Costanza Miriano per anni si è finta nubile per ottenere un posto in Rai, ma ora condanna il Ministro Fedeli per una bugia assai più veniale



La storia di Costanza Miriano è tristemente nota a tutti. Il suo matrimonio è tutt'altro che tradizionale: nonostante si sia sposata in chiesa nel 1999, la donna è venuta meno alla sua promessa al vescovo di regolarizzare al più presto le pratiche anche sul fonte civile e per anni ed anni ha percepito assegni e privilegi non dovuti (dinnanzi allo stato risultava una madre single). Ma non solo. Il suo fingersi nubile le ha permesso di ottenere un'assunzione in Rai che non sarebbe mai stata possibile se il suo legame col marito fosse risultato sui documenti, in virtù di come il regolamento aziendale vieti l'assunzione di parenti.
Ha mentito, ha guadagnato soldi, ha ottenuto un impiego pubblico senza mai aver pagato pegno per quelle colpe. Eppure è dalla sua pagina Facebook che la Miriano non esita a puntare il dito per mettere condanne morali contro quel ministro che lei odia perché si batte per la parità delle donne e non per la loro sottomissione. Com'è noto, la Fedeli si è attribuiva una laurea a fronte di un corso che oggi è considerato tale ma che ai suoi tempi non lo era. Ed è su questo fatto che l'integralismo syis ta aggrappando sperando che le sia impossibile potersi battere per una sana educazione alla diversità e al rispetto che loro non tollerano possa essere impartita ai nostri figlia (sia mai che non crescano traboccanti di odio come i loro seguaci). In un patetico commento, scrive:

Ma un preside può ancora prendere provvedimenti su un alunno che fa salina (o sega che dir si voglia) cioè che mente su un'assenza, se il ministro dell'istruzione mente sul curriculum?
A quale ordine morale superiore potrà appigliarsi?

Vien da sé che il giorno in cui renderà conto delle sue bugie riguardo al suo stato civile e quando libererà quel posto di lavoro pubblico che non avrebbe dovuto strappare ad altri candidati, forse potrà lamentarsi di una bugia veniale a fronte del suo peccato. Ma la Miriano è l'emblema del sedicente "cristiano" che non esista a guardare la pagliuzza nell'occhio del fratello senza preoccuparsi minimamente della trave che è nella sua.
3 commenti