Ferrara. Dal 26 al 28 febbraio arriva la terza edizione di TAG, Festival di cultura lgbt



Il 26, 27 e 28 febbraio 2016, a Ferrara si apriranno le porte del "TAG, Festival di cultura lgbt". La manifestazione è organizzata da Circomassimo Arcigay e Arcilesbica ed è inserita nella loro consolidata azione di prevenzione alle discriminazioni attraverso l'educazione. Patrocinata dal Comune di Ferrara, la terza edizione della manifestazione si terrà presso il teatro Sala Estense, nel pieno centro storico di Ferrara, e rappresenterà un'occasione privilegiata per infondere l'importanza del confronto e aprire un dialogo con chi non ha ancora gli strumenti per conoscere e capire la realtà del mondo gay, lesbico e transessuale. Il fitto calendario prevede incontri, spettacoli e dibattiti con volti noti dello spettacolo, della stampa e della politica. Il tutto con il fine di educare la popolazione alle differenze, contro ogni discriminazione.

Gli organizzatori raccontano: «Faremo un po’ di chiarezza sulla fantomatica ideologia del "gender" con la filosofa Michela Marzano, la teologa (ed ex monaca benedettina) Benedetta Selene Zorzi e la giornalista Caterina Coppola. Affronteremo la possibilità per le coppie omosessuali di avere dei figli, con lo psicoterapeuta familiare Federico ferrari, la bioeticista Micaela Ghisleni e Cristina Gramolini, tra le fondatrici dell'associazione nazionale Arcilesbica. Tracceremo percorsi nuovi di prevenzione al bullismo omofobico con
Dario Accolla (blogger de “Il Fatto Quotidiano”) e Ketty Segatti (Vicedirettore centrale Area istruzione, alta formazione e ricerca, Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia), svelando gli allarmanti dati della recente ricerca sul bullismo frutto di una convenzione firmata da Regione Friuli Venezia Giulia, Università di Trieste, Ufficio Scolastico Regionale e Arcigay/Arcilesbica, che ha coinvolto 2.138 studenti delle superiori. Nel bel mezzo del dibattito politico e mediatico sul tema delle nozze tra gay, e dopo le sentenze della Corte Suprema americana e della Corte Europea dei diritti umani, parleremo infine di religione attraverso la lettera di un omosessuale alla Chiesa di Roma, scritta dal magistrato Eduardo Savarese, e grazie alla partecipazione di Krzysztof Charamsa, teologo vaticano della Congregazione per la Dottrina della Fede, sospeso dal sacerdozio dopo aver fatto coming out come gay e aver rivelato di avere un compagno».

Ma il TAG – Festival di Cultura LGBT sarà anche spettacolo. Veronica Pivetti è l'ospite d'onore della manifestazione attraverso la presentazione del suo film "Né Romeo, né Giulietta».
Direttamente da "Ballando con le stelle" sarà presente anche Fabio Canino, attore, scrittore, conduttore radiofonico e personaggio televisivo che racconterà la genesi del suo nuovo romanzo distopico gay "Rainbow Republic". Ed ancora, direttamente da Zelig, Alessandro Fullin metterà in scena lo spettacolo "Fullin legge Fullin", dalla lista della spesa agli spensierati aforismi, dalle lettere d’amore alle mail mai inviate, il ritratto di un uomo che molti percepiscono come un comico non vedendolo per quello che realmente è: una missionaria.
Mikaela Capucci metterà in scena un monologo esilarante, irriverente e amaro dal titolo "L'importanza di lavarsi presto" che formulerà un’antitesi alle teorie ecclesiastiche, tra canti e orazioni “riparative” al fine di “rieducare” lesbiche, gay e transessuali.
Il sabato notte, presso Arci Bolognesi, il party "La cage aux follies" aprirà le gabbie per una serata folle e paiettata, animata dalle drag queen Salamandra Sistesr con La Cri, Ummer, Danny e Tucci alla consolle.

Il programma completo è disponibile sul sito del festival o su quello di Arcigay Ferrara.
Commenti