Archivio: agosto 2012

Roger Monssores

Pubblicato il


Le sue immagini hanno praticamente invaso Internet grazie al servizio fotografico pubblicato lo scorso aprile sul numero 147 di "DNA". Stiamo parlando di Roger Monssores, il modello brasiliano che il fotografo Léo Castro ha immortalato sulle spiagge di Rio de Janeiro per il noto magazine australiano.
Il successo riscontrato è stato tale da portare ben presto la rivista al raddoppio, con un nuovo servizio -questa volta realizzato da Xavier- che lo ha immortalato insieme a Diego Franco su un ring di boxe e dentro una sauna (con tanto di lato b in bella mostra).
Come spesso accede nel caso di esordi a livello internazionale, ad oggi è pressoché impossibile trovare informazioni su si lui e sulla sua vita. Date le premesse e l'attenzione che è riuscito a suscitare nei suoi confronti, però, è facile pensare che sentiremo presto parlare nuovamente di lui.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11]


I repubblicani contro la nave intitolata ad Harvey Milk

Pubblicato il


Il senatore democratico Christine Kehoe ha proposto di intitolare una nave militare ad Harvey Milk, il consigliere del sindaco di San Francisco assassinato nel 1978 a causa delle sue battaglie per i diritti dei gay.
Il Senato dello Stato della California si troverà presto a votare la proposta, anche se il Partito Repubblicano ha già iniziato ad esprimere il proprio dissenso, non senza risparmiarsi infelici uscite omofobe. Ad esempio il senatore repubblicano Doug La Malfa si è spinto fino ad affermare che: «Se una nave militare venisse davvero intitolata ad Harvey Milk, i soldati a bordo si sentirebbero demoralizzati nel servire la patria su un'imbarcazione intitolata ad un gay».
Il buon senso, però, suggerisce che molti militari si sentiranno ben più demoralizzati nel servire una patria oggi governata da politici così intolleranti piuttosto che nel solcare i mari su un'imbarcazione intitolata a Milk, un personaggio dall'indiscusso valore e già insignito della "medaglia alla libertà" (la più prestigiosa onoreficienza civile americana).


Il Cardinal Martini rifiuta l'accanimento terapeutico

Pubblicato il


Si sono aggravate le condizioni di salute del cardinale Carlo Maria Martini, arcivescovo di Milano dal 1980 al 2002, da tempo malato di Parkinson. «È purtroppo entrato in fase terminale -ha dichiarato il neurologo Gianni Pezzoli- Dopo un'ultima crisi, cominciata a metà agosto, non è più stato in grado di deglutire né cibi solidi né liquidi. Ma è rimasto lucido fino all'ultimo e ha rifiutato ogni forma di accanimento terapeutico». Un rifiuto all'alimentazione forzata che, nella sua condizione, equivale a morire.
Una scelta comprensibile ed umana, ma che subito ha riportato alla mente le influenze vaticane a favore dell'accanimento terapeutico e contro l'approvazione di ogni forma di testamento biologico. Una situazione che ha raggiunto il suo culine nel 2009, quando l'allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusoni intervenne sul caso di Eluana Englaro arrivando ad affermare: «Eluana è una persona viva, respira, le sue cellule cerebrali sono vive e potrebbe in ipotesi fare anche dei figli. È necessario ogni sforzo per non farla morire».
Ed è così che in queste ore su Twitter c'è chi commenta: «Vediamo un po' cosa ha da dire la Chiesa adesso», «Gli si concede quello che non è accettabile per tutti gli altri?» e «Grande rispetto per il Cardinal Martini che rifiuta accanimento terapeutico. E il pensiero va a Eluana Englaro per la quale fu obbligatorio».
C'è anche chi ha apostrofato la sua scelta come «La sua ultima lezione teologica», lanciando una riflessione sulle posizioni vaticane che sempre più spesso appaiono dettate da preconcetti e non dall'amore per l'uomo e per la sua dignità. Un'ipotesi che parrebbe confermata anche dall'imbarazzante silenzio dei palazzi pontifici di fronte ad uno stimatissimo uomo di Chiesa che ha deciso di morire anziché "sopravvivere" legato ad una macchina, così come molti emeriti prelati hanno predicato fosse doveroso fare in base a teorie astratte e forse troppo lontane da chi vive in prima persona la situazione.

Update 16:30: L'arcivescovo di Milano, Angelo Scola, ha cominicato l'avvenuto decesso del cardinale Carlo Maria Martini.


Harry Louis sexy su Twitter

Pubblicato il


Ha un corpo mozzafiato ed il fatto che abbia lavorato come pornoattore lascia intuire che non sia timido nel metterlo in mostra. Stiamo parlando di Harry Louis, attuale fidanzato dello stilista Marc Jacobs e proprietario di un telefono cellulare dotato di fotocamera. Un dettaglio, quest'ultimo, che a prima vista potrebbe apparire ininfluente a chi non è fra gli oltre 18mila utenti che lo seguono sul suo account Twitter. Già, perché è proprio qui che Marc condivide i vari scatti realizzati nel corso delle sue giornate, alcuni anche a tinte sexy (seppur mai eplicite, così come ci aveva abituato ai tempi della sua carriera nell'industria pornografica). Il tutto per la gioia dei suoi fan, ai quali si mostra in spiaggia, negli spogliatoi della palestra o mentre si allena con i muscoli in bella mostra.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Iva Zanicchi risponde alle critiche della comunità gay

Pubblicato il


Attraverso un comunicato pubblicato sul suo fan club, Iva Zanicchi ha provato a rispondere alle critiche ricevute dopo la sua firma del documento Pdl contro ogni forma di legalizzazione delle unioni gay.
«Ormai sono in politica da alcuni anni -si legge- e sono abituata al fatto che il mio nome venga utilizzato per fare notizia e ancora una volta è accaduto: tra 175 firmatari, tra cui ex ministri, ex sottosegretari, ed dirigenti di partito di primissimo piano, molti hanno scelto di attaccare me attraverso la rete». Inutile dire che le critiche riguardavano principalmente la posizione assunta da una persona insignita del Pegaso d'Oro da parte dell'Arcigay, motivo per cui verrebbe da chiederle quanti altri politici del suo partito hanno ricevuto la stessa onorificenza.
Tornando al comunicato, la Zanicchi prosegue: «Ero e sono a tutela della Famiglia e del Matrimonio e non ho certo cambiato idea. In un momento come quello attuale il nostro Paese ma ancor più l'Europa dovrebbero essere in prima fila nella tutela della Famiglia... mentre è sotto gli occhi di tutti che così non è, o che comunque le energie messe in campo sono insufficienti. È per questo che ho aderito al documento, con la convinzione che una continua mobilitazione, una richiesta di nuove risorse, sia quanto mai impellente e necessaria».


