Corte Suprema Usa: «Il DOMA è incostituzionale»



Dopo tre mesi di discussione, la Corte Suprema degli Stati Uniti si è finalmente espressa: il DOMA (Defense of Marriage Act) è incostituzionale.
La legge, approvata nel 1996, abrogava il vincolo di reciprocità che lega gli stati americani in materia di matrimoni gay, permettendo che le unioni celebrate in alcuni stati possano non essere riconosciute da altri.
Nel febbraio del 2011 Obama ha preso posizione contro la norma, definendola «ingiusta e incostituzionale» ed appoggiando apertamente quanti hanno fatto ricorso ai giudici per il mancato riconoscimento del proprio matrimonio.
La sentenza, giunta con qualche giorno di ritardo sulle aspettative, ha visto cinque giudici contro quattro votare a favore della tesi secondo cui la norma è in violazione del quindo emendamento sulla difesa delle libertà individuali di ciascun cittadino (così come argomentato nelle 77 pagine della sentenza, tutte già consultabili direttamente dal sito della Corte).

3 commenti