L'odio corre su Facebook: «Fateli fuori tutti 'sti frocioni». GayLex: «Denunciamoli»



La strage di Orlando ha destato la violenza dell'integralismo cattolico e sui sociel network è un fiorire di messaggi minarori volti a festeggiare la morte di quei 50 ragazzi, spesso auspicando che qualcosa di simile possa capitare in italia. È attraverso le pagine di GayPost che lo studio legale GayLex di Bologna lancia un'iniziativa una campagna per denunciare chiunque abbia scritto messaggi che incitano all'odio e alla violenza.
Cathy La Torre, avvocata di GayLex insieme a Michele Giarratano, spiega: «Fino a quando un Taormina, un Adinolfi, una sentinella, si sentiranno liberi di sputare odio su di noi senza per questo essere puniti, chiunque potrà permettersi di insultarci, picchiarci, ucciderci. Sto studiando vie legali per denunciare tutti questi omofobi sputatori d’odio. Chiunque abbia intercettato frasi del tipo: “dovrebbe accadere anche in italia” o “attenti al Gay Pride in Italia” ci mandi screenshot. Li denunceremo per istigazione a delinquere e minacce».
Chiunque si fosse imbattuto in messaggi simili (a prescindere che si riferiscano alla stage di Orlando o meno) potrà inviare gli screenshot all'indirizzo info(at)gaylex.it oppure alla pagina Facebook dello studio.

Ad unire questi messaggi ci sono sempre gli stessi elementi: riferimenti ad un Dio a cui si attribuisce l'odio verso i gay, il sostenere che l'odio sia «una libertà di espressione» o il dirsi discriminati se qualcuno si offende per insulti e messaggi di morte. Praticamente tutto il corollario della propaganda d'odio che gruppi noti hanno sparso per l'Italia nella totale indifferenza da parte della autorità.
Per comprendere l'entità, prendiamo un articolo pubblicato su Facebook da Diretta News, nel quale si dava notizia della strage di Orlando. Se la redazione non ha certo aiutato nel preferire un'immagine di tre uomini mezzi nudi ad una foto reale della discoteca in questione (quasi a voler cavalcare il pregiudizio contro i gay), tra i commenti troviamo frasi di rara violenza. E nonostante qualcuno pare parlare dei pride, si tenga ben presente che quelli sono commenti scritti alla notizia della strage avvenuta all'interno della del Pulse, dove un uomo è entrato con un fucile ed ha parto il fuoco su dei ragazzi che avevano l'unica "colpa" di essere andati a ballare.

Scrivono:
  • Che bei finocchi.
  • Esibizionisti senza pudore.
  • Ma chi se è frega se sei gay non c'è bisogno di fare cartelli od ostentare la sessualità è solo esibizionismo a me non piace.
  • Gay o lesbiche se la natura è così non c'è niente da fare.... ma che facciano i loro PORCI comodi in privato. Vederli danzare su quei carrozzoni e dimenarsi come tanti idioti sinceramente mi fa schifo. Sembrano i protagonisti di un circo. Che siano più discreti e nessuno dice niente.
  • Avete finito con l'insultare chi ha un pensiero diverso dal vostro? Umanamente mi dispiace, ma i gay o froci o checche per me sono e resteranno diversi punto. E rispetto chi non la pensa come me perché per fortuna non la pensiamo tutti allo stesso modo.
  • Io chiedo riservatezza, e questi esseri esibiscono con volgare esibizioni, non posso neanche augurarli in romagnolo. Fatti dare in tè cul.
  • Potevate stare a casa!
  • ci si può divertire senza esibizioni sessuali o girando in mutande perché chi vuole rispetto deve rispettare!
  • A me se le persone sono gay o etero non interessa. Comunque sarebbe meglio ke i gay la smettessero di fare carnevalate.
  • Ma perché non andate a fare in culo. Inchiappetatevi senza rompere i coglioni al mondo intero.
  • Ogni tanto buone azioni e intelligenti.
  • Peccato che non c'ero mi sarei divertito
  • che schifo. Le proprie tendenze sessuali sono personali, sarebbe più corretto tenerle personali.
  • Io penso che il culo è fatto per cagare non per metterci altro.
  • Io non vado sui carri a dimenarmi e a praticare il mio orgoglio etero! Quindi rispetto per la tendenza sessuale, ma 'ste pagliacciate da circo evitatele! Non vi fanno avere la vostra "normalità".
  • Quando tutti sono fuori dalla normalità, dopo non fa testo se uno normale perde la testa.
  • Anche loro dovrebbero usare più il cervello e fare i propri comodi sotto le lenzuola. Vedere una coppia etero è normale da quando mondo e mondo e sempre stato un uomo e una donna che si accoppia. Anche nel mondo animale. Non aggiungo altro.
  • Sì può essere gay senza creare disordini non capisco il caos che generano. Ognuno ha diritto di esprimere se stesso senza ledere nessuno. Ho conosciuto gay ma dal comportamento irreprensibile senza fronzoli e acclamazione. Credo che oggi sia moda sbandierare la vita privata
  • Ognuno è libero di fare quello che desidera, se fatto con rispetto ed educazione nei riguardi delle altre persone, volete rispetto? Rispettate, gli eteri nono fanno il'etero party. Ma ridimensioniamoci per favore, questo è esibizionismo.
  • Fateli fuori tutti 'sti frocioni. Non li sopporto.
  • Nessuno si preoccupa di come stavano vivendo queste persone piuttosto di come sono morte?
  • Uomo donna che limonano va bene. Due uomini? Mi viene da vomitare. E poi non saresti nata se i tuoi genitori fossero stati gay, pensaci. Al naturale dico e non in provetta come fanno le lesbiche.
  • Vi siete mai chiesto perché DIO dopo Adamo ha deciso di creare Eva e non un altro Adamo! Meditate meditate.
  • Niente contro i gay, ma certi spettacoli a casa loro. Lo facessero gli etero sarebbero atti osceni in luogo pubblico loro vogliono rispetto da me? Loro devono rispettare me, punto.
  • Mi sembra che ultimamente i discriminati siano gli etero.
  • Rgazzi ghei vi prego non ostentate la vostra diversità.
  • Qualcuno che si è stufato di vedere l'arroganza di questa gente (in riferimento al killer, ndr).

Nel frattempo Gianfranco Amato dice che l'omofobia non esiste mentre Gandolfini ed Adinolfi cercano di impedire una legge per il contrasto all'omofobia sostenendo che quella sia un elegge che viola la «libertà di pensiero». Ma quella che si legge in questi commenti non è certo un pensiero, solo cieco odio e istigazione al crimine.


Immagini: [1] [2] [3]
1 commento