Vladimir Luxuria si racconta dalle pagine di Chi



Vladimir Luxuria si racconta dalle pagine di Chi. E se le immagini ce la mostrano circondata dagli uomini nudi della sua Isola di Adamo ed Eva, i temi da lei trattati sono tutt'altro che frivoli.
Parlano del mondo transessuale, ha raccontato che «fino agli anni '50 venivamo rinchiusi nei manicomi e sottoposti all'elettrochoc o mandati dall'esorcista. Oppure eravamo definiti "delinquenti abituali". Adesso forse c'è una spinta esagerata, una corsa ad avere il trans per rendere cool una festa. La cosa importante per me è invece la comparsa di Rebecca, la trans tipo Sora Lella del Grande Fratello, una casalinga. Facile apprezzare Eva Robin's o Lea.T. Abbiamo invece il diritto di essere poco attraenti».
Ha poi spiegato come il "profilo dell'uomo che va a trans" non esista: «Premesso che sono molti di più gli uomini che cercano le donne. Ci sono quelli che vanno con le donne e con i trans. I ragazzi spesso ci vanno una volta per provare e poi mai più. Alcuni si appassionano, ma la maggior parte non è attratta dai trans come surrogato della donna, ma perché è una creatura sui generis. Con cui puoi essere attivo e passivo". Non ci sono neppure omosessuali nascosti: "L’omosessuale ama la mascolinità. E i trans sono molto femminili, anche nella sensibilità. Si sentono donne».
La showgirl ha anche confessato di aver scelto di non operasi «per paura», spiegando che «alcune amiche lo hanno fatto per amore e sono state piantate subito dopo».
Più rivolto al gossip è stato il suo rivelare che «la mia relazione con un politico di destra, con famiglia, è finita perché lui non ha avuto il coraggio di confessarlo [...] Io mi chiamo Luxuria, anche se in fondo mi sento borghese. Ma la perversione è qualcosa che fa male a te o a qualcun altro. Il sesso fa bene».
Commenti