Il primo corso di formazione di Gaynet in collaborazione con l'Ordine dei giornalisti del Lazio



Dopo il primo appuntamento di Bologna, tenutosi nel novembre del 2013, arriva a Roma il corso di formazione di Gaynet dal titolo “Gli ambienti particolari”. Si tratta di un incontro rivolto ai professionisti e alle professioniste dell’informazione e si terrà venerdì 4 e sabato 5 dicembre.
L'obiettivo del corso è lo studio delle forme comunicative che più spesso scaturiscono da un inconsapevole pregiudizio, dal luogo comune, dalle frasi fatte dominate dagli stereotipi sulle persone lgbti.

Molto spesso inconsapevolmente, a partire dalle fonti e attraverso un'elaborazione comunicativa superficiale, si mantengono frasi allusive, forme irrispettose e inavvertitamente offensive, di cui il titolo del corso dà uno dei più classici esempi. Non solo la cronaca nera è vittima di queste forme stereotipate (“la pista gay”, “gli ambienti omosessuali”, “i giri trans”) ma anche le notizie sulle sempre più frequenti leggi che permettono il matrimonio anche tra persone dello stesso sesso, sull'adozione, la maternità surrogata o sulle vincitrici di Eurovision. Un esempio classico è la confusione fra coppie di fatto e unioni civili, o quella tra outing e coming out.
Le notizie che riguardano le persone omosessuali e transessuali sono sempre più presenti nel panorama comunicativo e meritano attenzione e rispetto dato che si rivolgono e incidono su una comunità di persone sempre più consapevoli, attente e non disposte a essere oggetto di una comunicazione inadeguata e involontariamente offensiva, che restituisce pubblicamente e socialmente una immagine distorta e lontana dall'oggettività, disinformando il pubblico di lettori e di lettrici e contribuendo a diffondere una visione discriminatoria di quella che l’organizzazione mondiale della sanità ha definito una normale variante del comportamento umano. Il corso prevede alcune ore di lezione frontale su stereotipi e violenza di genere, orientamento sessuale, identità di genere, transessualità, nonché momenti laboratoriali per ragionare insieme su alcuni elementi di base sul sessismo della lingua italiana e su come evitarlo.

Il corso, della durata di 10 ore si articola in due giornate da effettuare di seguito, nell'arco della stessa settimana o a distanza di una settimana. Ogni incontro è composto da due distinte sezioni dal percorso ben definito. Ognuna delle due giornate vedrà una prima sezione introduttiva, che fornirà una serie di strumenti di analisi critica. A questa prima sezione seguirà sempre una seconda sezione più laboratoriale nella quale un formatore esperto coordinerà i e le partecipanti nell’analisi degli articoli e dei servizi radiotelevisivi, della carta stampata e del web inerenti famosi casi di cronaca legati alle tematiche omosessuali e transessuali.

Il corso è riconosciuto con 10 crediti formativi (8 generici, 2 di deontologia) e si svolgerà nelle giornate di venerdì 4 dicembre e sabato 5 dicembre. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Gaynet.
Commenti