New Hampshire. Il Senato approva il disegno di legge contro le terapie riparative sui minori



Nonostante i fondamentalisti cristiani abbiano fatto di tutto per impedirlo, il Senato del New Hampshire ha approvato una legge che vieterà qualunque "terapia riparativa" dell'omosessualità sui minori.
Da un lato c'era l'evidenza scientifica di fantomatiche "cure" che non hanno alcun fondamento e nessun risultato, se non effetti collaterali come l'aumento della propensione al suicidio o all'autolesionismo. Dall'altro dei gruppi cristiani che rivendicavano come quella forma di tortura dovesse essere giustificata dietro ad una presunta libertà religiosa.
Alla fine si è deciso di non spingere al suicidio degli adolescenti solo per compiacere quei fondamentalisti cristiani non apprezzano il loro orientamento sessuale. Inoltre, trattandosi di minori, si era dinnanzi a ragazzi che rischiavano di vedersi rovinare la vita da genitori incapace di accettarli per quello che erano, aggiungendo dunque la tortura fisica e psicologica al dolore di un rifiuto da parte delle loro famiglie.
Il governatore ha già annunciato che firmerà in legge.

Simili divieti a quelle forme di tortura sono già in atto in California, New Jersey, Oregon, Illinois, e nelle città di Cincinnati e Washington DC. Inoltre lo scorso febbraio il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha emesso un ordine esecutivo che vieta simili pratica.
Il Liberty Counsel ha fatto ricorso contro tutte queste leggi, sostenendo che la libertà religiosa debba permettere di fare tutto ciò che si vuole ai propri figli se si sostiene che sia Dio a volerlo: nessun tribunale gli ha dato ragione ed anche la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rigettato le loro istanze.
4 commenti