Charlie Carver ha fatto coming out



Charlie Carver, l'attore famoso per aver interpretato il licantropo Ethan in Teen Wolf e Porter Scavo in Desperate Housewives, ha fatto coming out attraverso cinque messaggi pubblicati sul suo profilo Instagram:

Da piccolo sentivo che ero diverso da alcuni degli altri ragazzi della mia classe. Mi sono guardato dentro, spesso è stato doloroso, un percorso segnato da sentimenti di disperazione e di alienazione, un percorso terminato quando guardandomi allo specchio dissi tre parole ad alta voce: «Io sono gay». L'ho detto a me stesso in un primo momento, per vedere come si sentivo. Le parole suonato come vere, e mi odiavo. Avevo solo 12 anni. Mi ci vollero un paio di anni prima che potessi ripetere quelle tre parole a chiunque altro, nel frattempo ripetevo la frase più e più volte da solo, fino a quando mi sono sentito a mio agio e abbastanza sicuro nel dirlo alla mia famiglia.
Quando ho parlato con la mia famiglia è stato davvero bellissimo, una conversazione preziosa. I miei sono persone molto aperte, hanno accolto subito bene la notizia, sono davvero fortunato ad essere nato in una famiglia che ha celebrato la mia sessualità senza vergogna. Ma non per tutti è così. Non incoraggerei mai nessuno a fare coming out se non si sentisse al sicuro. E il pericolo c'è, lo dimostra il grande numero di senza tetto lgbt che vivono negli Stai Uniti.
Il coming out è stato molto importante per me, ma voglio sognare un mondo nel quale la propria sessualità sarà irrilevante. Qualcosa da non annunciare a un estraneo, un nuovo collega, un intervistatore.

Ed ancora:

Nella mia vita privata tutti sapevano della mia omosessualità, ma non sentivo il bisogno di dirlo al pubblico, ma le cose cambiano. Sempre più persone, in particolare i giovani, che si sforzano di creare un mondo sicuro per tutti. Stiamo imparando nuovi vocaboli (parole come cis, trans, fluid). Stiamo esplorando le possibilità del social media, sperimentiamo nuovi modi di connettersi e risvegliare le menti delle persone. Mi entusiasmo ogni volta che sento che in una scuola superiore qualcuno ha votato il/la loro compagno/a di classe transgender come Prom King o Prom Queen, o quando vedo Twitter è in fiamme contro fenomeni di omofobia, brutalità e ingiustizia. Ma piango anche su quello che si sente di negativo. Voglio fare la mia parte per un mondo dove sia più semplice per tutti sentirsi felici e sicuri di chi si è. Posso solo sperare che l'inizio di questa agitazione sia produttivo, qualcosa che la nostra generazione ha iniziato e che finirà nel migliore dei modi.
Ma cosa posso fare? Come posso partecipare? L'onestà è probabilmente un grande passo nella giusta direzione, per questo mi sono dichiarato. Nel mio silenzio, ho aiutato quelli che pensano che sia inadeguato essere gay per chi ha una carriera professionale nelle Arti. Quindi ora , lasciate che lo dica: io sono gay! Questo importa davvero?

Il messaggio si chiude con un augurio per il nuovo anno e una precisazione: «Vi dico anche che mio fratello gemello è altrettanto tranquillo di essere etero».
4 commenti