Una panoramica sul mondo



Brasile. Una Commissione parlamentare ha approvato (17 contro 5) un progetto di legge volto a definire la famiglia come unione tra un uomo ed una donna. La votazione va contro la decisione presa nel 2011 del Supremo Tribunale Federale che ha riconosciuto la validità delle unioni civili tra persone dello stesso sesso. Nel 2013 il Consiglio Supremo della Magistratura ha ordinato che tutti i giudici dovessero celebrare matrimoni anche per le persone dello stesso sesso.

Grecia. Il viceministro Dimitris Kammenos (in quota al partito Anel) è stato costretto a dimettersi dopo essere stato in carica solo 12 ore a causa di alcuine frasi omofobe e antisemite. Aveva definito «schifoso» il pride, aveva apostrofato le perone lgbt con frasi volgari e aveva minacciato azioni di violenza nei confronti delle parate dell'orgoglio gay.

Germania. Per l'ennesima volta, il Bundesrat ha approvato il matrimonio egualitario. Il Bundesrat non è propriamente una delle due camere del Parlamento tedesco (Bundestag) ma un organo che viene chiamato in determinate situazioni a prendere una posizione (ad esempio se la Merkel vuole introdurre una legge, essendo lei Cancelliera, la deve far passare dal Bundesrat per prima cosa e poi per il Bundestag). Perché anche in Germania ci possa essere il matrimonio egualitario è necessaria l'approvazione del ddl dal solo Bundestag se la proposta è di iniziativa parlamentare, se è di iniziativa governativa prima ci dovrà essere il voto del Budensrat e poi quello del Budenstag.

Stati Uniti. Un'insegnante dell'Oklahoma ha ordinato ad un bambino mancino di 4 anni di scrivere con la mano destra, sostenendo che quella sinistra sia quella di Satana.
È scientificamente provato che un contrasto del mancinismo nelle prime fasi dello sviluppo può arrecare danni, anche gravi, alla strutturazione dell'attività motoria e possono manifestarsi interferenze con l'organizzazione psicologica complessiva. Viene la pelle d'oca al pensiero che certe cose possano verificarsi ancora oggi, ma è la riprova di come l'integralismo cattolico sia in grado i danneggiare la vita dei bambini sulla base di mero pregiudizio.

Galles. 61 vescovi anglicani su 120 ha votato a favore della proposta per l'estensione del matrimonio alle coppie dello stesso sesso. È un passo in avanti, ma non vincolante. Affinché le coppie gay possano sposarsi in Chiesa è necessario un voto favorevole di due terzi delle tre camere della Chiesa: la Camera dei Vescovi, la Camera del Clero e la Camera del Laicato.
Attualmente il Clero ha registrato 26 a favore su 48 mentre il Laicato ha visto 32 favorevoli su 66. La Chiesa in Galles è la chiesa anglicana del Galles, separata dalla Chiesa d'Inghilterra. Non è più la Chiesa ufficiale del Galles dal 1920.

Nepal. Il parlamento del Nepal ha sancito la protezione delle persone lgbt nella propria Costituzione. È uno dei pochi Paesi al mondo ad aver compiuto un simile passo: prima di lui solo il Sud Africa e l'Ecuador avevamo scelto quella via.
All'inizio dell'anno, il Nepal aveva introdotto il terzo genera nei propri passaporti. Anche in questo caso si è trattato di una scelta pionieristica dato che solo l'Australia e la Nuova Zelanda prevedono la medesima possibilità.

Inghilterra. Il Principe William ha preso parte ad una lezione di contrasto al bullismo omofobico durante la sua visita all'Hammersmith Academy. Il futuro sovrano ha condannato l'omofobia e ha dato alcuni consigli agli studenti riguardo alla prevenzione del bullismo. È la prima volta che un membro della famiglia reale inglese si occupa direttamente della causa lgbt.

Jersey. Il Baliato di Jersey, un gruppo di isole della Manica ed un'entità amministrativa sotto la Dipendenza della Coronna Britannica, ha approvato il matrimonio egualitario con una votazione di 37 a 4.
1 commento