I Medici: anche sesso gay nella prima serata di Rai Uno



«Coppie dello stesso sulla Rai??? Siamo dovuti tornare al 1400 per uscire dal Medioevo. Come minimo domani la Rai si vendica mandando in onda la messa in loop». Ironizza così il popolo di Twitter dinnanzi ad una tv di stato che finalmente si è comportata al pari delle altre realtà europee e non ha compiaciuto l'integralismo cattolico con le solite censure volte a cancellare quelle persone che i vari Amato o Adinolfi vorrebbero non esistessero perché contrarie alla loro teorizzazione di una nuova razza ariana basata sulla presunta eterosessualità.
Inutile a dirsi, il loro bigottismo e la lori violenza avrebbero rischiato di danneggiare l'immagine dell'intero Paese dinnanzi alla prima mondiale della serie "I Medici", un prodotto targato HBO che martedì 18 ottobre ha spopolati su RaiUno con 7.562.000 spettatori (pari al 29.9% di share). Dall'altro di un cast di prim'ordine (da Dustin Hoffman al compianto Robb Stark di Game of Thrones, passando per Miriam Leone, Alessandro Preziosi, Ric Madden e Guido Caprino), la serie non ha mancato di mostrare scene di sesso esplicito, anche gay. Strano a dirsi, scene che la Rai non ha censurato nonostante gli spettatori "cattolici" non mancheranno di protestare dicendo che "il generale" schifa i gay e non tollera possano avete pari dignità nel totalitarismo a cui lui vorrebbe condannare l'Italia (già è facile immaginarlo mentre vomita odio parlando di «omosessualismo», «propaganda» o di una presunta «difesa» di quei bambini che devono sapere che lui li perseguiterà e li danneggerà qualora la natura non li abbia fatti nascere con una spiccata eterosessualità.

Immagini: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10]
7 commenti