Leggi tutto il post »

Gli atleti dichiaratamente gay delle Paralimpiadi

Pubblicato il


Il braciere olimpico è tornato ad illuminare l'Olympic Stadium di Londra con l'inizio delle Paralimpiadi, i giochi riservati agli atleti con disabilità, che proseguiranno fino al 9 settembre (nell'immagine un momento della cerimonia di apertura).
In gara ci sono 4.260 sportivi provenienti da 114 Paesi diversi e, come già avvenuto a luglio, anche in questo caso c'è chi si è messo a spulciare la lista dei partecipanti per trovare quelli dichiaratamente gay. Come per le Olimpiadi, la lista che ne è scaturita è molto esigua e contiene solo due nominativi, entrambi trentottenni e di nazionalità inglese.
Uno di loro è Lee Pearson (già vincitore di nove medaglia d'oro ai giochi paraolimpici di Sydney, Atene e Pechino) che si cimenterà nel dressage, l'altra è Claire Harvey, capitano della squadra femminile di Pallavolo.

Immagini: [1] [2]


Liam Hemsworth

Pubblicato il


L'attore Liam Hemsworth (attualmente nelle sale con il film "I mercenari 2") nasce il 13 gennaio 1990 a Melbourne, in Australia. Terzo di tre figli, già giovanissimo decide di emulare le gesta dei fratelli -entrambi attori- intraprendendo una carriera nel mondo della recitazione.
Il suo debutto da attore è in un episodio di "Home and Away", seguito da un'altra comparsa nella serie "Le sorelle McLeod". Nel luglio del 2007 entra nel cast della soap opera "Neighbours", ricoprendo per due anni il ruolo di Josh Taylor. L'anno successivo veste i panni del musicista Marcus nella serie televisiva per ragazzi "Elephant Princess".
Il 2009 è l'anno del suo debutto sul grande schermo con un piccolo ruolo nel film "Segnali dal futuro", seguito a breve da una parte nell'horror di Christopher Smith "Triangle". Lo stesso anno avrebbe dovuto prendere parte anche al film di Sylvester Stallone "I mercenari", ma il suo personaggio venne poi eliminato durante la scrittura della sceneggiatura.
Nel 2010 è Will Blakelee nel film drammatico "The Last Song", nonché interprete del video musicale di "When I Look at You di Miley Cyrus", tema principale del film.
Nel 2012 entra nel cast de "I mercenari 2" e di "Timeless".Nel giugno dello stesso anno, dopo una relazione di tre anni, ha annunciato il fidanzamento ufficiale con la cantante e attrice Miley Cyrus.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


I mormoni censurano "The New Normal" nello Utah

Pubblicato il


I programmi della Nbc vengono trasmessi negli Stati Uniti da oltre 200 emittenti affiliate. Tra queste anche la KSL-TV, una stazione televisiva di proprietà di una Chiesa Mormone che irradia le sue trasmissioni nello Utah.
A patire dal prossimo 11 settembre, anche lei avrebbe dovuto trasmettere  "The New Normal", una nuova serie comica prodotta dalla Nbc ed incentrata su una coppia gay di Beverly Hills che cerca disperatamente di avere un figlio. Ma, dato che i mormoni non appoggiano l'omogenitorialità, la proprietà ha deciso di mettere il veto e di rifiutarsi di trasmettere la serie.
L'attrice Ellen Barkin (che interpreta Jane Forrest) ha commentato su Twitter: «La KSL deve vergognarsi di non aver messo in programma la serie. Quindi gli stupri e bambini uccisi di L&O SVU vanno bene, mentre una coppia di gay innamorati che vogliono avere un bambino è inappropriato?».
Pare anche che la Nbc stessa stia cercando di correre ai ripari, temendo che l'idea della censura possa diffondersi anche tra le altre emittenti di proprietà di varie chiese e religioni.


Chieti: il manifesto shock di Forza Nuova

Pubblicato il


«L'Italia ha bisogno di figli, non di omosessuali». È questa la scritta che capeggiava su alcuni manifesti firmati da Forza Nuova ed affissi qualche giorno fa ad Ortona (Chieti) in occasione dell'allestimento di un banchetto informativo da parte dell'Arcigay.
All'ondata di indignazione che ne è conseguita, il segretario regionale di Forza Nuova, Marco Forconi (in foto), ha replicato: «Il manifesto non è omofobo. La nostra omofobia sta nel fatto che proviamo ribrezzo e repulsione. Per i gay l'omosessualità è normale, per noi è una patologia». Il partito ha anche affermato di voler allargare il raggio d'azione dell'iniziativa, affiggendo quei manifesti sull'intero territorio abruzzese e scendendo in piazza per "spiegare" le proprie ragioni.
Molte associazioni gay hanno preso posizione: «Apprendiamo con sdegno e indignazione dei manifesti affissi dal partito neofascista Forza Nuova –si legge in una nota pubblicata da Abruzzo Social Forum, Diritti in Movimento, PeaceLink Abruzzo e Antimafie Rita Atria-. Il partito di estrema destra afferma che ci sono persone, gli omosessuali, che "non servono" all'Italia, a cui invece servirebbero, riprendendo una campagna portata avanti da Benito Mussolini negli Anni Trenta, "figli"».


Un ragazzo dagli spalti: «Djokovic, mi vuoi sposare?»

Pubblicato il


Ciò che contraddistingue un vero campione non è solo l'abilità al gioco ma anche lo stile, così come dimostrato dal tennista serbo Novak Djokovic. Durante un allenamento pre-partita agli US Open di New York, dagli spalti si è udita chiaramente una voce maschile che gli ha proposto: «Djokovic, mi vuoi sposare?».
Mentre tra il pubblico si è sollevata qualche risata, Djokovic si è voltato verso il punto da cui è partito l'invito, notando che a lanciarlo era stato un ragazzino. Ed è così gli ha fatto cenno di raggiungerlo in campo, un invito subito accolto dal fan che è accorso da lui con un taccuino in mano, presumibilmente sperando in un autografo del suo beniamino. Ad attenderlo, però, c'era una sorpresa ben più sorprendente: Djokovic gli ha ceduto la sua racchetta, lo ha fatto battere e ha provato a scambiare qualche tiro con lui. Poi un abbraccio affettuoso fra gli applausi dei presenti prima di riprendere gli allenamenti.
Nella gallery di fine post l'imperdibile video del momento.

