La Gran Bretagna mette in guardia i turisti lgbt che dovessero entrare in North Carolina e Mississippi



Il Ministero degli esteri britannico ha aggiornato la sua guida ai viaggi verso gli Stati Uniti, mettendo in guarda le persone lgbt riguardo alle nuove leggi anti-approvate in North Carolina e Mississippi. Il documento denuncia come alcune persone rischino di essere discriminate in virtù del proprio orientamento sessuale sulla base di presunte motivazioni religiose. I rischi per i turisti sono reali, dato che non solo le aziende potranno «allontanare» le persone lgbt, ma anche le stutture alberghiere o i ristoranti potranno «allontanare» eventuali coppie gay. L'umiliazione per gli Stati Uniti giunge con pochi giorni di anticipo sulla visita a Londra da parte del presidente Barack Obama.

Nel documento si legge:

Le leggi variano da stato a stato. Quando si è fisicamente presenti in uno stato, anche temporaneamente, si è soggetti alle leggi di tale stato. È necessario portare un passaporto che possa dimostrare in ogni momento che avete il permesso di entrare o di rimanere in quel territorio. Gli Stati Uniti sono una società estremamente diversificata e gli atteggiamenti nei confronti delle persone lgbt differiscono enormemente in tutto il paese. I viaggiatori lgbt possono essere influenzati dalla legislazione approvata di recente negli Stati del North Carolina e del Mississippi. Prima di partire si prega di leggere i nostri consigli di viaggio generale per la comunità lgbt. Potete trovare maggiori dettagli sulle tematiche lgbt negli Stati Uniti sul sito della Campagna per i diritti umani.
Commenti