La Pascale attacca la Meloni: «È una raffinata fascista moderna, in città multerà i gay»



Mentre Berlusconi si era affrettato ad appoggiare la posizione del suo candidato (dicendosi concorde con Bertolaso sul fatto che una donna incita non potesse candidarsi come sindaco), ora è la sua fidanzata ad attaccare a Giorgia Meloni. È sul suo profilo Instagram che Francesca Pascale ha parlato della leader di Fratelli d'Italia scrivendo:

Quindi siamo certi che se la Meloni diventasse sindaco di Roma, saranno multati i gay, i neri, gli immigrati. Per i cattivi sarà pronto all’uso un cucchiaio di Made in China di olio di ricino. I bambini vestiranno obbligatoriamente di nero e con i pantaloni corti. Le donne ritorneranno a non aver più il diritto al voto… Ah no, lei è una raffinata fascista moderna. Le donne possono votare, possono avere figli fuori dal matrimonio e presentarsi al Family day puntando il dito contro il prossimo e chi se ne frega se il buon Dio ci dice di amarli come noi stessi!

Non c'è che dire, se non fosse che Forza Italia ha partorito personaggi come Gasparri, così come tutta una lunga serie di politici fortemente omofobi, ci sarebbe quasi da darle ragione.
3 commenti