YouTube rimuove per frode il video di propaganda omofoba realizzato dall'associazione ProVita Onlus



Ricordate il video di disinformazione con cui l'associazione ProVita intendeva alimentare odio e violenza contro la comunità lgbt attraverso una serie infinita di falsità?
Ebbene, YouTube ha deciso di rimuoverlo dalla piattaforma in quanto ritenuto in «violazione della norma di YouTube su contenuti commercialmente ingannevoli, spam e frodi». Difficile sarebbe potuto esserci un esito diverso a fronte di un video in cui si faceva persino confusione fra orientamento sessuale ed identità di genere (senza parlare di come sostenesse che l'Oms voglia sessualizzare precocemente i bambini insegnandogli a masturbarsi).
Il fatto apre però una questione politica. Se si considera come quelle vergognose immagini siano state proiettate nella sede della Regione Lombardia da parte della Lega Nord o in quella della Basilicata per volere del consigliere Federico Iadicicco (Fratelli d'Italia), ne emerge che in alcune sedi istituzionali sia stato mostrato materiale ritenuto propagandistico e fraudolento.
Qualora i nostri politici trovino il tempo di smetterla di occuparsi del Capodano anticipato di un minuto su Rai Uno, c'è da sperare che qualcuno chieda conto di ciò. Perché un'istituzione non può permettersi di mostrare propaganda fraudolenta e poi far finta di nulla quando la vera natura di quei filmati viene messa in evidenza. Quantomeno un'inchiesta per accertare l'accaduto sarebbe dovuta.
3 commenti