Perù. La polizia interrompe la protesta di San Valentino con un cannone d'acqua



In occasione di San Valentino, decine di attivisti lgbt si erano dati appuntamento a Lima per scambiarsi un bacio contro l'omofobia. La manifestazione prevedeva solo lo scambio di baci, scambiati all'ombra di bandiere arcobaleno. Eppure tanto è bastato perché la polizia si sentisse di intervenire, utilizzando dei mezzi blindati per spruzzare acqua e cherosene sulla folla. Tra i manifestanti si contano numerosi feriti.
L'omosessualità è fortemente osteggiata in Perù a causa della forte ostilità della Chiesa Cattolica verso chiunque non manifesti un orientamento sessuale prettamente eterosessuale. Il primo gay pride nazionale si tenne solo nel 2002, dove la maggior parte dei manifestanti indossò maschere per evitare di essere perseguitati e aggrediti.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] - Video: [1]
4 commenti