L'Unione Europea ha approvato la nuova strategia per la lotta alla discriminazione lgbt



«Immaginate di poter essere attaccati per strada solo perché camminate mano nella mano con il vostro partner. Immaginate che i vostri bambini possano essere vittima di bullismo o isolati a scuola solo per chi sono. Purtroppo tali esperienze rimangono parte della vita quotidiana dei cittadini europei lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali. La discriminazione non dovrebbe poter avvenire nella nostra Unione. Tuttavia, l'Eurobarometro 2015 sulla discriminazione mostra che quasi il 60% dei cittadini dell'UE vedere una discriminazione basata sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere molto diffuso. I dati sulla mancanza di accettazione sociale di questo gruppo sono allarmanti. Allo stesso tempo, il 71% degli intervistati sostengono la parità di diritti per le persone LGBT. Queste cifre dovrebbero essere un campanello d'allarme per i governi. Se vogliamo affrontare la discriminazione contro le persone LGBTI abbiamo bisogno di azioni concrete». È quanto dichiarato Vera Jourová, presidente della Commissione Giustizia della Commissione Europea, nel presentare la nuova strategia per la lotta alla non discriminazione lgbt.
È stata la prima volta in assoluto che tutti e 28 gli Stati membri dell'Unione Europea hanno raggiunto un accordo in tale campo.
Le azioni decise coinvolgono ambiti che spaziano dalla non discriminazione nazione all'istruzione, dall'l'occupazione alla salute, dalla libera circolazione ai contrasto dei crimini d'odio.
L'obiettivo è un miglioramento dell'accettazione sociale delle persone lgbt sulla base dell'articolo 21 della Costituzione Europea, nel quale è specificato un divieto alla discriminazione anche per motivi di orientamento sessuale ed identità di genere.

Clicca qui per leggere il documento.
1 commento