Ancora falsità dal vaticanista de La Stampa: «L'80% dei preti pedofili è gay»



«L'80% dei preti Usa condannati è homo. 90% casi Roma sono per adolescenti maschi». È quanto afferma su Twitter il vaticanista Marco Tosatti nel difendere le sue aberranti affermazioni pubblicate su La Stampa in cui associava la pedofilia all'omosessualità. Inutile a dirsi, anche in questo caso siamo dinnanzi alla solita bugia, lanciata da un personaggio oscuro e grottesco che pare essersi ridotto a rilanciare quotidianamente le false affermazioni di Afdinolfi, che si tratti di false minacce di morte o di falsi dati scientifici.
Se tali asserzioni paiono basarsi solo sull'odio che riempie le viscere di questi personaggi, è il John Jay College ad aver studiato i casi a ad aver stabilito con assoluta certezza come la loro ricerca «ha evidenziato come non esista alcuna prova statistica che i preti gay abusino i minori più dei preti eterosessuali».
ne è testimonianza il fatto che i preti pedofili sono stati avvistati ai convegni omofobi di Adinolfi, non certo ad un qualche Gay Pride.

A fare quadrato attorno a Tosatti sono stati i soliti nomi noti legati all'omofobia organizzata, ovviamente particolarmente inclini a dimostrare solidarietà verso chiunque offra un appiglio per vomitare ulteriore odio contro i gay (forse ritenuti non sufficientemente martoriati dalla loro propaganda). C'è chi sostiene che le statistiche siano un'opinione e che chiunque possa dire i numeri a casaccio dato che Tosatti avrebbe solo dimostrato «il coraggio nell'esprimere liberamente il suo pensiero». C'è anche chi difende la diffamazione a mezzo stampa parlando di «censura» dinnanzi a chi si limita a chiedere su quali basi l'uomo possa accusare ingiustamente qualcuno di aver scritto parole che non compaiono nel testo citato.
Ora, va bene odiare i gay, ma qui siamo dinnanzi a chi inneggia ad una nuova Inquisizione che possa condannare a morte chiunque non si uniformi al pensiero unico dell'integralismo!

Immagini: [1] [2] [3] [4]
2 commenti