Adinolfi difende lo sciacallaggio di Radio Maria: «Dite le cose a cazzo e siete anticristiani»



Pare proprio che Mario Adinolfi non perda mai occasione di rendersi ridicolo e di strumentalizzare la religione cattolica al soli fine di ottenere visibilità. Già, perché non pare umanamente possibile che possa davvero difendere chi ha sostenuto che il terremoto nel Centro Italia sia una punizione divina contro i gay. Non può crederci seriamente.
Eppure è dai microfoni di Radio Cusano Campus che il prurisposato integralista ha negato l'evidenza e ha cercato di ricorrere al suo classico vittimismo che sfodera ogni qualvolta non sa che pesi pigliare. Nonostante l'esistenza di inequivocabili registrazioni audio, lui sostiene che don Livio Fanzaga non abbia mai detto ciò che ha detto e si è messo a strillare istericamente: «Il terremoto come castigo divino per le unioni civili? Perché inventate una cosa del genere? Non è vero. Neanche sapete chi ha parlato, dite le cose a cazzo».
Ed è sempre difendendo il sacerdote che gli ha offerto un programma settimanale che il leader integralista ha iniziato a ripetersi incessantemente nell'aggiungere: «Ho letto il Corriere e l’Espresso: padre Fanzaga non ha mai detto quella frase, il 30 ottobre non ha mai fatto nessuna diretta. Io ci lavoro a Radio Maria, facciamo una informazione decente in questo Paese! Mi sono rotto le palle di questa informazione falsa e profondamente anticristiana»
Sostenere che tutto ciò che non è a vantaggio suo sia "anticristiana" è la prassi con cui Adinolfi attacca tutto e tutti. In fondo a che gli servirebbe essersi auto-nominato così tanto "cristiano" se poi non può usare quella farsa per cercare di attaccare chiunque contesti la sua propaganda anticristiana? E se è vero che in un primo momento si era fatto il nome di don Livio Fanzaga e poi si è scoperto che a pronunciare quelle parole era stato il suo collaboratore padre Giovanni Cavalcoli, non cambiano certo le responsabilità del direttore responsabile.
Poi Adinolfi ha pure aggiunto: «È una notizia falsa, voglio capire perché dà tanto fastidio Padre Livio Fanzaga. Voi vi accodate al gossip. Quell’audio non dice che il terremoto è colpa delle unioni civili, io non penso e non dico che il terremoto sia un castigo divino, ma questo non conta. Io sono un giornalista che sta parlando in una radio e allora dico che la verità è che Radio Maria dà fastidio. Quando invece Massimiliano Parente ha detto che rideva davanti alle chiese crollate, nessuno ha detto niente. Se uno scrittore imbecille dice che è divertente vedere le chiese crollate nessuno dice nulla, perché lo scrittore non si può crollare. Se in America qualcuno avesse provato a dire che rideva davanti alle torri gemelle che crollavano, non avrebbe più potuto camminare per strada. Ve lo dice Mario Adinolfi»
A bhe, un nome una garanzia. Mario Adinolfi non è forse quel tale che sostiene esista una fantomatica "ideologia gender" che nessuno ha mai sentito nominare in ambito accademico? E non è quello che dice che "qualcuno" vuole annullare le differenze fra maschi e femmine? E pare proprio quello stesso Adinolfi che è divorziato ma contro il divorzio, convinto che ciò che lui fa fra le lenzuola debba garantirgli vantaggi economici e sociali assoluti. Sarà, ma l'evidenza è che si è dinnanzi ad una persona che urla e strepita mentre pretende che la gente gli creda sulla parola, magari sperando che il suo aver scelto di cavalcare l'omofobia a fini commerciali possa ripagarlo grazie a queste uscite.
4 commenti