Manifestante anti-gay cristiano scoppia a ridere crudelmente mentre un gay parla del marito defunto



Non passa giorno senza che l'integralismo cattolico mostro il suo lato più violento, blasfemo e irritante.
Negli Stati Uniti è in corso il processo al giudice Roy Moore, accusato di aver abusato della sua autorità per bloccare i matrimoni gay, motivo per cui il Dr Paul stava raccontando come i ritardi nel rilascio delle livenze matrimoniale gli abbiano impedito di poter sposare il suo compagno. L'uomo è parte in causa perché è stato chiesto che la sua unione venga comunque ritenuta valida nonostante il giudice Moore abbia ritardato le pratiche per la trascrizione di un matrimonio celebrato nel 2011 in Massachusetts.
Alla conferenza erano presenti vari gruppi cristiani, presentatesi  con cartelli omofobi in cui erano presenti scritte come "l'omosessualità distrugge le famiglie" o "i sodomiti sono la rovina nazionale". Tra inneggiamenti a Dio e alla Madonna, i indecorosi hanno più volte interrotto il discorso dell'uomo per ostentare la loro convinzione che l'eterosessualità li renda persone migliori e più meritevoli di diritti.
Ma il peggio è stato toccato quando un manifestante cristiano è scoppiato a ridere sonoramente mentre l'uomo raccontava fra le lacrime l'incidente d'auto che gli aveva strappato il suo compagno di vita. L'ennesima testimonianza di come l'integralismo abbia creato dei veri e propri mostri, uomo traboccanti di odio mentre abusano della religione per nascondere quello che è solo un terribile rigurgito nazista.

Clicca qui per guardare il video.
5 commenti