L'integralismo ha prodotto prove finte per incolpare la comunità gay dell'attentato di Chealse



L'integralismo pare disposto a tutto pur di alimentare odio conto i gay, arrivando anche a creare finte prove che possano far ricadere la colpa di alcuni crimini su una comunità totalmente estranea ai fatti.
Dopo l'attentato di Chealse avvenuto a NewYork, su Tumblr ha fatto la sua comparsa una pagina piena di bandiere arcobaleno in cui un persona sosteneva di aver piazzato le bombe esplose a Chelsea sabato sera, aggiungendo che quella era protesta contro l'oppressione della comunità LGBT. Nella pagina si promettevano anche nuovi attentati e si affermava: «L'ho fatto perché non posso stare in piedi nella società. Non posso vivere in un mondo dove gli omosessuali come me, così come il resto della comunità lgbtq+ vengono disprezzati dalla società». Ed ancora: «Non so come ci si senta esattamente a togliere la vita».
L'FBI ha esaminato il documento è ha escluso la sua validità. Si tratterebbe dunque di una finta pagina creata da un qualche mitomane che voleva far ricadere sulla comunità gay la responsabilità dell'esplosione che ha ferito 29 persone.
La vergognosa falsificazione pare facilmente riconducibile a quella strategia internazionale che mira a far passare i gay come squilibrati pericolosi, così come spesso avviene anche sulle pagine di ProVita o nelle sparate di Adinolfi. Perché il movimento anti-gay non potrebbe esistere senza paura, motivo per cui i nemici degli integralisti vengono venduti come persone che devono essere temute (e quindi eliminate) dalla società. E per sostenere ciò. evidentemente c'è chi non ha remore nell'usare anche le tragedie.
1 commento