Ad Arezzo un un seminario sulle discriminazioni delle persone lgbt nel mondo del lavoro



Si intitola "Diritti al lavoro” ed un seminario sulle discriminazioni nel mondo del lavoro a danno delle persone gay, lesbiche, bisex e transessuali che si svolgerà martedì 29 novembre dalle 14,30 nella Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo. L'evento di pone come occasione formativa per conoscere il fenomeno e fornire gli strumenti per contrastarlo.
Ancora oggi una buona percentuale di persone omosessuali denuncia di essere stata discriminata nel posto di lavoro oppure non dichiara il proprio orientamento sessuale perché teme ripercussioni. Percentuali decisamente maggiori e preoccupanti riguardano invece le difficoltà di accesso al mondo del lavoro da parte delle persone transessuali e transgender. Inevitabile è come tale situazione influisca negativamente sul livello di benessere di tutta la società. È per questo motivo la Provincia di Arezzo e la Consigliera di Parità, in collaborazione con Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo invitano tutta la cittadinanza al seminario. Sarà un'occasione di formazione per operatori e rappresentanti di Sindacati, associazioni di categoria, centri per l'impiego, ordini professionali e non solo. Ma sarà aperta anche a chiunque sia interessato ad incrementare la propria consapevolezza sul tema dell'inclusione socio-lavorativa delle persone LGBTI, saper riconoscere le discriminazioni a danno di persone gay, lesbiche, bisessuali e trans sui luoghi di lavoro e aumentare il livello di benessere di tutti nell'ambiente lavorativo.
I relatori del seminario saranno studiosi ed esperti del fenomeno come Natascia Maesi, giornalista e formatrice, il sociologo e ricercatore Raffaele Lelleri e l'avvocata Caterina Caput di Rete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBTI.
L'evento è organizzato nell'ambito delle attività inerenti la Legge regionale n. 63 del 2004 "Norme contro le discriminazioni determinate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere” e in ottemperanza alla Carta d'intendi della Rete READY, la Rete delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni di cui la Provincia di Arezzo fa parte.
La partecipazione al seminario è libera e gratuita, ma è utile l'iscrizione via email presso l'ufficio Pari Opportunità.

Clicca qui per guardare la locandina dell'evento.
Commenti