Il cardinale Oscar Maradiaga: «Non si nasce gay, lo si diventa per colpa della pornografia»



Il cardinale Oscar Maradiaga, a capo del consiglio dei nove cardinali istituito da Papa Francesco per il rinnovo della curia, si dice convinto che essere gay sia sbagliato. Non solo. L'uomo ha anche ritenuto di dover raccontare questa sua convinzione anche in occasione di una visita in una scuola di Münster, in Germania, dove per ben due ore ha continuato a ripetere che l'omosessualità è una malattia e che l'eterosessualità è l'unico orientamento sessuale naturale.
Con affermazioni gravissime e basate sul più bieco pregiudizio, il sacerdote ha esordito sostenendo che «nessun uomo nasce omosessuale. Ognuno nasce uomo o donna per amare l'altro, questo è il piano di Dio». Non pago di tutto ciò, ha poi aggiunto che l'orientamento sessuale naturale verrebbe modificato solo da influenze negative avute durante l'infanzia o l'adolescenza, come come l'abuso sessuale, la negligenza o la pornografia.
Ed è sempre parlando a dei bambini che il prelato ha concluso il suo discorso sostenendo che «La sessualità è un dono di Dio. Non è un hobby, ma un'espressione di amore. Nessuno dovrebbe essere schiavo delle sue passioni sessuali ma tutti devono imparare a gestirle con responsabilità e con autostima. Abbiamo bisogno di formazione, non solo informazioni: solo chi vuole diventare padre o madre agisce secondo il disegno di Dio».

Nell'occasione non ha mancato di attaccare la proposta di poter introdurre il sacerdozio femminile, sostenendo che «Se Dio avesse voluto dare alle donne la possibile di essere preti, allora la Madre di Dio, Maria, la più santa di tutte le donne, sarebbe stata la prima ad essere ordinata da lui».
Inutile a dirsi, a smentire la sue assurde affermazioni e basterebbe anche una semplice considerazione: se davvero bastasse guardare una fotografia pornografica per "diventare" gay, com'è che esistono ancora degli eterosessuali? Ma forse non c'è né ragione né buonafede in una persona capace di insultare il prossimo nel sostenere che fra due persone dello stesso sesso non possa esistere amore.
9 commenti