Predicatore musulmano che invita a decapitare i gay dà lezioni a Londra a bambini tra i 6 e i 17 anni



Ha suggerito di decapitare i gay, così come ha sostenuto la necessità di gettarli da un dirupo o schiacciarli sotto le macerie di un muro. Si tratta del predicatore islamico Shaykh Hamza Sodagar , un uomo nato e cresciuto a Washington DC che ha trascorso gli ultimi quattordici anni a studiare la legge islamica in Iran.
Lunedì scorso Sodagar ha iniziato a fare lezione presso l'Islamic Republic of Iran School a Maida Vale, nel nord-ovest di London. Il Mirror spiega che quella struttura sia un ristorazione che funziona come scuola indipendente per studenti di età compresa tra i 6 e i 17. La gestione è del governo iraniano.
In un video registrato da Sodagar nel 2010, l'uomo si era lanciato in una disquisizione sulle pene di morte che devono essere utilizzate per punire gli uomini gay. Dice: «Se c'è un omosessuale, ci sono cinque punizioni possibili. La più facile è il decapitarli. La seconda è il lapidarli a morte. Il terzo è il buttarli giù da una rupe. Il quarto è abbattere un muro e lasciare che crolli su di loro in modo che muoiano schiacciati. Il quinto è una combinazione dei quattro metodi precedenti».
L'attivista per i diritti umani Peter Tatchell ha invitato il ministro a revocare il visto del predicatore: «In una società libera, Hamza Sodagar ha il diritto di credere che l'omosessualità sia un peccato, ma non di predicare le modalità per uccidere lesbiche e gay -ha dichiarato Tatchell- Molte persone con una posizioni meno estreme, che non hanno mai sostenuto la violenza, sono stati banditi dal Regno Unito. Il chiedere la morte per le persone LGBT è oltre il limite».
Secondo quanto riportato in una biografia autoprodotta, Sodagar si considera un «modello» per i «giovani musulmani di tutto il mondo».
7 commenti