Immagini: [1] [2] [3] - Video: [1]


Daniel Garofali per C-In2

Pubblicato il


Il modello e ballerino australiano Daniel Garofali è il volto scelto da C-In2 per promuovere Grip, la loro nuova linea di intimo sportivo.
Forse nell'ottica di sfruttare l'entusiasmo suscitato dalle olimpiadi appena concluse, le immagini ce lo mostrano nelle vesti di un ginnasta che si allena sul cavallo con maniglie. Il tutto, ovviamente, indossando esclusivamente il proprio intimo.
Come se gli ingredienti non fossero già sufficienti, l'azienda statunitense ha deciso di affidare il servizio fotografico a Rick Day, un nome che è una garanzia nel saper catturare mascolinità ed omoerotismo in ogni suo scatto.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] - Video: [1] [2]


Il "principiante" di Andrew Christian

Pubblicato il


In occasione dell'Amazing Festival di Los Angeles, lo stilista Andrew Christian è tornato a realizzare uno dei suoi video.
Le immagini ci mostrano un ragazzo impacciato che ha dei problemi nel gestire una grossa sfera da discoteca. In suo soccorso, però, accorrono i ragazzi di Andrew Christian (rigorosamente vestiti solo con il proprio intimo attillato) che lo porteranno dal parrucchiere ed in palestra fino fargli ritrovare un nuovo look (guarda a caso, anche con un nuovo paio di slip firmati dallo stilista) e una nuova voglia di far festa. Terminata la "trasformazione" tutto sarà pronto per dare inizio al party.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] - Video: [1]


Matthew Mitcham in vacanza a Roma

Pubblicato il


È noto che tra le passioni di Matthew Mitcham sia anche quella di suonare l'ukulele. Ed è così che, dopo le fatiche olimpiche, il tuffatore gay australiano ha deciso di concedersi una vacanza a Roma e di raccontarla ai suoi fans attraverso un video in cui si mostra mentre suona "Rome Wasn't Built In A Day" dei Morcheeba. Il tutto accompagnato da alcune immagini che mostrano alcuni momenti della sua visita alla città, dallo shopping all'immancabile moneta lanciata nella fontana di Trevi.
In passato l'atleta si era già mostrato nell'esecuzione con l'ukulele del tema di "Family Guy" (video) e, direttamente dal villaggio olimpico, di Single Ladies (video).

Clicca qui per guardare il video romano di Matthew Mitcham


Dopo lo scioglimento dei Kymera, Simone Giglio si ripropone come solista

Pubblicato il


Tra i concorrenti dell'edizione 2010 di X-Factor c'erano anche i Kymera, il duo formato da Simone Giglio e Davide Dugros. Una delle loro peculiarità è che non formavano solo una coppia solo musicale, ma stavano assieme anche nella vita. Da più di un anno i due si sono lasciati e l'8 maggio scorso hanno deciso di sciogliere anche il loro gruppo e di intraprendere carriere separate.
«I due artisti che avete imparato a conoscere e ad amare nei modi più svariati -si legge sul loro sito- sono oggi più che mai desiderosi di esprimere al meglio le loro differenze artistiche. Seguiremo due progetti separati per enfatizzare il più possibile le nostre capacità individuali e soddisfare la nostra sete di sperimentazione, di evoluzione e miglioramento».
Simone Giglio ha iniziato a pubblicare su Facebook alcuni indizi che lo riguardano, culminati oggi con un video che anticipa il suo ritorno sulle scene con "Malys". In perfetto stile marketing, ancora non è dato di sapere se quello sia un nome d'arte, il nome di un album o un rebus.

Clicca qui per guardare il teaser pubblicato da Simone Giglio


Il segreto di Miriam

Pubblicato il


A patire da ieri, nella seconda serata di La 5 ha fatto la sua comparsa un reality show dal titolo "Il segreto di Miriam" (una traduzione un po' più morbosa dell'originale "Something About Miriam"). Si tratta di un programma prodotto nel 2003 dall'emittente inglese Sky One (già proposta in Italia sei anni fa da Sky Vivo) che segue i tentativi di conquista della transessuale messicana Miriam da parte di sei ragazzi eterosessuali ignari del fatto che si tratti di un uomo.
Un format che non ha mancato di suscitare polemiche in tutti i Paesi in cui è stato trasmesso a causa della sua scorrettezza e per la pessima immagine che viene data delle persone transessuali. Alcuni commentatori, infatti, non hanno mancato di osservare come lo show si basasse sula derisione di chi le corteggia e l'"orrore" suscitato nel rivelare a bruciapelo il suo "segreto" ai concorrenti.
A costo di fare spoiler (ossia di rivelare dettagli sul proseguo del reality) va detto che anche l'epilogo pare confermare questa tesi: l'entusiasmo del vincitore si è volatilizzato alla rivelazione di Miriam e, nonostante in un primo momento avesse accettato di fare ugualmente la crociera premio con lei, non si è presentato alla partenza. Anzi, tutti e sei i concorrenti hanno fatto causa all'emittente e hanno portato psicologi e periti di parte davanti alla Corte di giustizia inglese sostenendo di aver subito gravi traumi psicologici per aver avuto contatti fisici con quella che pensavano essere una donna. Il tutto si è concluso con un risarcimento di 125mila sterline cadauno da parte di Sky One.
Come se ciò non bastasse, si è anche scoperto che Miriam Rivera era un'escort ad ore, quasi a voler sostenere l'indegna tesi che per i transessuali non esistano sbocchi professionali diversi dalla prostituzione.
A quanto pare, a nove anni dalla produzione, la rete femminile di Mediaset ha pensato bene di riproporre al pubblico italiano quella serie (a cui, fortunatamente, non sono seguite altre edizioni).

Video: [1]


Soldati inglesi nudi per solidarietà ad Harry

Pubblicato il


In Inghilterra non accennano a placarsi le polemiche dopo la diffusione di alcuni scatti che ritraggono il principe Harry nudo a Las Vegas.
Per evitare nuove fughe di foto o di indiscrezioni, il principe 27enne si è trovato costretto a chiudere il proprio account su Facebook (dove era registrato sotto lo pseudonimo di Spike Wells ed aveva 400 amici), così come han dovuto fare anche gli amici che l'hanno accompagnato nel suo viaggio statunitense. Pare anche che la sua ragazza l'abbia momentaneamente scaricato sentendosi «umiliata» e nell'esecito c'è chi chiede il suo allontanamento da parte della famiglia reale.
Eppure non tutti la pensano così. Persino lo stesso Rupert Murdoch (il magnate che era ricorso ad una controfigura per realizzare uno scatto da pubblicare sulla prima pagina del Sun) è intervenuto su Twitter per chiedere di lasciarlo in pace: «Dategli una tregua -ha scritto- sarà pagato dallo Stato ma il pubblico lo ama così com'è».
Ora su Facebook anche alcuni militari ed ex militari inglesi in missione in Afghanistan (e successivamente anche qualche civile) sono scesi in campo per prendere le difese del principe, attraverso la realizzazione di un gruppo nel quale raccogliere le loro foto mentre esprimono la propria solidarietà posando nudi (sempre coprendosi le parti basse, così come nelle foto che riguardano Harry). Al momento l'iniziativa conta quasi 9 mila iscritti e non si sono fatte attendere anche le prime polemiche, come nel caso del militare che si è visto ordinare da un superiore la rimozione della propria foto dal gruppo.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Iva Zanicchi fra le firmatarie del documento Pdl

