Assad attacca un convoglio umanitario, ma la NuovaBQ preferisce dare la colpa agli Stati Uniti



La Mezzaluna siriana ha dichiarato la sospensione di ogni tipo di intervento ad Aleppo come forma di protesta contro l'attacco ad un convoglio di aiuti condotto dall'aviazione siriana. Bombardamenti e attacchi aerei e terrestri sono ripresi e dal pomeriggio, mentre i caccia di Assad hanno ricominciato a colpire le zone occupate dalle forze anti-regime con bombardamenti in serie. Uno di questi avrebbe preso di mira un proprio convoglio umanitario della Croce rossa e Mezzaluna siriana, provocando la morte di almeno venti civili e di un membro del personale.
L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria ha affermato che sono almeno 40 le vittime dei bombardamenti aerei condotti tra ieri e stamattina da aviazione siriana e russa. Gli Usa sostengono anche che la Russia sia colpevole dell'attacco al convoglio, in quanto diretta responsabile della gestione dei rapporti con le forze dell'esercito siriano.

Dinnanzi al rimpallo di responsabilità si potrebbe al massimo dire che la situazione non è chiara, eppure La Nuova Bussola Quotidiana ostenta sicurezza nel dire che la colpa è degli Stati Uniti. La curiosa teoria viene proposta in un articolo dal titolo "Siria, la guerra riprende dopo un errore americano" in cui si afferma che:

A dare il colpo di grazia a un'intesa mai decollata davvero ci ha pensato sabato un incredibile raid della coalizione americana (con la partecipazione pure di caccia australiani, danesi e inglesi, si è saputo ieri): a Deir Ezzor - nell'est della Siria - sono andati a colpire proprio l'altura dalla quale l'esercito siriano difendeva la parte della città non ancora nelle mani dell'Isis.

Pare difficile ritenere che la versione della Nuova Bussola Quotidiana non faccia parte della loro strenua promozione della Russia che contraddistingue la loro propaganda. Le loro pagine dicono che i gay sono una minaccia e che Putin è l'unico a reprimerli come bisognerebbe fare. Dicono che il Papa sbaglia e che solo i leader religiosi russi conoscono il vero cristianesimo. Dicono che il Putin voglia combattere l'Isis mentre l'America lo favorirebbe. E non pare un caso che si spingano sino a scrivere che dinnanzi al bombardamento russo «né Damasco né Mosca l'hanno presa benissimo e hanno puntato il dito contro le ambiguità di Washington».
Insomma, siamo alla creazione di una verità parallela in cui La Nuova Bussola Quotidiana si pone come fonte di propaganda. Nelle ultime ore ha tento di negare il gesto del 12enne messicano che si è opposto alla sua ideologia, così come ora la troviamo pronta a mostrare bombe che diventano di altri quando esplodono sui convogli. E l'isteria omofobia che ha venduto per anni pare ora il mezzo con cui quel giornale spera di poter proporre la sua verità su tutto, certo che tutti quei sedicenti "cristiani" che si affidano a loro per veder giustificato il loro odio sapranno assorbire anche i nuovi input.
Gli Stati Uniti vanno demonizzati, la Russia deve essere sempre santificata come meta a cui tendere per realizzare il sogno di Putin nel creare un'Eurasia che veda in Mosca la sua capitale. E il fatto che Mosca finanzi i gruppi politici di estreme destra che ruotano attorno a quella testata potrebbe non essere solo una fortuita coincidenza.
6 commenti