Mostri creati dall'integralismo cattolico: «È un nostro diritto spingere i ragazzi gay al suicidio»



L'integralismo cattolico ha lavorato molto per cercare di legittimare qualunque forma di violenza nei confronti delle persone a loro non gradite.
È sta un'azione lenta, inesorabile e sempre più violenta che ci ha condotto a registrare un numero sempre maggiore di aggressioni di stampo omofotrasofobico. Ma è anche la culla in cui si formano veri e propri mostri. Dinnanzi alla storia del 18enne che si è suicidato perché i suoi genitori non accettavano la sua omosessualità, c'è chi ha il coraggio di venire qui e di lasciare un messaggio anonimo con scritto:

Oh, ragazzi ..intendiamoci bene...alla sua età era grande, consenziente e benissimo capace di intendere e volere. Se io come i suoi genitori adottivi non apprezziamo l'omosessualità, ci dovete lasciare in pace. Gli omosessuali vivano la loro vita, facciano quello che vogliono, si godano tutto quello che possono senza obbligare gli altro ad accettarli. Più di così, che cazzo volete??

Ma la gente che ha armato questi folli, davvero riesce a guardarsi allo specchio senza sentirsi nel dovere di sputarsi in faccia?
1 commento