Il Belize ha depenalizzato l'omosessualità



La Corte Suprema del Belize ha sancito che la sezione 53 del codice penale, la criminalizza i rapporti sessuali consenzienti tra adulti dello stesso sesso, è in contrasto con la Costituzione perché interferisce con la dignità di una persona e la privacy personale, così come con i principi di uguaglianza e la parità di trattamento di tutte le persone di fronte alla legge.
Nella sua sentenza il Kenneth Benjamin ha anche aggiunto l'obbligo per il governo di modificare la legge al fine di renderla conforme con la Costituzione, così come ha ordinato un emendamento che specifica che la sezione non si applica agli atti sessuali consenzienti tra adulti dello stesso sesso.
Lo scenario che ha accompagnato la sentenza è stato il consueto: i gruppi religiosi chiedevano a gran voce che l'omosessualità continuasse ad essere criminalizzata e punita nel nome di un Dio, così come altri enti hanno osservato che la rimozione della sezione aiuterebbe ad accelerare la lotta contro l'HIV, soprattutto in virtù di come la stigmatizzazione porti i gay a rifiutarsi di partecipare a programmi di test e di trattamento.
2 commenti