Matrimoni gay: dall'Idv arriva una proposta di legge

Pubblicato il


L'Italia dei Valori ha presentato alla Camera la proposta di legge n. 5338, recante "Modifiche al codice civile in materia di eguaglianza nell'accesso al matrimonio in favore delle coppie formate da persone dello stesso sesso".
In altre parole, si tratta di un disegno per istituire i matrimoni tra persone dello stesso sesso.
Le motivazioni vengono spiegato in una nota congiunta del leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, e del responsabile diritti civili e associazionismo del partito, Franco Grillini: «Dopo gli interventi della Corte costituzionale e di quella di Cassazione, che hanno riconosciuto la rilevanza sociale delle famiglie formate da persone dello stesso sesso, nonché la necessità di garantire i diritti fondamentali delle persone che le compongono, inclusi i loro figli, è giunto il momento che il legislatore si assuma la responsabilità storica di rendere egualitario il matrimonio civile.
La scelta dell'Italia dei Valori di investire su un tema di civilta’ giuridica così rilevante, mettendo da parte altre ipotesi di intervento legislativo che non assicurerebbero una totale uguaglianza e il riconoscimento della stessa dignità sociale a tutti i cittadini, come richiesto dalla nostra Costituzione, si colloca nella scia della stessa scelta operata da altri paesi che hanno la nostra stessa tradizione giuridica e con i quali condividiamo il riconoscimento degli stessi diritti fondamentali».
Il primo ministro francese ha annunciato solo due giorni fa in Parlamento che dal primo semestre del 2013 anche in Francia il matrimonio diventerà egualitario, così come già avvenuto in Spagna, Portogallo, Belgio, Danimarca, Olanda, Norvegia, Svezia e Islanda, solo per limitarci all'Europa. Siamo all'interno di un movimento della storia che, in materia di diritti civili e fondamentali, sta costruendo, sulla saldezza dei nostri principi, una società che cancella le discriminazioni e attribuisce pieno valore alle differenze e alla dignità delle persone. Le persone con orientamento omosessuale devono poter accedere al matrimonio e vivere fino in fondo il proprio progetto di vita famigliare e di genitorialità, ove desiderata, così come fino ad oggi è stato possibile per le coppie eterosessuali».
5 commenti

Posta un commento