L'ambasciata russa in Inghilterra deride gli europei raffigurandoli come porcellini gay



L'ambasciata russa nel Regno Unito ha pubblicato su Twitter una vignetta offensiva che descrive le terre di Putin come un grande orso che si incombe su un'Europa in cui i cittadini sono stati raffigurati come salvadanai. L'Unione Europea è stata raffigurata come un campo di concentramento, caratterizzato da simboli che ricordano Auschwitz, da cui spuntano delle bandiere arcobaleno. Il tutto è stato accompagnato dalla frase: "Se la Russia è in declino, perché preoccuparsene? Forse la vera preoccupazione è il declino dell'Occidente e il fatto che noi gestiamo meglio le cose?".
Pare evidente che l'ambasciata Russia sia stia candidando alla guida dell'Europa attraverso gli slogan che i partiti da loro finanziati stanno portando avanti nel più becero populismo (non appare certo un caso se una simile vignetta pare la sintesi della campagna di odio messa in atto dalla Lega di Salvini).
Poche ore dopo, la medesima ambasciata ha pubblicato una seconda vignetta propagandistica in cui la Russia è nuovamente rappresentata come un orso, questa volta pronto a sterminare e uccidere i terroristi per liberare il mondo nell'inerzia degli altri strati. Insomma la solita becera propaganda che ben si inserisce nel progetto di Putin per l'invasione dell'Europa e per la creazione di un totalitarismo euroasiatico che sia sottomesso a Mosca. E l'uso dell'omofobia, incoraggiata da quelle sedicenti "associazioni" che promuovono Putin quale un nuovo Messia, è il collante con cui lo zar spera di poter mettere in comunicazioni i gruppi neofascisti europei con gli estremisti dei territori islamici che rientrano nelle sue mire espansionistiche.
11 commenti