In migliaia al Pavia Pride



Sabato 11 giugno, in concomitanza con il pride della capitale, oltre duemila persone si sono ritrovate in Borgo Ticino e hanno attraversato il ponte coperto per dar vita al Pavia Pride.
L'evento, giunto alla sua seconda edizione, è stato focalizzato sul tema del coming out e l'importanza di poter essere sé stessi anche contro la violenza di quei gruppi che lavorano giorno e notte per ammorbare l'Italia con i loro distinguo e pregiudizi degni di ideologie che sarebbero dovute morire con il nazismo.
Il passaggio per il ponte coperto è una scelta simbolica, volta ad indicare un ponte costruito per unire, non per dividere.
Tra la folla c'era anche il sindaco Massimo Depaoli, gli assessori Alice Moggi, Ilaria Cristiani e Laura Canale, l’assessore provinciale Emanuele Marchiafava e il presidente nazionale di Arcigay Flavio Romani.
1 commento