I quadrati imperfetti che smascherano gli omofobi



Nell'immagine di apertura riconoscete tranquillamente un quadrato? Bene, ciò significa che non avete preclusioni verso i matrimoni gay.
È quanto sostiene una ricerca condotta dalla University of Queensland e della University of Pennsylvania, giunti alla teoria che dinnanzi ad una figura geometrica imperfetta, come un cerchio o un quadrato deformati o incompleti, i conservatori avrebbero hanno una maggiore difficoltà riconoscere quelle forme. Anzi, più propriamente avrebbero problemi ad accettarla.
Pare che poco importi se si tratti di matrimoni gay, di immigrazione o di forme geometriche irregolari: i conservatori avrebbero una minore predisposizione nel riconoscere qualsiasi forma di diversità dagli schemi che hanno nella loro mente.
La ricerca è stata condotta su 2100 adulti statunitensi a cui sono state mostrate forme geometriche irregolari e a cui è poi stato fornito un questionario per conoscere la loro opinione su una serie di tempi sensibili, tra cui anche il matrimonio gay. Si è così notato come i conservatori mostrino maggiori scrupoli nel classificare una forma imperfetta all'interno di una "categoria" geometrica (cerchio, quadrato o triangolo). E viceversa, i progressisti sono risultati più tolleranti non solo nei confronti del prossimo, ma anche verso triangoli e cerchi.
Tyler Okimoto, uno dei ricercatori, ha spiegato: «Pensiamo che questi risultati riflettano una maggiore tendenza dei conservatori a classificare come deviante, e quindi inaccettabile, qualunque situazione che differisca dalla norma. Questo vale nel caso degli homeless, di coppie omosessuali… e persino per le figure geometriche. Il risultato è che i conservatori ritengono più facilmente dei progressisti che questi gruppi debbano ricevere punizioni severe, o non essere aiutati».
3 commenti