Scialpi operato al cuore. Il marito: «Per lo Stato sono un perfetto sconosciuto»



Ora sta bene. ma sono state ore di tensione per la salute del cantante Giovanni Scialpi. Giunto al pronto soccorso con un codice rosso legato ad un problema cardiaco, ha letteralmente rischiato di morire. I suoi battiti sono scesi sino a 35, e quando arrivano a 20 c'è l'arresto cardiaco.
Ma a rendere la situazione inaccettabile è il trattamento che i sanitari hanno riservato al marito. In queste occasioni i medici escono dai reparti per dare la diagnosi ai parenti ma, dato che l'italia non riconosce le unioni gay, nel suo caso c'è stato un silenzio totale. Il suo compagno poteva mporire da un momento all'altro e lui non ha potuto sapere nulla né parlare con un medico. Per lo stato italiano, lui non era alctro che un amico che non doveva essere considerato.
Ed è così che Roberto Blasi si è sfogato sui social network, sottolineando l'ovvia importanza di una legge sulle unioni civili. Ha dichiarato: «Giovanni in ospedale e io che sono suo marito, per la Sanità e per lo Stato, un perfetto sconosciuto! Ecco la situazione e l'importanza di far passare la legge sulle unioni civili; vorrei si trovassero loro in questa situazione».
Alfano e il mondo omofobo continuano infatti a ripetere che le unioni civili non sono una priorità per loro, eppure fatti simili simostrano inequivocabilmente come siano una priorità per chi rischia di morire solo come un cane soltanto perché Alfano non ha piacere nel veder riconosciuta la sua famiglia.
3 commenti