Christus Rex: «Halloween è una festa satanica che necessita di un rosario riparatore»



Anche il circolo integralista Christus Rex, ossia quella realtà vicina a Forza Nuova a cui le destre hanno affidato la redazione di mozioni omofobe poi imposte all'intera società, si è scagliato contro Halloween. L'organizzazione sostiene che quella festa sarebbe una «dimostrazione satanica di una tradizione che non ci appartiene», forse ignorando che le origini sono celtiche e si diffusero in Italia ancor prima di giungere oltreoceano.
Ma la rivendicazione di Christus Rex diventa a dir poco spassosa quando si lancia nell'asserire che «rinnoviamo l’invito a tutti i militanti, sostenitori e simpatizzanti a riunirsi per la recita di una Santo Rosario in riparazione agli scandali ed eventuali profanazioni della notte del 31 ottobre, in unione d’intenti, proprio lunedì sera alle 20.30, ovunque ci si trovi. La preghiera giungerà forte al Cielo». A detta loro, ad aderire alla loro iniziativa ci sarebbero gruppi di Verona, Vicenza, Treviso, Bolzano, Reggio Emilia, Milano, Domodossola e Foggia.

Sarebbe anche interessante provare a capire perché dicano che le le tradizione celtiche non gli appartengano se nelle loro sedi (insieme a vari adesivi con slogan fascisti) vendono anche croci celtiche. Questo, perlomeno, quando non sono impegnati ad organizzare combattimenti dinnanzi a dei bambini, peraltro affermando in modo alquanto inquietante che il saper "difendersi" con le botte da qualcuno sarebbe da intendersi «di grande utilità sociale». Considerato come loro si dicono «minacciati» dalla mancata discriminazione delle persone lgbt, c'è solo da sperare che non reputino «di grande utilità sociale» anche il massacrare di botte un gay.

Tornando all'articolo, ci si spetterebbe una qualche "argomentazione" delle loro teorie su Halloween anche se in realtà non è così: se ci si lancia nel creare quella solita opposizione tra un "noi" e un "loro" che è una prassi di ogni propaganda, difficile è capire dove vogliano andare a parare nel raccontare che:

In vista del macabro e buffo Expò delle zucche, riflettiamo sulla sostanza dell’esoterismo neopaganeggiante oggi in voga, tributario di quei focolai sulfurei che ebbero nel sedicente rinascimento nuova linfa attinta da antichissime elucubrazioni.
Pico della Mirandola tentò di utilizzare il misticismo panteistico della Cabala per spiegare i dogmi del cattolicesimo, considerando l’En-Sof emanatore, non creatore, che dal Nulla ritorna al Nulla a seguito di un processo in cui, tramite le Sephirot, l’uomo altro non sarebbe che una fase. La Cabala giudaica spuria iniziò già in Egitto e poi a Babilonia ad assumere tratti gnostici e pertanto fu naturale l’avvicinamento alle dottrine teosofiche orientali, per cui il corpo è una prigione che racchiude la scintilla divina: liberarsi del corpo diventa così un’affermazione della propria divinità e della propria infinita libertà. Per la teologia cristiana invece, l’uomo è creatura diversa dal creatore, che riceve l’essere da Lui non per emanazione e che è costituito da anima e corpo con la promessa della risurrezione dell’uno e dell’altra, ma accettando nello “al-di-qua” il destino della corruzione della materia e della morte. Il cristiano non viene liberato dal dolore, ma attraverso il dolore accettato trova la via della Salvezza.

E dopo una serie di elucubrazioni su come i "cristiani" siano superiori a tutti gli altri, si sentenzia:

La Chiesa invece ci insegna che Creatore e creazione sono distinti ontologicamente, che vi è una gerarchìa nel creato, che il creato è cosa buona ma distinta da Dio e che gli uomini (non gli animali, le pietre o gli alberi…) possono partecipare della vita divina per l’Amore di Dio come figli adottivi, se incardinati con la Fede nel corpo mistico di Cristo che È la Chiesa Cattolica ed Apostolica Romana.

Cosa tutto ciò possa aver a che fare con Halloween non è per nulla chiaro, ma si sa che la propaganda è solita cercare di soffocare con le parole tutto ciò che non è in grado di argomentare con ala ragione. Ed è così che un lungo e noioso articolo volto a sostenere che gli animali non siano graditi a Dio quanto gli uomini (cosa che peraltro sarebbe tutta da dimostrare) serve per affermare che si sia dinnanzi ad una festa satanica, anche se il perché non si sa.
4 commenti