Torino. 11enne diventa disabile a causa del bullismo subito dai compagni di classe



La vittima è un bambino di 11 anni, ora dichiarato disabile a causa di una mente che è stravolta dal bullismo subito. È quanto accaduto ad uno studente di prima media di Torino che da settembre del 2015 fino agli inizi di gennaio è stato vittima di botte, umiliazioni e vessazioni da parte dei compagni di scuola
Il trauma di quel bullismo è stato tale da aver costretto i medici a ricoverarlo per un mese intero sino a comprendere che l'adolescente era fisicamente sano ma psicologicamente distrutto. Ma i suoi carnefici non subiranno alcuna consegna: la procura dei minori ha chiesto l’archiviazione per i due compagni di scuola indagati perché minori di 14 anni e quindi non processabili.
I genitori hanno raccontato che «era gennaio quando nostro figlio, che già da qualche giorno aveva manifestato un profondo malessere per le continue angherie subite da due compagni di classe, perdeva i sensi e si accasciava al suolo dinanzi ai nostri occhi stupiti. Neanche il tempo di destarlo che il piccolo inizia a tremare con scatti improvvisi e violenti, ad agitare le mani verso l’alto, quasi a proteggersi il volto, e poi a dimenarsi sul pavimento, senza urlare, ma biascicando mugugni monotoni e incomprensibili». Pensando a convulsioni, epilessia o un infarto, i genitori lo hanno portato all'ospedale Regina Margherita. Ed è lì che i medici hanno scoperto l'orribile verità: quella vita era stata distrutta dalla paura di subire ancora e disperati tentativi di trovare rifugio e riparo dalle botte.
3 commenti