Pubblicato il


Iva Zanicchi è stata una cantante, una conduttrice televisiva ed ora un'eurodeputata fra le fila del Popolo della Libertà. Stando a quanto denunciato su Facebook da Aurelio Mancuso, sarebbe anche una delle firmatarie del documento Pdl contro ogni forma di legalizzazione delle unioni gay: «Iva Zanicchi -si legge nel suo messaggio- ha firmato oggi l'orribile documento dei parlamentari Pdl contro il matrimonio e le unioni civili gay, un testo omofobo e pieno di bugie... Nel 2010 ha ricevuto il Pegaso d'Oro dall'Arcigay, spero gli venga rapidamente ritirato, al netto di divisioni e polemiche interne, ne va della dignità di tutti i gay e lesbiche d'Italia sulla cui difesa tutte e tutti dobbiamo essere d'accordo».
Nel 2010, in occasione della sua premiazione, l'Arcigay l'aveva definita «da sempre amica della comunità omosessuale italiana, ha dato netta testimonianza di sensibilità verso le problematiche omosessuali e la battaglia per i diritti gay nell'interpretazione di Liliana, mamma di un omosessuale Enrico e del compagno Pablo convolati a giuste nozze gay in Spagna, nella serie tv "Caterina e le sue figlie"». Veniva inoltre dato rilievo anche alla sua riposta a Povia dopo le polemiche di Sanremo: «Se uno nasce omosessuale, non è una malattia, è una condizione e uno rimane omosessuale tutta la vita, e va bene. Io sono attorniata da omosessuali e mi trovo benissimo».
Malumori nei suoi confronti erano nati già l'anno seguente, in seguito ad una sua dichiarazione contro le giornate dell'orgoglio gay: «Io non ho nulla contro i gay, che meritano rispetto. Io ho tanti amici gay e non ho mai avuto problemi. Ma sono contraria a quella carnevalata che sono i gay pride una inutile e dannosa ostentazione che va contro gli stessi interessi dei gay i quali si auto discriminano. Credo che i cattolici debbano sempre pregare per tutti, ed una preghiera in particolare la rivolgo e va rivolta ai gay, perché possano trovare se lo vogliono, la retta via». Poi cercò di chiudere le polemiche dicendo essere stata mal interpretata.


Umberto II era gay? Il nipote querela gli storici

Pubblicato il


Umberto II di Savoia è entrato nella storia come ultimo re d'Italia e per aver regnato solo 36 giorni (dal 9 maggio al 18 giugno del 1946). Alcuni storici, però, l'hanno ricordato per un altro motivo, inserendolo nell'elenco dei gay famosi pubblicato sul "Dictionnaire des Chefs d'Etat homosexuels ou bisexuels" dell'editore francese Béziers H&O.
Voci riguardanti il suo orientamento sessuali non sono una novità, ma l'ex famiglia reale pare non aver gradito vederli scritti nero su bianco. Ai microfoni di KlausCondicio, il principe Emanuele Filiberto ha tuonato: «Chiederò il sequestro del volume e un maxi risarcimento danni perché infanga la memoria di mio nonno con volgarissimi pettegolezzi. Con la famiglia stiamo valutando anche una maxi querela per diffamazione».
Il principe ha contestato anche alcune ricostruzioni storiche, etichettando come un falso storico il dossier sull'omosessualità del re che sarebbe stato richiesto da Mussolini: «Nel libro si dice tra l'altro che anche Mussolini era a conoscenza dell'omosessualità di Umberto II e che, per questo, lo faceva seguire e intercettare telefonicamente. Questa cosa mi è stata confermata da mia nonna, ma il vero motivo era un altro: il Duce temeva l'influenza del re e della regina e aveva paura che facessero amicizia con gli antifascisti».
L'altro punto espressamente contestato riguarda un presunto flirt del nonno: «L'autore del dizionario poi parla addirittura di un presunto flirt di mio nonno con Luchino Visconti, che a sua volta lo avrebbe quasi confessato pubblicamente nella sua autobiografia. Io posso dire con convinzione che sono delle calunnie vergognose».
Emanuele Filiberto ha voluto precisare anche che le sue contestazioni alle ricostruzioni storiche non sono motivate dall'omofobia: «Proprio perche sono a favore delle unioni gay e contro le discriminazioni sessuali, devolverò interamente alla lotta contro l'omofobia e all'Arcigay la cifra che la mia famiglia eventualmente otterrà in seguito alla vittoria del contenzioso».


Zeb Ringle

Pubblicato il


Zeb Ringle nasce il 15 febbraio 1987 a Cottonwood, in Arizona (Stati Uniti). Divenuto modello, inizia a lavorare con alcune agenzie come la Major Model Management, la LA Models e la Soul Artist Management di New York (con la quale è sotto contratto dal 2011).
Tra i suoi lavori non passano inosservate le campagne pubblicitarie realizzate per alcune marche di intimo e di costumi da bagno, a cui si affiancano le copertine di prestigiose riviste internazionali come "Sensitif", "ReFresh" ed "M".
Zeb è indicato anche come uno dei modelli preferiti da fotografi del calibro di Scott Hoover, Rick Day, Greg Vaughn e Kevin McDermott.
Tra i suoi maggiori interessi ci sono anche il sollevamento pesi, la musica, i viaggi e la famiglia.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14]


