Messico: il presidente annuncia il matrimonio egalitario per tutto il paese



Il Messico includerà il matrimonio egualitario nella sua Costituzione. L'annuncio è giunto dal presidente Enrique Pena Nieto in concomitanza con la Giornata internazionale contro l'omofobia. Verranno ora presentate due iniziative di riforma siglate dal presidente, le quali propongono una modifica dell'articolo 4° della Costituzione per riconoscere il diritto di «contrarre matrimonio senza nessuna discriminazione». Contestualmente verranno anche adeguate le norme contenute nel codice civile.
La prima e principale conseguenza sarà l'introduzione del matrimonio egualitario in tutto il Paese (sino ad oggi era legale solo nella capitale messicana e negli stati del Quintana Roo e del Coahuila).
«Non può essere che nel nostro paese in certi Stati esistano dei diritti che invece sono proibiti in altri -ha detto Pena Nieto- il nuovo articolo dispone che i matrimoni si realizzino senza nessuna discriminazione per motivi di origine etnica, handicap, condizione sociale, salute, religione, genere o preferenza sessuale».
Tutte le forze politiche e sociale attendono ora la contromossa della Chiesa Cattolica che, probabilmente, non mancherà di cercare id impedire la piena parità di diritti in quello che il secondo paese al mondo per numero di cattolici.
3 commenti