La prima star dichiaratamente gay di Hollywood



Nato a Staunton (Stati Uniti) il 2 gennaio 1900, William Haines partì per Hollywood all'età di 22 anni, dopo aver vinto un concorso per dilettanti. Di volta in volta gli vennero affidati stuoli sempre più importanti, al punto che nel 1925 era ormai considerato la la star maschile di maggior spicco della Metro Goldwyn Mayer. Fu anche uno dei propri attori a riuscire traghettare dal cinema muto a quello sonoro senza perdere il plauso del pubblico.
Haines era anche dichiaratamente omosessuale e conviveva con Jimmy Shields, un giovane assistente di studio. Grazie ai suoi profitti, vivevo in una casa riccamente arredata e possedevano automobili di lusso. Dal canto loro, come abitudine del tempo, gli studios tenevano accuratamente nascosta la vita privata dei personaggi di Hollywood e selezionavano attentamente le notizie da passare ai giornalisti, motivi per cui erano disposti a "tollerare" la sua sessualità a patto che nulla trapelasse all'esterno.
Nel 1933, però, Haines fu arrestato dopo essere stato sorpreso in un dormitorio di Los Angeles insieme ad un marinaio appena adescato.
Per coprire l'accaduto, il produttore Louis B. Mayer cercò di imporgli un matrimonio di copertura e la rottura della sua relazione con Shields. Haines rifiutò e gli studios decisero così di rompere il contratto e di scritturare Robert Montgomery nei ruoli originariamente a lui destinati.
Rimasto disoccupato, l'attore tentò di recitare con una compagnia minore ma, dopo un paio di insuccessi decise di ritirarsi dalle scene. Insieme al suo compagno intraprese una nuova attività come antiquario ed arredatore, ottenendo grande popolarità.
Nel 1936 vennero entrambi aggrediti da alcuni affiliati al Ku Klux Klan, dopo che un loro vicino di casa li aveva accusati di aver molestato suo figlio. Ignorando i suggerimenti di quanti li avrebbero voluti spingere a sporgere denuncia e a dimostrare la falsità dlle accuse, la coppia preferì chiudere la faccenda con discrezione. Successivamente decisero di aprire uno studio di interior design a Malibu, proseguendo nella loro attività fino ai primi anni settanta (seppur con una breve interruzione negli anni della seconda guerra mondiale).
Haines morì nel 1973 a seguito di un carcinoma polmonare. Solo pochi mesi dopo anche Shields, a cui era stato diagnosticata la fase iniziale dell'Alzheimer, mise fine alla propria vita ingerendo una overdose di barbiturici. Oggi sono entrambi sepolti, uno accanto all'altro, al Woodlawn Memorial Cemetery.
Joan Crawford li descrisse come "la coppia sposata più felice di Hollywood".
2 commenti