"Foglie" di Francesco Mastinu



L'arrivo della piccola Ginevra nella vita di Mirna non compensa completamente il vuoto lasciato dalla partenza di Manlio, padre della bambina, suo grande e impossibile amore. La vita di tutti i giorni, la solitudine e la stanchezza, conducono la protagonista a un baratro dalla disperazione appena alleviata dai progressi della piccola e dalla vicinanza di Alba, sua amica da sempre. È questo lo scenario di destini incrociati e di fatalità che sull'onda della passione, del dolore e del rimpianto condurranno Mirna a comprendere il significato vero del trascorrere del tempo. Sospinti dal vento come foglie, i protagonisti della saga Emozioni del nostro tempo cresceranno a dispetto del gioco di emozioni circolari che sembrava aver monopolizzato la loro esistenza. Perché poi le cose non potranno più essere le stesse.

È questa la trama di "Foglie", il nuovo romanzo di Francesco Mastinu. Classe 1980, Mastinu vive a Cagliari dove convive con il suo compagno. Entrambi sperano di potersi sposare anche se il fatto di vivere in Italia è fonte di ingiustificate discriminazioni in termini di diritto familiare (peraltro curiose, dato che la Costituzione imporrebbe il riconoscimento della famiglia e non prevede dibattiti per scegliere quali famiglie debbano avere riconoscimenti e quali debbano essere escluse).
Dopo aver pubblicato numerosi racconti in antologie collettive di alcuni editori italiani, ed essersi dilettato con il genere erotico sotto pseudonimo, ha esordito con il romanzo “Eclissi” (Lettere Animate, 2012) seguito da “Polvere” (Runa Editrice, 2014) e la raccolta di racconti brevi “Concatenazioni” (Edizioni 6Pollici, 2014). “Falene” è il suo primo romanzo della serie “Emozioni del nostro tempo”, “Foglie” il secondo. Collabora con l’editore Amarganta per la collana LGBT e per la gestione del portale “Vite Arcobaleno”.
1 commento