Festeggiò per la strage di Orlando, ora è sotto arresto per associazione mafiosa



Le fiamme gialle del comando provinciale e del Nucleo di polizia tributaria di Taranto hanno arrestato 38 persone con l'accusa di associazione mafiosa. Le indagini hanno portato alla scoperta di un ingente giro di estorsioni e interessi a strozzo e reati per droga.
E perché mai una simile notizia dovrebbe essere di interesse per la comunità lgbt? Semplice, perché il blog Bitchyf ha notato come fra gli arrestati ci fosse anche quel personaggio disgustoso che all'indomani della strade di Orlando definì «un mito» il killer prima di augurarsi che una carneficine simile avvenisse anche in Italia. E se non esiste una legge sull'omofobia che possa permettere il contrasto di chi inneggia allo sterminio dei gay, fortunatamente c'è il karma a ripagare queste persone.
E i complimenti vanno anche a quell'integralismo cattolico che trova i propri fan tra le fila di personaggi mafiosi e spacciatori.

Immagine: [1] [2] [3]
Commenti