La Croce Rossa di Roma contro l'omofobia



Alla serata del 17 maggio organizzata dalla Croce Rossa di Roma c'erano molti ospiti, tutti riuniti dalla volontà di fermare l'omofobia per poter consegnare un mondo migliore ai nostri figli. Tra gli ospiti c'erano anche Fabio Canino, Vittoria Belvedere, Silvia Capasso, Kaspar Capparoni, Elena Di Cioccio, Ignazio Failla, Antonio Giuliani, Fabrizio Sabatucci e Fabio Troiano. Sono stati proiettati anche dei video messaggi, tra cui quelli di Cesare Bocci e Luca Zingaretti.
Nel corso della serata sono stati presentati il libro di Fabio Canino "Rainbow Republic" e il documentario di Marco Simon Puccioni, “Prima di tutto”, sulla storia di una famiglia arcobaleno con due gemelli. Ed ancora, si è assistito all’esibizione di Sandro Stefanini con il monologo “Militargay” di Luciano Melchionna tratto dal suo spettacolo “Dignità autonome di prostituzione”, l’accompagnamento musicale di Silvia Gavarotti, cantante lirica e attrice, l’esibizione di tango di Cristiano Bramani e Walter Venturini e letture da parte degli ospiti. A fare gli onori di casa nel ruolo di moderatori Flavio Ronzi, Presidente di CRI Roma e Silvia Gavarotti, volontaria CRI.

La Croce Rossa di Roma è da tempo in campo contro l’omofobia anche con i suoi volontari, dalle scuole al mondo giovanile, alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e oggi anche con il progetto di aprire la prima casa famiglia nella Capitale per giovani lgbt.
Inoltre è attivo il Network Andrea, una rete di incontro anche virtuale di chi si trova in una condizione di solitudine sociale a causa del proprio orientamento sessuale per essere “uguali nelle differenze”; il Refuge Lgbt, una casa d’accoglienza sul modello dei Refuge in Francia per tutti quei giovani che vivono violenze e discriminazioni in famiglia e hanno bisogno di un luogo dove ricominciare a vivere; il progetto Nelson, un percorso di incontro con i ragazzi delle scuole medie inferiori per sensibilizzare gli studenti a combattere il bullismo; le attività di educazione alla sessualità e prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili (MST), una serie di iniziative volte ad una sana sessualità, rivolte a tutti e differenziate per fasce d’età.
Fuori dalla sala Solferino che ha ospitato la serata anche un camper dell’Unità di Strada di Villa Maraini, dove in molti hanno effettuato il test rapido dell’Hiv e anche quello dell’epatite C. Un modo per sensibilizzare tutti e tutte alla salute e alla prevenzione.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10]
4 commenti