Alessio Cuvello è Mr Gay Italia 2012

Pubblicato il


Il 24enne Alessio Cuvello si è aggiudicato il titolo di Mister Gay Italia, battendo gli altri 16 contendenti nel corso della finale tenutasi venerdì al Mamamia di Torre del Lago.
Originario di Palermo, a 19 anni si è trasferito a Milano dove oggi lavora come personal trainer e ragazzo immagine. I suoi nonni l'hanno cacciato di casa a causa del suo orientamento sessuale ed Alessio ha sulle spalle anche un matrimonio durato 4 anni e dal quale è nato anche suo figlio, un bambino che oggi ha tre anni. Nonostante il primo abbraccio dopo l'investitura sia stato riservato al fidanzato, Alessio ha dedicato il titolo all'ex moglie e al figlio, i quali lo hanno sostenuto per tutto il concorso, a partire dalle selezioni regionali.
«Il vincitore di questa edizione -ha dichiarato il patron del concorso e direttore di Gay.it, Alessio De Giorgi- rappresenta le molte sfaccettature del mondo gay perché in una sola persona sintetizza il ruolo di padre, fidanzato e figlio, portando alla ribalta il tema dei genitori gay, orgogliosi di esserlo. Una realtà che in Italia conta migliaia di persone».
Nel sorso della serata il titolo di "Mister Gay Giovani" è stato assegnato al 20enne romano Christian Paoloni, quello di "Mister Gay Convinto" al 32enne torinese Roberto Puppio e quello di "Mister Gay Sorriso" al 21enne di San Cesareo di Lecce a Federico Grande. Infine il 22enne colombiano Alejandro Lorenzin è il concorrente che si è aggiudicato il premio messo in palio dagli sponsor.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] - Video: [1]


Il sedere di Channing Tatum

Pubblicato il


In queste ore sta spopolando su Internet una nuova immagine tratta dal backstage di "Magic Mike" che ritrae il lato b di Channing Tatum. Neppure il fatto che si tratti di uno scatto che si riferisce ad una sequenza inclusa nel trailer ufficiale del film pare aver smorzato l'entusiasmo dei suoi fans, un po' come se le forme perfette dell'attore fossero un evergreen sempre degno di attenzioni. E non certo per mancanza di materiale.
Documenti della sua attività da stripper (intrapresa sotto lo pseudonimo di Chan Crawford quando era poco più che diciottenne) sono sopravvissuti agli anni e sono giunti sino a noi. E non mancano altre immagini dove Channing si è mostrato generosamente, riconducibili sia alla sua attività di modello, sia a quella di attore (come nel caso dei fotogrammi che hanno immortalato il suo lato b in "La memoria del cuore").
Nella gallery di fine post potrete ripercorrere alcuni degli scatti più sexy che lo riguardano.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] - Video: [1] [2] [3]


Il video hard di Chris Crocker

Pubblicato il


Ricordate Chris Crocker? Il ragazzo divenuto celebre dopo la pubblicazione di un video nel quale si mostrava mentre singhiozzava dopo aver letto le critiche sulla performance della sua beniamina, Britney Spear, agli MTV Awards di quell'anno?
Forse ricorderete anche che era tornato a far parlare di sé con la pubblicazione su Internet di alcuni suoi scatti in cui si mostrava senza veli. Immagini sempre più esplicite culminate con l'annuncio di voler realizzare un vero e proprio film a luci rosse.
Parole a cui non erano mai seguiti i fatti, perlomeno sino ad oggi. Sul suo blog, infatti, ha fatto la sua comparsa un video nel quale Chris si mostra mentre fa sesso esplicito con Justin, il suo ragazzo (qui il link al post, solo per maggiorenni). Il tutto con una struttura simile a quella di un teaser, ossia di un'anticipazione che si interrompe dopo aver creato aspettative. Nel caso specifico l'immagine sfuma lasciando spazio alla scritta "Chi vuole un porno di Chris Crocker?" seguita da un'immagine che lo mostra abbracciato insieme al proprio fidanzato.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]


Henry Cavill

Pubblicato il


Henry Cavill (all'anagrafe Henry William Dalgliesh Cavill) nasce il 5 maggio 1983 a Jersey, in Inghilterra.
Quarto di cinque fratelli, studia recitazione alla Stowe School una volta terminati gli studi elementari. Inizia così a prendere parte ad alcuni spettacoli teatrali, dapprima a livello scolastico e poi anche con ruoli di rilievo. In alcune interviste ha successivamente dichiarato che se non se non fosse diventato attore, probabilmente avvarrebbe ripiegato sulla carriera militare o sullo studio dell'egittologia.
Il suo esordio cinematografico avviene nel 2001 all'interno del film "Laguna" diretto da Dennis Berry, a cui l'anno successivo segue il ruolo di Albert Mondego nel film "Montecristo" di Kevin Reynolds. Il 2004 è la volta di "Red Riding Hood (Cappuccetto Rosso)", seguito nel 2005 da "Hellraiser: Hellworld" e nel 2006 da "Tristano e Isotta".
Nel 2007 ottiene fama e popolarità grazie al ruolo di ruolo di Charles Brandon nella serie televisiva "I Tudors".
Il successo ottenuto lo porta ad aggiudicarsi una parte nel fantasy "Stardust" e ad essere scelto come testimonial del profumo Dunhill Fragrances (dalla cui campagna è tratta l'immagine di apertura). Nel 2009 Woody Allen lo vuole al suo fianco nel film "Basta che funzioni", mentre nel 2011 è Teseo nel film "Immortals".
Sempre nel 2011 viene scelto dalla Warner Bros per interpretare il personaggio di Superman nel film "L'uomo d'acciaio" diretto da Zack Snyder.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11]


Il Principe Harry nudo a Las Vegas

Pubblicato il


Non è la prima volta che il principe Harry, terzo in linea di successione al trono del Regno Unito, è fonte di imbarazzo per la famiglia reale.
Nel 2002 ammise di fumare mariujiana, nel 2005 si vestì da nazista ad una festa in costume e nel 2009 girò un video apostrofando con un termine razzista un suo compagno di corso all'accademia militare.
Ora, mentre si trovava a Las Vegas, ha fatto nuovamente parlare di sé. Il principino, infatti, si è cimentato in una partita di strip biliardo fino a rimanere completamente nudo. Le ragazze che stavano giocando con lui, seppure svestite nello stesso modo, non si sono astenute dallo scattare qualche foto e un paio di queste sono finite nelle mani del sito scandalistico TMZ che le ha immediatamente pubblicate.
Quelle immagini hanno immediatamente fatto il giro del mondo, eccezion fatta per il Regno Unito: nonostante la loro autenticità sia stata confermata da un portavoce del principe Carlo, pare che il palazzo reale abbia fatto pressing su tutti i quotidiani nazionali per evitarne la pubblicazione. L'unica eccezione è rappresentato dal "Sun", anche se la foto da loro pubblicata non è quella vera: il quotidiano britannico, infatti, ha deciso di ricorrere ad un piccolo "trucco", pubblicando l'immagine di un sosia è stato immortalato nella stessa posizione dell'originale all'interno degli uffici del giornale (foto).

