Costanza Miriano attacca il figlio di Vendola, dicendogli che lei gli avrebbe negato di esistere



Esiste violenza maggiore dell'andare da un bambino per dirgli che non si sarebbe volto che potesse nascere? Probabilmente no. Eppure è quanto è stata capace di fare Costanza Miriano. Dal suo profilo Facebook, la donna chiede punizioni per chiunque dissenta dalla sua ideologia integralista volta a negare pari dignità alle famiglie altrui e, in riferimento ad un articolo su Vendola apparso su Repubblica, scrive:

Togliete la tessera di giornalista a Francesco Merlo e/o al titolista di Repubblica. Questo non è giornalismo. E' un distillato di ideologia. Contro la realtà.
"Siamo fuggiti in Canada per garantire futuro e diritti a nostro figlio Tobia". Un concentrato di bugie. Non siete fuggiti. Non è vostro figlio ma di uno dei due e di una signora canadese. Se non foste andati lì quel bambino non esisterebbe perché in Italia è reato. C'è stato un passaggio di denaro. Tobia è stato privato della mamma.

Forse la tessera andrebbe tolta a lei per manifesta incapacità nel comprendere i fatti o per voluta strumentalizzazione della realtà a fini propagandistici ed ideologici. Magari a lei non piaceranno i genitori del piccolo Tobia, ma non è certo rendendolo orfano che cambierà qualcosa. E non è neppure attraverso la ritorsione e la violenza sui bambini che il suo personale giudizio varrà di più. Impossibile è poi commentabile è poi il suo sostenere che quel bambino non meritasse di esistere. Pura crudeltà.

Come la prenderebbe la Miriano se qualcuno scrivesse una lettera aperta ai suoi figli per dirgli che la si pensa che la loro mamma sua una persona cattiva?Probabilmente la prenderebbe male, eppure è proprio quello che lei sta facendo con il piccolo Tobia. Insulta i suoi genitori e descrive come una prostituta la donna che l'ha partorito.
Non solo. Dato che è  un bambino nato da un canadese secondo le leggi canadesi, il suo parere vale meno di una moneta falsa. E dato che il Canada antepone il bene dei bambini all'odio degli integralisti, saranno sempre loro a garantire che il piccolo abbia piene tutele da parte di entrambi i genitori.
A lei non sta bene? Bhe, ad altri non sta bene che a lei non sia stata revocata la tutela dei suoi figli, ad altri ancora non starà bene che non sia stata radiata dall'albo. Ma dato che quelle opinioni non autorizzano gli altri a fare del male ai suoi figli, la Miriano veda di fare altrettanto con i figli altrui. Ed è buffo che dica che a quel bambino è stata tolta la madre, mentre lei sostiene che gli si dovesse togliere il diritto di esistere.

Incredibile è poi come una persona possa essere costretta a dover scappare dall'Italia perché una donna rimane impunita mentre minaccia quelle famiglie attraverso la promessa di violenze e ritorsione contro i loro figli. Il tutto permettendosi pure di andare in piazza al grido di «difendiamo i nostri figli», anche se l'evidenza è che sono loro a rappresentare una minaccia.
2 commenti