream 2" e nel 1998 di "L'allievo".
Il successo arriva nel 1998, quando viene scelto per il ruolo di Pacey Witter nella fortunata serie televisiva "Dawson's Creek". In totale prenderà parte a 102 episodi girati nell'arco di cinque anni.
Negli anni successivi torna sul grande schermo con "Urban Legend" (1998) di Jamie Blanks, "Cruel Intentions – Prima regola: non innamorarsi" (1999) di Roger Kumble (dove interpreta gay), "Gossip" (1999) di Davis Guggenheim, "The Skulls – I teschi" (2000) di Rob Cohen, "Cursed – Il maleficio" (2004) di Wes Cravene, "Vengo a prenderti" (2005) di Brad Mirman e "Bobby" (2006) di Emilio Estevez.
A cinque anni dalla conclusione di "Dawson's Creek", Joshua decide di far ritorno sul piccolo schermo nei panni di Peter Bishop nella serie televisiva "Fringe" creata da J.J. Abrams.

Immagini: [1] [2] [3]
3 commenti