Immagini: [1] [2]


Da gennaio riprenderà "Fisica o chimica"

Pubblicato il


Una buona notizia per tutti i fan di "Fisica o chimica": la serie tornerà ad essere trasmessa su Rai 4 a partire dal prossimo gennaio.
La sua programmazione era stata bruscamente interrotta lo scorso marzo dal Cda dell'azienda dopo le proteste dei cattolici dell'Aiart (a cui il quotidiano Libero aveva offerto pieno appoggio) che lamentavano la presenza di storie legate a sesso e droga e «scene dirette che inducono i giovani al sesso spinto e all'omosessualità».
A nulla erano valse le proteste di Carlo Freccero, il direttore di rete, che aveva sottolineato come la serie avesse valenza pedagogica anche nell'affrontare temi "scomodi" ma vicini al mondo giovanile.
Ora è lo stesso direttore a confermare il ritorno della serie a partire dal gennaio 2003: presentando il palinsesto di rete al settimanale "Sette" ha affermato: «Da gennaio tornerà sicuramente "Fisica o Chimica", dopo il casino che è successo».


CJ Richards

Pubblicato il


CJ Richards nasce nel 1988 a New York (Stati Uniti). La sua carriera da modello ha avuto inizio quando un talent scout ha notato alcune fotografie pubblicate sul suo profilo di My Space. Ben presto inizia a ricevere proposte di lavoro da varie agenzia europee e di New York. Un'occasione, questa, che gli permetterà anche di viaggiare in lungo e in largo per il Vecchio Continente.
La consacrazione della sua carriera e la notorietà internazionale arrivano grazie ad alcuni scatti realizzati per una campagna pubblicitaria di Abercrombie and Fitch.
Nel 2009 firma un contratto con la Elite Models di Chicago, attraverso la quale CJ Richards sta continuando a raggiungere grandi traguardi professionali.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]


Alberto Gestoso

Pubblicato il


Alberto Gestoso è un modello di Madrid la cui popolarità è principalmente legata ad un servizio fotografico nel 2010. In quell'occasione, infatti, Alberto era stato scelto dalla spagnola ES per promuovere una loro nuova linea di costumi da bagno chiamata "Addicted".
Ad immortalarlo il fotografo Joan Crisol, che ce lo presenta sudato, sexy e con un pittoresco muro cadente alle spalle. Premesse più che sufficienti a catturare l'attenzione del pubblico e a far sì che quelle immagini rimbalzassero di blog in blog donando visibilità internazionale al modello.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] - Video: [1]


Wes Ykema

Pubblicato il


Wes Ykema ha 26 anni e vive a Cleveland, in Ohio (Stati Uniti). Laureatosi nel 2008 in ingegneria meccanica presso il Grove City College (Pennsylvania), inizia a lavorare full time come ingegnere. Ciò nonostante, non ha dimenticato le esperienze da modello avute in precedenza come lavoro estivo: «Posare è qualcosa che mi piace -ha affermato- ed essere pagato per divertirsi è il lavoro perfetto». Premesse più che sufficienti a spingerlo alla decisione di proseguire anche quella professione nel suo tempo libero.
Wes è alto 188 cm, pesa 78 chili e nel portfolio vanta esperienze come modello di moda, di intimo, di fitness e di nudo.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]


Julian Gabriel Hernandez

Pubblicato il


Julian Gabriel Hernandez è un modello di fitness che ha esordito in quel ruolo solo recentemente, riscuotendo sin da subito grande attenzione ed apprezzamento. Non è dunque un caso se a rappresentarlo è un'agenzia fra le più prestidiose come la Elite Model Management di Miami.
Nato a Miami Springs, in Florida (Stati Uniti), ha frequentato l'università Central Florida di Orlando dal 2007 al 2011 ed attualmente studia anche legge presso la Nova Southeastern University di Davie (Florida, Stati Uniti).
Parla spagnolo e inglese e conosce il latino.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Corey Saucier

Pubblicato il


Corey Saucier nasce il 19 maggio 1988 ad Houston, in Texas (Stati Uniti). Cresce a Spring, un sobborgo delle città natale, dedicandosi a numerose attività sportive (come football, baseball e basket).
Una passione per lo sport coltivata fino al suo primo anno di college, quando decide di concentrare i propri sforzi principalmente sullo studio con l'obiettivo di diventare un manager aziendale.
Passati tre anni, però, sceglie di seguire il consiglio di alcuni suoi amici ed accantona momentaneamente gli studi per tentare una carriera da modello.
E così, comprato un biglietto per New York, inizia la sua nuova avventura nella grande mela e tramite la AIG model management entra in conttatto con le più prestigiose agenzie della città. Tra loro anche la DNA model management, con la quale Corey vive un'esperienza talmente positiva da portarlo a sceglierla in maniera permanente. Con loro realizza i servizi fotografici apparsi su riviste come "Out", "The Advocate" e "YVY Mag" ed entra in contatto con fotografi del calibro di Greg Lotus, Eric Schwabele Jeremy Kost.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7]


Evelyn Hooker e la svolta nel pensiero scientifico

Pubblicato il


Evelyn Hooker (1907-1996) è una psicologa statunitense divenuta nota soprattutto grazie ad un suo studio del 1957 dal titolo "The adjustment of the male overt homosexual" (L'adattamento psicologico del maschio omosessuale dichiarato). È da quell'opera che è nato il dibattito che portò l'American Psychiatric Association a cancellare l'omosessualità dalla lista delle malattie mentali nel 1973.
Per condurre il suo studio la Hooker aveva più volte sottoposto a test psicologici alcuni soggetti omosessuali ed eterosessuali, chiedendo poi ad esperti del settore di tentare di riconoscere l'orientamento sessuale sulla base dei soli risultati del test. Quest'ultimi non riuscirono ad identificarne con una percentuale superiore a quella dettata dal caso, dimostrando che, contrariamente a quanto sostenuto dalla psicologia e la psichiatria dell'epoca, i gay non sono meno psicologicamente adattati del resto della popolazione.
Conseguentemente la studiosa tentò di affossare anche la diffusa teoria che l'omosessualità fosse "una scelta", sostenendo che, data l'assenza di alterazioni nella capacità di giudizio, i soggetti avrebbero probabilmente optato per la via più semplice dell'eterosessualità.
La Hooker contestò anche le modalità con cui i precedenti studi erano stati condotti, sottolineando come si prendessero in esame solo "casi clinici" (nei quali i soggetti presi in esame erano di per sé psicologicamente disturbati) e si confrontassero i risultati con quelli della popolazione non-clinica, ottenendo necessariamente riscontro di percentuali di disagio mentale significativamente superiori. La rivoluzione del suo studio, infatti, fu proprio l'aver scelto un campione di omosessuali che si accettavano come tali, confrontandoli poi con eterosessuali anch'essi privi di problemi clinici.
Ripetute verifiche indipendenti dei suoi risultati portarono alla cancellazione dell'omosessualità dalla lista delle malattie mentali segli Stati Uniti e, successivamente, in numerosi altri Paesi (compresa l'Italia).


