Un transessuale documenta la sua transizione scandandosi selfie per tre anni



Jamie Raines oggi ha 21 anni. Racconta che durante l'adolescenza non amava guardarsi allo specchio perché non si riconosceva nell'immagine che vedeva. Poi, al compimento del 18° anno d'età, ha iniziato ad assumere testosterone, ossia l'ormone che aiuta gli uomini transgender a cambiare il loro aspetto, la voce e il corpo.
Durante gli ultimi tre anni Jamie si è scattato un selfie ogni singolo giorno dell'anno. Le 1.400 fotografie realizzate sono state poi montate in un time-lapse video che potesse mostrare il suo percorso. «Volevo solo qualcosa per me, per documentare la mia transizione», racconta.
Il video, però, non è passato inosservato ad un produttore britannico di Channel 4 che l'ha voluto includere nel documentario "Girls to Men" che andrà in onda a partire da settimana prossima.
Il percorso di Jamie non è stato dei più rapidi e ci sono voluti quasi sei mesi prima che si iniziassero ad intravedere i primi risultati. Ora, per, può dire di sentirsi felice per l'immagine che vede allo specchio. Il tutto è stato reso possibile anche da una famiglia e da una ragazza che l'hanno supportato in tutto questo tempo. «Mia mamma pensa che ora sono come avrei dovuto essere -racconta- lei non si sente come se avesse perso una figlia, perché io sono la stessa persona per lei. Sono ancora il suo bambino, semplicemente ora io sono suo figlio».

Clicca qui per guardare l'incredibile video.
1 commento