Il fisico mozzafiato degli Showproject alla semifinale di "Tù Sì Que Vales"



Daniel Radovesnický, Martin Konečný, Artem Ghazaryan e Thomas Greifenstein. Sono loro i quattro componenti degli Showproject, i ginnasti che si sono esibiti ieri sera su Canale 5 durante la semifinale di "Tù Sì Que Vales. Eliminati dalla sfida conto i Black Blues, hanno abbandonato il programma a testa alta dopo aver dato prova della propria abilità attraverso una prova impeccabile e spettacolare.
Il gruppo (formato da due componenti tedeschi e due cechi, di età compresa fra i 22 e i 34 anni) ha sede in Germania e la loro abilità agonistica è confermata anche dai successi sportivi conquistati lontano dai riflettori del mondo dello spettacolo. Basta infatti frugare fra i loro profili social per apprendere che Martin Konečný ha preso parte alle Olimpiadi di Pechino mentre Daniel Radovesnický si sta allenando per quelle di Rio 2016.

Innegabile, però, è come a non passare inosservata sia anche la loro prestanza fisica. Esibitesi per la prima volta in Italia nel corso della puntata del 26 settembre, hanno ottenuto i tre «sì» dei giudici e dal 98% della giuria popolare. Ma la Venier non è riuscita a trattenersi da fare un velato complimento alla loro fisicità, affermando: «Complimenti per tutto, ma complimenti anche per... i jeans. Bontà loro, sono i jeans più belli che abbia mai visto».
Pare però che non sia l'unica ad aver apprezzato i loro "jeans" dato che lo scorso marzo i Black Blues hanno partecipato anche alle selezioni di "America's Got Talent" ed anche in quell'occasione il giudice Heidi si lanciò in un'ode ai loro pantaloni. E questo, forse, senza sapere che in altre circostanze gli Showproject si sono esibiti anche così.

Tornando alle loro esibizioni, qui e qui trovate i video delle loro partecipazioni a "Tù Sì Que Vales", qui quella ad "America's Got Talent" in cui si sono esibiti nella medesima coreografia poi presentata all'esordio italiano. Nella galleria fotografica potrete invece apprezzare i loro jeans.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32]
2 commenti