Jimmy Fanz

Pubblicato il


L'esordio di Jimmy Fanz nel mondo della pornografia gay risale a meno di un anno fa. Alternando ruoli da attivo e da passivo, prende parte ad alcuni filmati destinati al mercato Internet per conto di Bait Buddies, Morgan Shades, Gay Room, Circle Jerk Boys, Dominic Ford, Men Over 30 e (al fianco di Tristan Jaxx) in un video di Bound in Public.
Ad aprile del 2012 firma un contratto di esclusiva con la Raging Stallion e la Falcon Studios. Per loro conto partecipa ai film "Fucked Down" e "Knockouts & Takedowns", nonché ad una serie di eventi live organizzati su Internet dalla casa di produzione.
Jimmy si definisce un ragazzo timido e tranquillo. Ha aspirazioni nel mondo della musica (suona la chitarra e l'armonica) di cui ne ama tutti i generi di musica, con particolare attenzione verso il vecchio rock, il rap ed il dub-step.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6]


Jason Hawke

Pubblicato il
Jason Hawke

Jason Hawke (conosciuto anche con i nomi di Jason Hawk e Jay Heiss) nasce il 14 febbraio 1979 a Schwetzingen, in Germania.
Nel 2000 si trasferisce a Venice Beach, in California, e qui viene avvicinato da un talent scout che gli propone di lavorare come attore pornografico gay: Jason accetta e ben presto esordisce nel film "Lords of Jet Set Manor" prodotto dalla Jet Set Productions.
Dopo aver ripetuto l'esperienza in un altro film della stessa casa di produzione, incontra la regista Chi Chi LaRue e la sua carriera inizia a decollare. Continuerà a lavorare nell'industria dell'intrattenimento per adulti sino al 2006, prendendo parte ad una settantina di film con ruoli dia da attivo che da passivo. Nel 2001, nel 2002 e nel 2003 ha ricevuto una nomination ai Grabby Awards e nel 2002 anche una per i GayVN Awards.
Nel 2004 il fotografo Timothy lo include all'interno dellibro "XXX: 30 Porn Star Photographs", immortalandolo insieme alla pornostar Jeremy Jordan (foto).
Tra il 2007 e il 2011 alcune delle sue performance sono state riproposte all'interno di ben quattordici compilation realizzate da All Worlds, Falcon, Jet Set, Studio 2000 e Sunshine Films.


Leggi tutto il post »

Michael Phelps per Louis Vuitton

Pubblicato il


Grazie agli ori conquistati ai Giochi Olimpici di Londra, Michael Phelps è diventato l'atleta più titolato nella storia delle Olimpiadi moderne. Grazie alle sue 22 medaglie complessive ha superato il primato delle 18 medaglie olimpiche precedentemente detenuto dalla ginnasta sovietica Larisa Latynina.
Alla vigilia dei giochi aveva già annunciato la sua intenzione di ritirarsi dall'attività agonistica al termine degli stessi. Ed è così che, a pochi giorni di distanza, già lo ritroviamo in un ruolo per lui inedito. Phelps è infatti il testimonial della nuova campagna pubblicitaria di Louis Vuitton.
Gli scatti che lo riguardano sono due: in uno è in una vasca da bagno con costume ed occhialini da nuovo (nonché una borsa griffata al posto della consueta sacca), nell'altro lo si vede chiacchierare con Larisa Latynina, l'ex ginnasta sovietica che deteneva il record di medaglie conquistate.
Per il futuro, invece, Phelps ha già firmato un contratto per entrare a far parte della squadra di "The Honey Project", un reality show in onda su Golf Channel.

Immagini: [1] [2]


Buon Ferragosto!

Pubblicato il


L'estate è ormai entrata nel vivo e per molti Ferragosto è l'occasione per dedicarsi a feste in spiaggia, grigliate con gli amici o per concedersi un po' di relax. Ma quanto ne sapete realmente di questa festa?
Per provare a dare una risposta ecco che arriva in nostro aiuto il Quizzone di Ferragosto, un quiz di dieci domande per verificare la propria conoscenza o per scoprire qualche nuova curiosità.
Per ogni risposta esatta si guadagneranno cento punti e al termine si potrà scoprire quanti dei mille punti in palio ci si sarà riusciti ad aggiudicare.
Buon divertimento e buon Ferragosto!

Clicca qui per giocare con il quizzone


Andrey Tzarevich

Pubblicato il


Su richiesta di un lettore, proviamo ad occuparci del modello russo Andrey Tzarevich. Anche se le sue immagini sono state pubblicate su blog di mezzo mondo, le notizie che è possibile reperire sul suo conto sono poche e frammentarie.
Tzarevich è un istruttore di fitness e bodybuilding. Ha conquistato una medaglia di bronzo nei carpionati del Nord-Ovest di quelle due discipline e vanta molto altri premi dell'Europa orientale. Grazie grazie al suo fisico scolpito, ha lavorato anche come modello.
Il suo nome ha iniziato a diventare noto all'esterno dei confini della Federazione Russa nel 2011, grazie ad alcuni suoi scatti pubblicati sul numero pilota di "Coverboy" (clicca qui per sfogliarlo), una rivista dedicata alle fotografie di alcuni tra gli uomini più belli e sexy della Russia.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Emis Killa dice di non essere omofobo (ma nei testi delle sue canzoni vorrebbe uccidere i gay)

Pubblicato il


Il settimanale Vanity Fair ha intervistato qualche giorno fa il rapper Emis Killa e non si è trattenuto dal chiedergli un parere sulle nozze gay. D'altra parte come si potrebbe sopravvivere senza conoscere l'opinione sull'argomento di uno che nella stessa intervista ha dichiarato che «Ho iniziato a farmi le canne a 11 anni, a 15-16 sono passato a spacciare, rubare i motorini. [...] Fermare la gente e puntargli il collo di una bottiglia di vetro alla gola per farsi dare l'iPod o i soldi».
Fatto sta che Killa ha risposto: «Né pro né contro. Ognuno faccia quello che vuole. Non devo essere io a decidere su queste cose. Sono contrario all'adozione, invece, non la capisco. Una presenza femminile è importante per il bambino. Non è bello crescere senza una mamma. La mamma è sempre la mamma».
Dopo la sua risposta, su Facebook c'è chi l'ha accusato di essere omofobo. Un'accusa a a cui il rapper ha risposto con un messaggio affidato Twitter, nel quale affermava di non essere il alcun modo omofobo e nel quale etichettava come «sfigati» chi lo aveva criticato.
Anche se il negare sempre e comunque sembra ormai diventato uno sport nazionale, basta dare uno sguardo ai testi delle sue canzoni per capire il perché di certe critiche. Ad esempio nel brano intitolato "Milano", dice: «I ricchi*ni che si fanno in strada e vorresti ammazzarli, fr*ci». Ed ancora, in "Broken Dolls": «Si ficcasse l'arco in cul* e diventasse fr*cio» e in "Riempimi le tasche": «Sei un brutto fr*cio si sgama quando mangi il gelato col cono».
Siamo sicuri che gli «sfigati» siano proprio quelli che trovano inutile chiedere opinioni a chi scrive certi testi anziché chi istiga alle aggressioni per poi dichiararsi non omofobo solo per proprio tornaconto?


