Arcigay: «E così Salvini scomoda Dio per dire che siamo contro natura»



«E così anche Salvini interviene sulla nostra protesta contro il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori e addirittura scomoda Dio per ribadire che siamo contro natura». È quanto dichiara Marco Antei, presidente di Arcigay Imperia. Il leader del Carroccio era intervenuto sul caso delle unioni civili per schierarsi a favore dei sindaci che infrangono la legge per impedire il rispetto dei diritti delle persone lgbt.
Salvini aveva poi affermato che: «Quello che mi chiedono gli eterosessuali, gli omosessuali, lesbiche e trans è pagare meno tasse ed essere un po' più sicuri, quindi è stata una manfrina sulla pelle degli stessi omosessuali». Ma dinnanzi a chi dice che sono i gay a voler essere discriminati, Antei ricorda che «quello che ti hanno chiesto omosessuali lesbiche e transessuali (ma, ammetto, anche molti eterosessuali, Salvini se ne faccia una ragione) è di rispettare la legge, la quale non prevede l'obiezione di coscienza per le unioni civili. Quindi abbia perlomeno il buon senso di non dire a noi cosa gli abbiamo chiesto».
3 commenti