Palermo, il prete benedice l'unione tra due donne



Per fortuna c'è ancora chi dice «no». Dinnanzi ad una Chiesa Cattolica che pare essersi ormai trasformata in una setta anti-gay, è da Palermo che ci giunge notizia di un sacerdote che ha benedetto l'unione di due donne.
Si tratta di Padre Cosimo Scordato che, all'inizio della messa domenicale, ha presentato la coppia ai fedeli e ha annunciato la loro imminente unione civile. Ai presenti il sacerdote ha chiesto di «accoglierle nella comunità e di pregare per la loro vita insieme».
Elisabetta Cina (49 anni) e Serenella Fiasconaro (46) si sono poi unite civilmente ieri pomeriggio a Villa Trabia dinnanzi al sindaco Leoluca Orlando. Ma la prima emozione «forte e inaspettata» è stata quella benedizione da parte di una Chiesa che troppo spesso appare coma una vera e propria minaccia alla dignità di chi sceglie di condividere la propria vita con una persona del proprio sesso.
Non è stato così per Don Cosimo, il quale racconta: «Qualche giorno fa  sono venute da me per chiedermi di benedire gli anelli. La Chiesa non ammette questo sacramento per le coppie omosessuali ma le ho invitate comunque a venire a messa per presentarle alla Comunità, perché la Chiesa deve accogliere tutti». Un concetto di puro buonsenso che purtroppo pare sconosciuto a troppi gruppi integralisti. Il sacerdote ha poi aggiunto: «Il mio auspicio è che un giorno la chiesa accetti di benedire anche questo le relazioni omosessuali. Le cose si cambiano poco a poco, un passo per volta».
7 commenti