Miguel Ortiz è Mr Gay Europa 2012

Pubblicato il


È lo spagnolo Miguel Ortiz ad essersi aggiudicato il titolo di Mr Gay Europa 2012. A contendersi il titolo alle finali, svoltesi l'11 agosto scorso a Roma, ventuno partecipanti.
La giuria ha deciso di premiare il diciannovenne di Siviglia non solo per la bellezza fisica, ma anche la sua ironia ed intelligenza. A lui, infatti, sarà affidato il compito di viaggiare per l'Europa come testimonial di varie cause lgbt.
Miguel ama leggere, andare al cinema e praticare canottaggio. Non appena indossata la fascia, ha subito espresso la sua voglia di battersi contro l'omofobia e per la difesa dei diritti della comunità gay.
Al secondo posto si è classificato il maltese Steve Grech, seguito sul gradino più basso del podio dall'italiano Nicholas Menna.
Un'altra grande sorpresa della serata è stata la nomina del ventinovenne italiano Giulio Spatola, detentore uscente del titolo, a Vice Presidente di Mr Gay Europe. «Ho avuto un anno meraviglioso come Mr Gay Europa -ha dichiarato Spatola- e la possibilità di continuare a collaborare all'interno dell'organizzazione è un onore. Non vedo l'ora di lavorare con il nuovo Mr Gay Europa».

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32] [33] [34] [35] - Video: [1] [2] [3]


Hollister apre in Toscana

Pubblicato il


Sabato 18 agosto, presso il centro commerciale "I Gigli" di Campi Bisenzio (FI), verrà inaugurato il primo negozio Hollister della Toscana.
Si sa che uno degli aspetti più caratteristici e folcloristici della catena californiana sono i commessi-
modelli che lavorano al suo interno, motivo per cui non è tardato l'annuncio che conferma la presenza presso il punto vendita dei caratteristici ragazzi a torso nudo e costume da bagno rosso.
Le altre caratteristiche del negozio saranno quelle di sempre: luce soffusa, musica ad alto volume e modelli all'ingresso per l'accoglienza dei clienti.
Il negozio aprirà alle 9 del mattino e sarà possibile seguire l'evento in diretta su Internet attraverso la pagina Facebook di Hollister.

Immagini: [1] [2] [3] [4]


Ryan Guzman in Step Up 4

Pubblicato il


Uscirà ad ottobre nelle sale italiane il film "Step Up 4 Revolution 3D", quarto episodio della saga cinematografica che, con il suo primo capitolo, nel 2006 ha consacrato al successo l'attore Channing Tatum.
A vestire i panni di Sean, un giovane ballerino acapo di una crew di flash mob dallo stile molto innovativo, troveremo Ryan Guzman.
Ryan nasce il 21 settembre 1987 ad Abilene, in Texas (Stati Uniti), da un padre di origine messicana ed una madre italo-americana. Da giovane si trasferisce a Sacramento, in California, nella città nativa della madre e qui frequenta il Sierra College.
Nel 2009 inizia a lavorare come modello per una linea di biancheria intima della Calvin Klein, firmando successivamente un contratto con l'agenzia Look Model. Questo film rappresenta per lui l'esordio come attore cinematografico.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12]


Si sono chiuse le Olimpiadi di Londra

Pubblicato il


Con una cerimonia tutta incentrata sulla musica si sono chiusi i XXX Giochi Olimpici dell'era moderna. Ad animare lo show di chiusura anche gli Who, i Take That, le Spice Girls, i Queen, Jessie J, il rapper Tinie Tempah, Annie Lennox e tanti altri artisti.
Dal punto di vista del medagliere, gli Stati Uniti si sono classificati al primo posto, battendo la Cina con 46 ori a 27 e 104 medaglie totali contro 87. L'Italia è all'ottavo posto della classifica, con 28 medaglie (8 ori, 9 argenti e 11 bronzi).
Per quanto riguarda gli atleti dichiaramene gay in gara, ben nove di loro hanno portato a casa una medaglia. L'oro è stato conquistato dal britannico Carl Hester (equitazione), dalla statunitense Megan Rapinoe (calcio), dalla statunitense Seimone Augustus (pallacanestro femminile) e dalle olandesi Marilyn Agliotti, Carlien Dirkse van den Heuvel e Maartje Paumen (tutte e tre parte della squadra olandese di hockey su prato). La tedesca Judith Arndt (ciclismo) si è aggiudicata una medaglia d'argento, mentre l'olandese Edward Gal (equitazione) e la statunitense Lisa Raymond (tennis, doppio misto) hanno conquistato quella di bronzo.
L'appuntamento con i prossimi giochi olimpici è tra quattro anni a Rio de Janeiro.
In conclusione, all'interno della gallery di fine post, alcuni dei volti che ci hanno accompagnato nel corso di Londra 2012.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10]


Matthew Mitcham non abbandonerà le gare

Pubblicato il


Una buona notizia per tutti i fan di Matthew Mitcham. Eliminato per un soffio durante la semifinale di tuffo dalla piattaforma 10m alle Olimpiadi di Londra, l'atleta australiano ha deciso di non abbandonare le gare.
Al Sydney Morning Herald il 24enne gay ha dichiarato: «Prima di venire a Londra avevo praticamente deciso che questa sarebbe stata la mia ultima Olimpiade. Stavo per andare in pensione a causa di tutte le varie lesioni riportate e per vari altri motivi.
Le Olimpiadi sono una delle esperienze più fantastiche che si possano vivere e non voglio perderne un'altra, a prescindere dalla disciplina. Qualsiasi cosa riguardi i tuffi, anche dal trampolino o altro, io sarò a Rio, non importa in quale disciplina».
Data la sua esperienza con il tuffo da trampolino di 1, 3 e 10 metri, l'ipotesi dei tre metri pare la più plausibile.
«Ho iniziato a discutere con Chava, il mio allenatore, riguardo a questa possibilità -ha dichiarato Mitcham- non ho alcuna intenzione di prendersi una vacanza una volta tornato a casa. Sto tornando in Australia per iniziare a lavorare subito sulla forza necessaria per gareggiare nel tuffo da trampolino»

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8]