Che fine hanno fatto?



Oltre a siti che trattano nello specifico di omosessualità o quotidiani locali, dove sono Amato, Adinolfi, Povia, Gandolfini, Costanza Miriano...
Certo, a volte appaiono anche nei grandi giornali come la recente De Mari (con Aragorn a forma di vagina) o Forza Nuova (con i suo corteo funebre) o Adinolfi (con la polemica dei siti porno).... ma perché ciò avvenga si devono ricoprire costantemente di ridicolo e scadere nel trash involontario solo per una fiammata di notorietà.
Ormai la gran parte dei big "viva la famiglia e abbasso i gay" sono in rilevati da un punto di vista mediatico: da Amato (il "generale" della cristianità) che insieme a Povia (vincitore di un Sanremo) sono costretti a fare comizi e cantare in oratorio a Giovanardi ormai confluito in un partito che prenderà si e no lo 0,3% alle prossime elezioni. Un altro esempio potrebbe essere Gandolfini (l'organizzatore del Family Day) che però non ho la ben che minima idea di che fine abbia fatto.
Questa credo sia una lezione importante per spiegare che l'omofobia non paga e se lo fa, lo fa solo nel breve termine.

Marco S.
1 commento